Salute 11 Aprile 2018

Sicilia, continua l’emergenza morbillo: in 15 ricoverati a Catania. Si muove la Regione

Due pazienti in condizioni più serie. Oltre la metà delle infezioni registrate in Italia si sono avute sull’isola. A breve decreto regionale per fronteggiare la situazione: tra le misure riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e uno screening del personale sanitario

È sempre più emergenza morbillo in Sicilia. Epicentro di questa epidemia è la città di Catania dove sono 15 in tutto, in questo momento, i pazienti affetti da morbillo e ricoverati all’Ospedale Garibaldi dove la scorsa settimana un bimbo di 10 mesi è morto per complicanze legate alla malattia. Due di loro, secondo quanto riportato dall’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, «sono in condizioni di particolare fragilità». I due pazienti hanno 28 e 30 anni e sono ricoverati da cinque giorni. Il direttore dell’Unità operativa di Rianimazione del Garibaldi Sergio Pintaudi ha spiegato che la loro situazione è costantemente monitorata e al momento sotto controllo. I 15 pazienti sono ricoverati nei vari reparti di Malattie infettive e tutti in isolamento.

I dati dell’Istituto Superiore di Sanità parlano chiaro: oltre la metà delle infezioni registrate a livello nazionale – ovvero 218 su 411 – si sono avute proprio nell’isola, ed in particolare all’ospedale Garibaldi di Catania. E su quattro decessi totali da gennaio, tre si sono verificati al Garibaldi.

LEGGI ANCHE: MORBILLO, CRESCE LA MORTALITA’: 2 DECESSI E 164 CASI DALL’INIZIO DELL’ANNO

Intanto è pronta a muoversi la Regione Sicilia. Da Palazzo d’Orleans dovrebbe arrivare a breve il decreto regionale per fronteggiare l’emergenza morbillo. Il piano regionale dovrebbe prevedere una riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e un aumento dei vaccinatori in tutta l’isola, un protocollo per la presa in carico del paziente esteso a tutti i Pronto soccorso, uno screening del personale sanitario e di quello scolastico. Allo studio anche la possibilità di prevedere la gratuità del vaccino anche per gli adulti.

Sul tema è intervenuto anche il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che è tornata sull’importanza delle vaccinazioni obbligatorie. «Il caso del bimbo di 10 mesi morto di morbillo a Catania – ha detto – ripropone il tema dei buchi vaccinali e la trasmissione dagli adulti ai bambini della malattia». «Si sono perse – ha aggiunto il Ministro – intere coorti negli ultimi decenni, ovvero intere generazioni vaccinate». E per questo la vaccinazione obbligatoria «vuol dire mettere in sicurezza la comunità, perché si tratta di un tema di cultura scientifica e di cosa si intende per immunità di massa».

Ma l’epidemia di morbillo sta interessando anche altri Paesi europei. Secondo il sito specializzato Outbreaknews l’allarme per la malattia si estende dalla Francia al Portogallo. In Francia dall’inizio dell’anno le autorità hanno segnalato 1346 casi, di cui il 20% ricoverati, concentrati soprattutto nella regione sud occidentale della Nouvelle-Aquitaine, dove lo scorso febbraio è morta una donna di 32 anni nella città di Poitiers. Si è tornati a parlare della malattia anche in Portogallo, paese in cui per 12 anni non si erano registrate trasmissioni endemiche, per un focolaio che si sta sviluppando nel nord del paese con oltre 100 casi, l’80% dei quali tra gli operatori sanitari dell’ospedale Santo António di Oporto. Secondo l’Ecdc- European Centre for Disease Prevention and Control la continua diffusione del morbillo in Europa è dovuta alla copertura vaccinale non ottimale: di tutti i casi di cui si conosce lo status l’87% si è verificato in individui non immunizzati.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»
«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio
Diritto alla salute, Cisl e Simedet ne parlano a Roma. Papotto (Cisl): «Regionalismo differenziato può aumentare diseguaglianze»
Convegno a Roma per fare il punto sull’articolo 32 della Costituzione. Tra i relatori Filippo Anelli (FNOMCeO) e l’ex ministro Beatrice Lorenzin. Il leader Cisl medici: «Sarà occasione per ribadire che il finanziamento alla sanità è sottostimato. Mancato rinnovo contratto è una vergogna»
Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»
La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...