Salute 22 Dicembre 2017

Si può morire di “cuore spezzato”? «L’80% di chi ne soffre è donna»

«La sindrome insorge dopo forte stress fisico o emotivo». Così ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino

Si chiama sindrome del cuore spezzato e colpisce quasi esclusivamente le donne. La patologia, che presenta sintomi molto simili ad un infarto, può insorgere in seguito ad un forte stress emotivo o fisico, mentre in alcuni casi può seguire ad un episodio di violenza. Niente di “romantico”, dunque, ma un problema serio che può avere conseguenze molto pesanti. «Questa patologia – spiega ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino – si manifesta in maniera molto simile ad un infarto miocardico acuto, dal quale si differenzia solo perché non avviene occlusione delle coronarie. In comune c’è un’alterazione della contrattività del ventricolo sinistro del cuore, che può essere anche molto importante e può portare ad una disfunzione ventricolare acuta che se non trattata in maniera tempestiva può causare anche la morte del soggetto».

Un vero pericolo per la vita, insomma, che colpisce prevalentemente le donne: «Circa l’80% dei casi che si registrano riguardano donne in età post-menopausale e spesso arrivano dopo un forte stress che può essere sia emotivo che fisico. Tra gli stress emotivi possiamo citare, ad esempio, un lutto molto grave o eventi catastrofici come i terremoti, con perdita di parenti o della propria abitazione. Tra quelli fisici, invece, possiamo annoverare interventi chirurgici o di violenza, soprattutto sulle donne. Le cause fisiopatologiche alla base di questa sindrome – continua la dottoressa Della Bona – non sono del tutto conosciute. Si ipotizza anche una predisposizione genetica su cui però si stanno conducendo ancora degli studi che, si spera, chiariranno alcuni aspetti di questa sindrome. Quel che è venuto fuori, però, è che spesso esiste una correlazione dal punto di vista fisiopatologico con il sistema nervoso centrale. Nello specifico – spiega ancora la dottoressa –, c’è un aumento di catecolamine, che avviene dopo che il soggetto ha subito lo stress, che va ad interagire con la corteccia celebrale. Queste catecolamine vengono prodotte e poi vanno a stimolare i recettori che sono localizzati a livello cardiaco, portando appunto a questa disfunzione della contrattività miocardica». Ma cosa si può fare per combattere questo tipo di patologia? «Se trattata tempestivamente e bene – conclude la dottoressa Della Bona – la sindrome regredisce nella maggior parte dei casi, con una prognosi positiva».

 

Articoli correlati
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Emergenza-urgenza in pediatria, Roscio (cardiologo) «Tutti i medici, specialisti e non, siano preparati alla gestione degli episodi critici»
Il coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma: «Abbiamo promosso il corso di aggiornamenti in tossicologia pediatrica perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, soprattutto in ambiente domestico»
di Isabella Faggiano
Firenze, l’immaginazione guidata al Meyer riduce ansia e stress nei bambini
Le tecniche di immaginazione guidata aiutano, nei bambini, a diminuire l’ansia pre e post operatoria. È quanto dimostra uno studio dell’ospedale pediatrico fiorentino delle psicologhe del servizio di Psicologia dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze in collaborazione con il Servizio di Terapia del dolore e Cure Palliative e da poco pubblicato su “European Journal of Pediatrics”. […]
A Roma il Festival della Psicologia 2019. “Io sono qui”: un viaggio alla scoperta della nostra Identità
Al via la quinta edizione: l’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, è in programma dal 31 maggio al 2 giugno al Teatro India della Capitale. Le 3 serate saranno il momento centrale della manifestazione, intervallate da incontri tematici e laboratori
di Isabella Faggiano
Prevenzione cardiaca, Colivicchi (cardiologo): «Dopo ricovero pazienti non seguono terapie, servono percorsi più sicuri ospedale-territorio»
Il direttore dell’U.O.C di Cardiologia del San Filippo Neri ricorda l'importanza di adottare stili di vita corretti, evitare comportamenti a rischio e aderire alle terapie. Il professor Fedele (Umberto I) svela: «Una percentuale rilevante di pazienti non smette di fumare neanche dopo l’infarto»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...