Salute 11 aprile 2018

Sicilia, continua l’emergenza morbillo: in 15 ricoverati a Catania. Si muove la Regione

Due pazienti in condizioni più serie. Oltre la metà delle infezioni registrate in Italia si sono avute sull’isola. A breve decreto regionale per fronteggiare la situazione: tra le misure riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e uno screening del personale sanitario

È sempre più emergenza morbillo in Sicilia. Epicentro di questa epidemia è la città di Catania dove sono 15 in tutto, in questo momento, i pazienti affetti da morbillo e ricoverati all’Ospedale Garibaldi dove la scorsa settimana un bimbo di 10 mesi è morto per complicanze legate alla malattia. Due di loro, secondo quanto riportato dall’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, «sono in condizioni di particolare fragilità». I due pazienti hanno 28 e 30 anni e sono ricoverati da cinque giorni. Il direttore dell’Unità operativa di Rianimazione del Garibaldi Sergio Pintaudi ha spiegato che la loro situazione è costantemente monitorata e al momento sotto controllo. I 15 pazienti sono ricoverati nei vari reparti di Malattie infettive e tutti in isolamento.

I dati dell’Istituto Superiore di Sanità parlano chiaro: oltre la metà delle infezioni registrate a livello nazionale – ovvero 218 su 411 – si sono avute proprio nell’isola, ed in particolare all’ospedale Garibaldi di Catania. E su quattro decessi totali da gennaio, tre si sono verificati al Garibaldi.

LEGGI ANCHE: MORBILLO, CRESCE LA MORTALITA’: 2 DECESSI E 164 CASI DALL’INIZIO DELL’ANNO

Intanto è pronta a muoversi la Regione Sicilia. Da Palazzo d’Orleans dovrebbe arrivare a breve il decreto regionale per fronteggiare l’emergenza morbillo. Il piano regionale dovrebbe prevedere una riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e un aumento dei vaccinatori in tutta l’isola, un protocollo per la presa in carico del paziente esteso a tutti i Pronto soccorso, uno screening del personale sanitario e di quello scolastico. Allo studio anche la possibilità di prevedere la gratuità del vaccino anche per gli adulti.

Sul tema è intervenuto anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che è tornata sull’importanza delle vaccinazioni obbligatorie. «Il caso del bimbo di 10 mesi morto di morbillo a Catania – ha detto – ripropone il tema dei buchi vaccinali e la trasmissione dagli adulti ai bambini della malattia». «Si sono perse – ha aggiunto il Ministro – intere coorti negli ultimi decenni, ovvero intere generazioni vaccinate». E per questo la vaccinazione obbligatoria «vuol dire mettere in sicurezza la comunità, perché si tratta di un tema di cultura scientifica e di cosa si intende per immunità di massa».

Ma l’epidemia di morbillo sta interessando anche altri Paesi europei. Secondo il sito specializzato Outbreaknews l’allarme per la malattia si estende dalla Francia al Portogallo. In Francia dall’inizio dell’anno le autorità hanno segnalato 1346 casi, di cui il 20% ricoverati, concentrati soprattutto nella regione sud occidentale della Nouvelle-Aquitaine, dove lo scorso febbraio è morta una donna di 32 anni nella città di Poitiers. Si è tornati a parlare della malattia anche in Portogallo, paese in cui per 12 anni non si erano registrate trasmissioni endemiche, per un focolaio che si sta sviluppando nel nord del paese con oltre 100 casi, l’80% dei quali tra gli operatori sanitari dell’ospedale Santo António di Oporto. Secondo l’Ecdc- European Centre for Disease Prevention and Control la continua diffusione del morbillo in Europa è dovuta alla copertura vaccinale non ottimale: di tutti i casi di cui si conosce lo status l’87% si è verificato in individui non immunizzati.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
Vaccini, al via il programma delle aperture straordinarie degli ambulatori a Catania
Al via il programma di aperture straordinarie degli ambulatori vaccinazioni dell’Asp di Catania. Al fine di incrementare le coperture vaccinali della popolazione del territorio provinciale e di dare continuità alle azioni di contenimento dell’epidemia di morbillo che ha interessato la Regione Siciliana, l’Asp di Catania, per il tramite del Dipartimento di Prevenzione (diretto dal dott. […]
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...