Salute 8 Luglio 2022 11:35

Simulando s’impara: la realtà virtuale è il futuro della formazione in medicina

Il direttore del Gemelli Training Center: «L’utilizzo di tecnologie di realtà virtuale di ultima generazione permette, non solo di formare i giovani medici in maniera sempre più moderna ed efficace, ma anche di sperimentare la gestione della propria emotività e il lavoro di squadra»

Un nuovo virus letale, che si trasmette attraverso le vie respiratorie, ha scatenato una pandemia globale. È vano ogni tentativo dei ricercatori di trovare una cura definitiva: solo i vaccini riescono a fermarne la diffusione. Non è un brevissimo resoconto dell’emergenza sanitaria vissuta in questi ultimi due anni a causa del Covid-19, ma la trama del film “Contagion” che già nel 2011 raccontava scenari molti simili a quelli che abbiamo vissuto nella vita reale meno di 10 anni dopo. E se la pandemia da Covid-19 non fosse stata semplicemente immaginata e rappresentata attraverso una pellicola cinematografica, ma l’avessimo potuta vivere nel mondo virtuale? È probabile che tutti, in primis medici e operatori sanitari, saremmo stati più preparati ad affrontarla.

Simulare per formare

Al Gemelli Training Center medici e specializzandi si preparano proprio a questo: ad affrontare emergenze che si spera non capiteranno mai nella vita reale, ma anche a migliorare le proprie competenze per la gestione di situazioni ordinarie. Il tutto grazie ad una nuova generazione di simulatori per l’apprendimento di manovre e procedure chirurgiche in situazioni molto simili alla realtà, per apprendere in sicurezza manovre mediche, rianimatorie e chirurgiche, anche in condizioni ad elevato impatto emotivo. «L’utilizzo di tecnologie di realtà virtuale di ultima generazione permette, non solo di formare i giovani medici in maniera sempre più moderna ed efficace, ma anche di sperimentare la gestione della propria emotività e il lavoro di squadra», spiega il professor Raffaele Landolfi, direttore del Gemelli Training Center di Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS.

Il debriefing

Alla fine dell’esercitazione sarà possibile fare tesoro degli errori commessi. Il valore aggiunto del metodo utilizzato al Gemelli Training Center non è solo l’alta tecnologia, ma anche la rianalisi del comportamento che ciascuno degli specializzandi o dei medici in formazione ha nello scenario di simulazione, il cosiddetto debriefing. «Al termine della simulazione tutto il team che vi ha preso parte visionerà l’intera videoregistrazione per identificare non sono eventuali errori di natura tecnica, ma anche reazioni emotive inappropriate», aggiunge Landolfi. In altre parole, sbagliando s’imparerà.

«Questi simulatori – conferma Luca Argentero, l’amato protagonista della fiction di Rai1 “Doc, nelle tue mani” che, in occasione della presentazione del Gemelli Training Center ha voluto cimentarsi direttamente in una serie di manovre sui manichini – sono ideali per formare il personale medico non sul paziente ma su delle tecnologie modernissime».

Simulatori o avatar?

“Victoria” è uno dei “manichini” testati da Luca Argentero.  Si tratta di un simulatore avanzato di parto dotato di un modulo di realtà aumentata e progettato per aiutare gli studenti a colmare il divario tra teoria e pratica con una curva di apprendimento particolarmente veloce. «Utilizzando la più recente tecnologia di visualizzazione “olografica”, sovrapposta al simulatore-paziente, sarà possibile collegare conoscenze teoriche e abilità pratiche, attraverso un’esperienza formativa completamente nuova. I discenti potranno gestire in totale sicurezza le varie situazioni di parto complicato, come il parto podalico, quello distocico di spalla, le emorragie, oltre a eseguire in simulazione un parto cesareo», racconta Landolfi.

Per la rianimazione ci sono i simulatori iperrealistici Simbodies utili alla gestione del trauma, il simulatore avanzato Apollo per l’ecografia. Ancora, il simulatore ungsim per la ventilazione meccanica, il Blocksim che insegna a fare le anestesie loco-regionali e EigenFlow, il simulatore per Ecmo (Extracorporeal membrane oxygenation), il sistema che in questi due anni ha aiutato a sopravvivere all’insufficienza respiratoria grave tanti pazienti affetti da Covid-19.

Medici e software in aggiornamento continuo

I manichini iper-realistici resteranno a disposizione degli studenti del Gemelli e dell’Università Cattolica all’interno di corsi appositamente organizzati. «Ogni 6 mesi – prosegue il professor Landolfi – avremo a disposizione anche tutti gli aggiornamenti e i nuovi software. Il ritmo di innovazione di queste tecnologie di apprendimento è impressionante e anche molto più rapido di quello delle vere tecnologie mediche. Tra l’altro – continua Landolfi – la simulazione può essere utilizzata non solo per rendere più efficiente l’apprendimento ma anche per migliorare la valutazione delle conoscenze e delle capacità dei futuri medici». La simulazione è, dunque, il futuro della formazione in medicina: «Ovunque si formino medici, pre e post-laurea, non possono mancare questi strumenti. È un obiettivo ineludibile da raggiungere non nel prossimo decennio, ma al massimo – conclude il professore – entro cinque anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Policlinico Gemelli, «sportelli» aperti alla Banca del Latte. «Donare è un gesto salva-vita»
Il Policlinico Gemelli di Roma ha attivato una Banca del Latte e ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le mamme alla donazione
Long Covid, come stanno gli italiani che lo hanno sviluppato nella prima ondata?
Sono passati più di tre anni da quando è scoppiata la pandemia nel Mondo e in Italia. Da allora sono circa 26 milioni gli italiani contagiati. «Nella maggior parte dei casi si guarisce dopo qualche mese, ma ci sono pazienti che anche a distanza di 3 anni continuano a stare male», racconta Matteo Tosato, responsabile dell'Unità operativa Day Hospital post-Covid, Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma
Due anni di attività per il Day Hospital Post-Covid del Policlinico Gemelli
Nato nei mesi più duri della pandemia di Covid-19, il Day Hospital Post-Covid della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, aperto il 21 aprile 2020, traccia in occasione dei primi due anni di attività un primo bilancio molto positivo sia sul fronte dell’assistenza ai pazienti che della ricerca. Oltre 3 mila i pazienti da tutta Italia a oggi trattati (più di 2500 adulti e oltre 500 pediatrici)
Ronaldo e Georgina in lutto per il figlio, la ginecologa spiega i rischi del parto gemellare
Cristiano Ronaldo ha annunciato la morte di suo figlio subito dopo la sua nascita. Era un gemello e una ginecologa spiega i rischi dei parti gemellari
Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»
A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...