Salute 29 Marzo 2019

Sclerosi multipla, Onda premia i 77 migliori centri per le donne che cercano una gravidanza. Parla la presidente Merzagora

La malattia colpisce le donne nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni. La presidente dell’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere: «Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori»

di Federica Bosco

Oltre 79mila donne italiane soffrono di sclerosi multipla, una malattia cronica e progressiva che, essendo diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni, si manifesta nel periodo fertile della vita della donna, influenzando inevitabilmente la pianificazione familiare.

Con il progetto “Una cicogna per la sclerosi multipla”, presentato in Regione Lombardia, l’associazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), con il patrocinio di AISM (Associazione italiana sclerosi multipla) e SIN (Società italiana di Neurologia) ed il contributo di Teva, ha voluto migliorare l’accessibilità ai servizi erogati dai centri clinici, premiando i 77 che si sono distinti per la qualità dei servizi forniti alle donne colpite dalla malattia alla ricerca di una gravidanza. Centri che adottano un approccio multidisciplinare nel trattamento delle pazienti proponendo percorsi clinici dedicati e counselling pre-concezionale.

«Un tempo si pensava che la gravidanza fosse qualcosa da evitare – spiega Francesca Merzagora, presidente di Onda – invece oggi le evidenze scientifiche hanno dimostrato il contrario. Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori in cui venga valorizzata la sinergia tra neurologo, ginecologo e neonatologo».

GIORNATA MONDIALE SCLEROSI MULTIPLA: LA SIN FA IL PUNTO SULLE TERAPIE

Presidente, voi prendete per mano le giovani future mamme e le accompagnate durante la gravidanza, quali consigli dare alle donne con sclerosi multipla che si apprestano ad intraprendere questa strada?

«Innanzitutto, rivolgersi ad un centro qualificato e poi esprimere tutte le perplessità del caso al ginecologo ed al neurologo. Infatti, importante, a nostro avviso, è proprio la sinergia tra queste due figure».

«La sclerosi multipla colpisce le donne con una prevalenza tre a uno rispetto agli uomini – puntualizza il Professor Francesco Patti, Responsabile del Centro Sclerosi Multipla Policlinico Vittorio Emanuele di Catania e coordinatore del gruppo centro studi SIN – e tra l’altro in una fase dell’età in cui la donna può progettare di mettere su famiglia, quindi il tema della gravidanza è diventato avvolgente. Man mano abbiamo iniziato a fare rete con ginecologi, anestesisti, neuropsichiatri infantili, ostetriche affinché una donna con sclerosi multipla possa essere seguita in tutta la fase dalla progettualità fino alla nascita e anche oltre e possa essere seguita da un pool di professionisti per la scelta del farmaco più adatto da assumere».

Professore, a livello di medicinali, quali sono controindicati per una donna con sclerosi multipla che affronta una gravidanza?

«Al momento un solo farmaco è ammesso durante la gravidanza – spiega il professor Luca Marozio, ginecologo del Sant’Anna di Torino – gli altri devono essere sospesi poco prima della gravidanza o a test di gravidanza avvenuto. Se vengono rispettate le linee guida non ci saranno problemi per il nascituro che sarà assolutamente identico ai neonati di donne non affette da sclerosi multipla.

A livello di stile di vita, la donna con questa malattia, durante la gravidanza deve adottare degli accorgimenti?

«È un argomento abbastanza importante – conclude – importante è una sana alimentazione e un po’ di esercizio fisico».

Articoli correlati
Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»
Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»
di Isabella Faggiano
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Reddito di cittadinanza, Grillo: «Speso per farmaci e visite»
Lo ha dichiarato il ministro della Salute intervenendo oggi a Roma al Congresso dell'Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Annunciata anche la cancellazione dei i ticket per alcune patologie non esenti
Giornata mondiale sclerosi multipla: SIN e AISM insieme per il bene dei pazienti
In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, la Società Italiana di Neurologia (SIN) annuncia gli importanti progetti che sta costruendo in collaborazione con l’Associazione Italiana di Sclerosi Multipla (AISM) Unite per il bene dei pazienti, SIN e AISM, insieme alle diverse figure professionali e a tutti gli altri attori coinvolti, stanno definendo le Linee […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...