Salute 17 Aprile 2019

Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»

Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano

di Federica Bosco
Immagine articolo

Il futuro dei pazienti affetti da sclerosi multipla potrebbe cambiare in maniera significativa grazie ad un farmaco: la Cladribina compresse. Una soluzione che, a fronte di un trattamento orale di 20 giorni in due anni, sarà in grado di dare un controllo della malattia per quattro anni. Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano. «Dopo un lungo viaggio durato oltre dieci anni – ha spiegato il Professor Giancarlo Comi, docente ordinario di Neurologia all’Università Vita- Salute San Raffaele di Milano e direttore dell’Istituto di Neurologia Sperimentale all’Ospedale San Raffaele oltre che membro dello Steering Committee Internazionale – anche i pazienti avranno a disposizione una nuova soluzione terapeutica che rappresenta il primo trattamento orale per la forma recidivante di sclerosi multipla ad elevata attività».

Come agisce questo farmaco? «Grazie ad un particolare meccanismo di azione che va ad incidere sulle alterazioni del sistema immunitario sarà possibile mantenere stabile e sotto controllo la malattia, con una somministrazione per un massimo di 10 giorni all’anno in un arco temporale di due anni e successivamente una ulteriore copertura senza più alcun trattamento per i due anni successivi».

Quali possono essere gli effetti collaterali, se ci sono? «Questo farmaco ha una tollerabilità ottima con rischio di infezioni controllato, e non presenta rischi significativi di sviluppare forme di cancro, inoltre non ha tossicità epatica e renale. A conferma della mancanza di significativi effetti collaterali e di tossicità, c’è la compatibilità del farmaco con una gravidanza, purché vengano rispettati i protocolli che prevedono la possibilità di affrontare una gravidanza dopo sei mesi dalla somministrazione della compressa. Infine, lo sviluppo di questo trattamento, ha potuto contare su un notevole contributo da parte della ricerca italiana che, nell’ambito della neurologia, costituisce un’eccellenza a livello mondiale».

Il programma di sperimentazione di Cladribina ha coinvolto oltre 2000 pazienti con risultati significativi:
• 4 pazienti su 5 rimangono liberi da ricadute
• 9 pazienti su 10 rimangono liberi da progressione della disabilità
• Quasi la metà dei pazienti non ha evidenza di attività della malattia.

Nei pazienti con elevata attività di malattia, le analisi dello studio hanno dimostrato che, rispetto al placebo, Cladribina compresse ha ridotto il tasso di recidiva del 67% e il rischio di progressione della malattia a sei mesi, confermata dalla scala EDSS (Expanded Disability Status Scale) dell’82% tanto che negli anni 3 e 4 non è stato necessario alcun ulteriore trattamento con Cladribina compresse.

Articoli correlati
Fecondazione eterologa, al Niguarda di Milano la prima banca dei gameti d’Italia
Regione Lombardia ha investito due milioni di euro. Il direttore della banca Michele Bini: «È pensata per consentire alle persone con sterilità assoluta di diventare genitori»
di Federica Bosco
Hello Kitty celebra il compleanno alla Casa pediatrica del Fatebenefratelli Sacco. Bernardo (direttore): «Gioco terapeutico»
Sanrio ha festeggiato questa mattina il compleanno di Hello Kitty con i piccoli degenti della Casa Pediatrica dell’ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano. In dono i peluche dell’esclusiva Instagram friendly, realizzata per le celebrazioni che hanno avuto luogo in tutta Europa
di Federica Bosco
Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla
A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»
di Federica Bosco
Elezione Ordine Psicologi Lombardia: vince la continuità. Bettiga: «In eredità lascio un nuovo progetto: lo psicologo di quartiere»
Rinnovato il consiglio dell’Ordine degli psicologi della Lombardia. Riccardo Bettiga, dopo lascia anni, lascia in eredità molti progetti avviati, come la casa della psicologia ed altri in fase di realizzazione, come lo psicologo di  quartiere
di Federica Bosco
Tumore al pancreas, farmaci e chemioterapia raddoppiano sopravvivenza. Reni (San Raffaele): «Spesso confuso con gastrite, serve formazione»
«È compito delle istituzioni migliorare le strutture, noi stiamo facendo dei percorsi scientifici per dare le giuste indicazioni, ma non sempre il messaggio viene recepito» sottolinea Giampaolo Balzano, Direttore del Programma Strategico di Coordinamento Clinico Pancreas Center dell’Ospedale San Raffaele di Milano
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...