Salute 31 Maggio 2022 15:05

Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati

Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia

Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati

Quando una malattia o un infortunio costringono un ragazzo ad assentarsi da scuola per mesi mettono a rischio non solo la sua istruzione, ma anche la sua stabilità emotiva. Per questo il protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale (Usr) per garantire il servizio di Scuola in Ospedale e di istruzione domiciliare approvato nei giorni scorsi dalla Giunta rappresenta un importante conquista per alunni, genitori e sistema scolastico.

Cosa cambia?

Il protocollo approvato dalla Giunta su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti con l’assessore all’Istruzione, Fabrizio Sala, ha una durata triennale e l’obiettivo di promuovere una maggiore sinergia tra scuole e strutture sanitarie in modo da rendere il servizio, attivo in Lombardia già dal 2012, più funzionale con una rete di scuole in ospedale più capillare in modo da superare anche le disparità che esistono tra differenti realtà locali.

27 ospedali garantiscono il servizio

Ad oggi sono 27 gli ospedali che garantiscono la scuola di primo e secondo grado agli alunni ricoverati, compresi gli esami di Stato per conseguire il diploma di terza media e maturità. «I giovani sono al centro dell’azione sanitaria ed educativa – ha spiegato Letizia Moratti –, non sono visti solo come pazienti o alunni, ma considerati in modo globale e condiviso tra tutti gli operatori con cui sono in contatto. Questa iniziativa rappresenta dunque un passo avanti per garantire loro un’istruzione qualificata anche in un momento di fragilità».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Epatiti misteriose, casi in aumento. Gli esperti: «Non si interrompa il monitoraggio»
I casi di epatite misteriosa continuano a salire e l'Associazione italiana per lo studio del fegato invita a non abbassare la guardia
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...