Salute 22 dicembre 2017

Si può morire di “cuore spezzato”? «L’80% di chi ne soffre è donna»

«La sindrome insorge dopo forte stress fisico o emotivo». Così ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino

Si chiama sindrome del cuore spezzato e colpisce quasi esclusivamente le donne. La patologia, che presenta sintomi molto simili ad un infarto, può insorgere in seguito ad un forte stress emotivo o fisico, mentre in alcuni casi può seguire ad un episodio di violenza. Niente di “romantico”, dunque, ma un problema serio che può avere conseguenze molto pesanti. «Questa patologia – spiega ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino – si manifesta in maniera molto simile ad un infarto miocardico acuto, dal quale si differenzia solo perché non avviene occlusione delle coronarie. In comune c’è un’alterazione della contrattività del ventricolo sinistro del cuore, che può essere anche molto importante e può portare ad una disfunzione ventricolare acuta che se non trattata in maniera tempestiva può causare anche la morte del soggetto».

Un vero pericolo per la vita, insomma, che colpisce prevalentemente le donne: «Circa l’80% dei casi che si registrano riguardano donne in età post-menopausale e spesso arrivano dopo un forte stress che può essere sia emotivo che fisico. Tra gli stress emotivi possiamo citare, ad esempio, un lutto molto grave o eventi catastrofici come i terremoti, con perdita di parenti o della propria abitazione. Tra quelli fisici, invece, possiamo annoverare interventi chirurgici o di violenza, soprattutto sulle donne. Le cause fisiopatologiche alla base di questa sindrome – continua la dottoressa Della Bona – non sono del tutto conosciute. Si ipotizza anche una predisposizione genetica su cui però si stanno conducendo ancora degli studi che, si spera, chiariranno alcuni aspetti di questa sindrome. Quel che è venuto fuori, però, è che spesso esiste una correlazione dal punto di vista fisiopatologico con il sistema nervoso centrale. Nello specifico – spiega ancora la dottoressa –, c’è un aumento di catecolamine, che avviene dopo che il soggetto ha subito lo stress, che va ad interagire con la corteccia celebrale. Queste catecolamine vengono prodotte e poi vanno a stimolare i recettori che sono localizzati a livello cardiaco, portando appunto a questa disfunzione della contrattività miocardica». Ma cosa si può fare per combattere questo tipo di patologia? «Se trattata tempestivamente e bene – conclude la dottoressa Della Bona – la sindrome regredisce nella maggior parte dei casi, con una prognosi positiva».

 

Articoli correlati
“La violenza fisica e psichica sulla persona”: il convegno a Sassari
La violenza fisica e psichica sulla persona” è il titolo del convegno in programma venerdì 16 novembre, alle ore 15, nell’aula magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in viale San Pietro a Sassari. L’incontro, organizzato dal Centro di vittimologia della Clinica psichiatrica dell’Aou di Sassari e dell’Università di Sassari in collaborazione con la Società, […]
Policlinico Umberto I, il nuovo programma per i pazienti con insufficienza cardiaca
Il Congresso “Global Management for Advanced Heart Failure“, che si terrà il 26 e 27 ottobre prossimi a Roma sarà l’occasione per presentare il nuovo programma del Policlinico Umberto I per la gestione dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca avanzata tramite impianto di sistemi di assistenza ventricolari, noti come VAD (Ventricular Assist Device) realizzato in […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Stress danneggia il DNA, studio italiano mette in luce basi genetiche
Esperimento coordinato dal Dipartimento di Biologia della Sapienza ha evidenziato l’attivazione di elementi genetici mobili (trasposoni) con possibili gravi conseguenze per l’organismo. Possibile ruolo nell’invecchiamento umano
Napoli, all’ospedale Santobono iniettato un monitor cardiaco
Il cuore dei bambini monitorato con una siringa sotto cute. L’intervento di eccellenza è avvenuto all’ospedale Santobono di Napoli, dove qualche giorno fa un bambino è stato ricoverato dopo aver avuto una sincope dovuta ad un’improvvisa alterazione del ritmo cardiaco.Per questo motivo, come riporta Repubblica, l’equipe del dottor Paladini ha provveduto ad iniettare sotto pelle un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...