Salute 11 aprile 2018

Sicilia, continua l’emergenza morbillo: in 15 ricoverati a Catania. Si muove la Regione

Due pazienti in condizioni più serie. Oltre la metà delle infezioni registrate in Italia si sono avute sull’isola. A breve decreto regionale per fronteggiare la situazione: tra le misure riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e uno screening del personale sanitario

È sempre più emergenza morbillo in Sicilia. Epicentro di questa epidemia è la città di Catania dove sono 15 in tutto, in questo momento, i pazienti affetti da morbillo e ricoverati all’Ospedale Garibaldi dove la scorsa settimana un bimbo di 10 mesi è morto per complicanze legate alla malattia. Due di loro, secondo quanto riportato dall’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, «sono in condizioni di particolare fragilità». I due pazienti hanno 28 e 30 anni e sono ricoverati da cinque giorni. Il direttore dell’Unità operativa di Rianimazione del Garibaldi Sergio Pintaudi ha spiegato che la loro situazione è costantemente monitorata e al momento sotto controllo. I 15 pazienti sono ricoverati nei vari reparti di Malattie infettive e tutti in isolamento.

I dati dell’Istituto Superiore di Sanità parlano chiaro: oltre la metà delle infezioni registrate a livello nazionale – ovvero 218 su 411 – si sono avute proprio nell’isola, ed in particolare all’ospedale Garibaldi di Catania. E su quattro decessi totali da gennaio, tre si sono verificati al Garibaldi.

LEGGI ANCHE: MORBILLO, CRESCE LA MORTALITA’: 2 DECESSI E 164 CASI DALL’INIZIO DELL’ANNO

Intanto è pronta a muoversi la Regione Sicilia. Da Palazzo d’Orleans dovrebbe arrivare a breve il decreto regionale per fronteggiare l’emergenza morbillo. Il piano regionale dovrebbe prevedere una riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e un aumento dei vaccinatori in tutta l’isola, un protocollo per la presa in carico del paziente esteso a tutti i Pronto soccorso, uno screening del personale sanitario e di quello scolastico. Allo studio anche la possibilità di prevedere la gratuità del vaccino anche per gli adulti.

Sul tema è intervenuto anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che è tornata sull’importanza delle vaccinazioni obbligatorie. «Il caso del bimbo di 10 mesi morto di morbillo a Catania – ha detto – ripropone il tema dei buchi vaccinali e la trasmissione dagli adulti ai bambini della malattia». «Si sono perse – ha aggiunto il Ministro – intere coorti negli ultimi decenni, ovvero intere generazioni vaccinate». E per questo la vaccinazione obbligatoria «vuol dire mettere in sicurezza la comunità, perché si tratta di un tema di cultura scientifica e di cosa si intende per immunità di massa».

Ma l’epidemia di morbillo sta interessando anche altri Paesi europei. Secondo il sito specializzato Outbreaknews l’allarme per la malattia si estende dalla Francia al Portogallo. In Francia dall’inizio dell’anno le autorità hanno segnalato 1346 casi, di cui il 20% ricoverati, concentrati soprattutto nella regione sud occidentale della Nouvelle-Aquitaine, dove lo scorso febbraio è morta una donna di 32 anni nella città di Poitiers. Si è tornati a parlare della malattia anche in Portogallo, paese in cui per 12 anni non si erano registrate trasmissioni endemiche, per un focolaio che si sta sviluppando nel nord del paese con oltre 100 casi, l’80% dei quali tra gli operatori sanitari dell’ospedale Santo António di Oporto. Secondo l’Ecdc- European Centre for Disease Prevention and Control la continua diffusione del morbillo in Europa è dovuta alla copertura vaccinale non ottimale: di tutti i casi di cui si conosce lo status l’87% si è verificato in individui non immunizzati.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sisma Etna, Grillo ad Acireale: «Qui solo lievi danni, ospedale pienamente operativo. Cdm varerà Stato di Emergenza»
Il Ministro della Salute, catanese, si trova nel capoluogo etneo per le feste: «La macchina dei soccorsi ha funzionato benissimo. Ringrazio, ancora una volta, tutti gli operatori sanitari, i medici e i soccorritori che in questi giorni stanno assicurando il pieno funzionamento dei servizi e l'ascolto per chiunque abbia bisogno di supporto psicologico»
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano