Salute 29 Marzo 2019

Sclerosi multipla, Onda premia i 77 migliori centri per le donne che cercano una gravidanza. Parla la presidente Merzagora

La malattia colpisce le donne nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni. La presidente dell’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere: «Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori»

di Federica Bosco

Oltre 79mila donne italiane soffrono di sclerosi multipla, una malattia cronica e progressiva che, essendo diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni, si manifesta nel periodo fertile della vita della donna, influenzando inevitabilmente la pianificazione familiare.

Con il progetto “Una cicogna per la sclerosi multipla”, presentato in Regione Lombardia, l’associazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), con il patrocinio di AISM (Associazione italiana sclerosi multipla) e SIN (Società italiana di Neurologia) ed il contributo di Teva, ha voluto migliorare l’accessibilità ai servizi erogati dai centri clinici, premiando i 77 che si sono distinti per la qualità dei servizi forniti alle donne colpite dalla malattia alla ricerca di una gravidanza. Centri che adottano un approccio multidisciplinare nel trattamento delle pazienti proponendo percorsi clinici dedicati e counselling pre-concezionale.

«Un tempo si pensava che la gravidanza fosse qualcosa da evitare – spiega Francesca Merzagora, presidente di Onda – invece oggi le evidenze scientifiche hanno dimostrato il contrario. Importante è pianificare una gravidanza, intraprenderla in un momento di stabilizzazione della malattia e soprattutto è importante essere in mano ai centri migliori in cui venga valorizzata la sinergia tra neurologo, ginecologo e neonatologo».

GIORNATA MONDIALE SCLEROSI MULTIPLA: LA SIN FA IL PUNTO SULLE TERAPIE

Presidente, voi prendete per mano le giovani future mamme e le accompagnate durante la gravidanza, quali consigli dare alle donne con sclerosi multipla che si apprestano ad intraprendere questa strada?

«Innanzitutto, rivolgersi ad un centro qualificato e poi esprimere tutte le perplessità del caso al ginecologo ed al neurologo. Infatti, importante, a nostro avviso, è proprio la sinergia tra queste due figure».

«La sclerosi multipla colpisce le donne con una prevalenza tre a uno rispetto agli uomini – puntualizza il Professor Francesco Patti, Responsabile del Centro Sclerosi Multipla Policlinico Vittorio Emanuele di Catania e coordinatore del gruppo centro studi SIN – e tra l’altro in una fase dell’età in cui la donna può progettare di mettere su famiglia, quindi il tema della gravidanza è diventato avvolgente. Man mano abbiamo iniziato a fare rete con ginecologi, anestesisti, neuropsichiatri infantili, ostetriche affinché una donna con sclerosi multipla possa essere seguita in tutta la fase dalla progettualità fino alla nascita e anche oltre e possa essere seguita da un pool di professionisti per la scelta del farmaco più adatto da assumere».

Professore, a livello di medicinali, quali sono controindicati per una donna con sclerosi multipla che affronta una gravidanza?

«Al momento un solo farmaco è ammesso durante la gravidanza – spiega il professor Luca Marozio, ginecologo del Sant’Anna di Torino – gli altri devono essere sospesi poco prima della gravidanza o a test di gravidanza avvenuto. Se vengono rispettate le linee guida non ci saranno problemi per il nascituro che sarà assolutamente identico ai neonati di donne non affette da sclerosi multipla.

A livello di stile di vita, la donna con questa malattia, durante la gravidanza deve adottare degli accorgimenti?

«È un argomento abbastanza importante – conclude – importante è una sana alimentazione e un po’ di esercizio fisico».

Articoli correlati
Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»
Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»
di Federica Bosco
Fondazione Onda: «Ben otto operatori sanitari su dieci testimoni di episodi di violenza fisica o verbale»
Questi sono alcuni dati dell’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, presentata al IV Congresso nazionale, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’
Giornata nazionale sulla SLA, da Sin un aggiornamento sulle nuove terapie
In occasione della Giornata nazionale sulla Sla, la Società Italiana di Neurologia fa il punto sulle sperimentazioni in corso e sull'impegno del mondo della ricerca
Sclerosi multipla, oltre 2,8 milioni di persone colpite. «Ma i dati sono sottostimati»
A rilevarlo è ATLAS, la più vasta indagine globale sulla malattia, pubblicata dalla Federazione Internazionale Sclerosi Multipla (MSIF) insieme alle Associazioni nazionali SM e presentata all’ECTRIMS
Sclerosi multipla, il mancato controllo del virus di Epstein Barr è concausa della malattia
La ricerca di Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma finanziata dalla FISM ha individuato nelle risposte immunitarie scorrette al virus di Epstein Barr una delle concause della malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...