Salute 29 Marzo 2019 13:07

Sclerosi multipla, Onda premia i 77 migliori centri per le donne che cercano una gravidanza. Parla la presidente Merzagora

La malattia colpisce le donne nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni. La presidente dell’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere: «Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori»

di Federica Bosco

Oltre 79mila donne italiane soffrono di sclerosi multipla, una malattia cronica e progressiva che, essendo diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni, si manifesta nel periodo fertile della vita della donna, influenzando inevitabilmente la pianificazione familiare.

Con il progetto “Una cicogna per la sclerosi multipla”, presentato in Regione Lombardia, l’associazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), con il patrocinio di AISM (Associazione italiana sclerosi multipla) e SIN (Società italiana di Neurologia) ed il contributo di Teva, ha voluto migliorare l’accessibilità ai servizi erogati dai centri clinici, premiando i 77 che si sono distinti per la qualità dei servizi forniti alle donne colpite dalla malattia alla ricerca di una gravidanza. Centri che adottano un approccio multidisciplinare nel trattamento delle pazienti proponendo percorsi clinici dedicati e counselling pre-concezionale.

«Un tempo si pensava che la gravidanza fosse qualcosa da evitare – spiega Francesca Merzagora, presidente di Onda – invece oggi le evidenze scientifiche hanno dimostrato il contrario. Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori in cui venga valorizzata la sinergia tra neurologo, ginecologo e neonatologo».

GIORNATA MONDIALE SCLEROSI MULTIPLA: LA SIN FA IL PUNTO SULLE TERAPIE

Presidente, voi prendete per mano le giovani future mamme e le accompagnate durante la gravidanza, quali consigli dare alle donne con sclerosi multipla che si apprestano ad intraprendere questa strada?

«Innanzitutto, rivolgersi ad un centro qualificato e poi esprimere tutte le perplessità del caso al ginecologo ed al neurologo. Infatti, importante, a nostro avviso, è proprio la sinergia tra queste due figure».

«La sclerosi multipla colpisce le donne con una prevalenza tre a uno rispetto agli uomini – puntualizza il Professor Francesco Patti, Responsabile del Centro Sclerosi Multipla Policlinico Vittorio Emanuele di Catania e coordinatore del gruppo centro studi SIN – e tra l’altro in una fase dell’età in cui la donna può progettare di mettere su famiglia, quindi il tema della gravidanza è diventato avvolgente. Man mano abbiamo iniziato a fare rete con ginecologi, anestesisti, neuropsichiatri infantili, ostetriche affinché una donna con sclerosi multipla possa essere seguita in tutta la fase dalla progettualità fino alla nascita e anche oltre e possa essere seguita da un pool di professionisti per la scelta del farmaco più adatto da assumere».

Professore, a livello di medicinali, quali sono controindicati per una donna con sclerosi multipla che affronta una gravidanza?

«Al momento un solo farmaco è ammesso durante la gravidanza – spiega il professor Luca Marozio, ginecologo del Sant’Anna di Torino – gli altri devono essere sospesi poco prima della gravidanza o a test di gravidanza avvenuto. Se vengono rispettate le linee guida non ci saranno problemi per il nascituro che sarà assolutamente identico ai neonati di donne non affette da sclerosi multipla.

A livello di stile di vita, la donna con questa malattia, durante la gravidanza deve adottare degli accorgimenti?

«È un argomento abbastanza importante – conclude – importante è una sana alimentazione e un po’ di esercizio fisico».

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante
Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry
Sclerosi Multipla, Regimenti (Forza Italia): «Sostenere ricerca e tecnologia per favorire diagnosi precoce»
Per la Responsabile Sanità per l'Europa degli azzurri è importane che «Bruxelles si faccia anche promotrice di politiche per garantire l’uguale accesso alle terapie e ai servizi per le persone con Sclerosi Multipla in tutti i Paesi Europei»
Sclerosi multipla, svelato il mistero della «parentela» con il virus della mononucleosi
Che esista una correlazione tra il virus responsabile della mononucleosi e la sclerosi multipla lo si è ipotizzato per lungo tempo. Ora un nuovo studio del Karolinska Institutet, in Svezia, non solo ha confermato questa teoria, ma ha spiegato anche i meccanismi sottostanti di questa pericolosa «parentela». Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances
Malattia renale cronica, le nuove linee di indirizzo elaborate in sinergia con i pazienti
Quasi un italiano su dieci ha una malattia renale cronica e non lo sa. In Senato l'evento di aggiornamento del documento di indirizzo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...