Salute 17 Aprile 2019

Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»

Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano

di Federica Bosco
Immagine articolo

Il futuro dei pazienti affetti da sclerosi multipla potrebbe cambiare in maniera significativa grazie ad un farmaco: la Cladribina compresse. Una soluzione che, a fronte di un trattamento orale di 20 giorni in due anni, sarà in grado di dare un controllo della malattia per quattro anni. Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano. «Dopo un lungo viaggio durato oltre dieci anni – ha spiegato il Professor Giancarlo Comi, docente ordinario di Neurologia all’Università Vita- Salute San Raffaele di Milano e direttore dell’Istituto di Neurologia Sperimentale all’Ospedale San Raffaele oltre che membro dello Steering Committee Internazionale – anche i pazienti avranno a disposizione una nuova soluzione terapeutica che rappresenta il primo trattamento orale per la forma recidivante di sclerosi multipla ad elevata attività».

Come agisce questo farmaco? «Grazie ad un particolare meccanismo di azione che va ad incidere sulle alterazioni del sistema immunitario sarà possibile mantenere stabile e sotto controllo la malattia, con una somministrazione per un massimo di 10 giorni all’anno in un arco temporale di due anni e successivamente una ulteriore copertura senza più alcun trattamento per i due anni successivi».

Quali possono essere gli effetti collaterali, se ci sono? «Questo farmaco ha una tollerabilità ottima con rischio di infezioni controllato, e non presenta rischi significativi di sviluppare forme di cancro, inoltre non ha tossicità epatica e renale. A conferma della mancanza di significativi effetti collaterali e di tossicità, c’è la compatibilità del farmaco con una gravidanza, purché vengano rispettati i protocolli che prevedono la possibilità di affrontare una gravidanza dopo sei mesi dalla somministrazione della compressa. Infine, lo sviluppo di questo trattamento, ha potuto contare su un notevole contributo da parte della ricerca italiana che, nell’ambito della neurologia, costituisce un’eccellenza a livello mondiale».

Il programma di sperimentazione di Cladribina ha coinvolto oltre 2000 pazienti con risultati significativi:
• 4 pazienti su 5 rimangono liberi da ricadute
• 9 pazienti su 10 rimangono liberi da progressione della disabilità
• Quasi la metà dei pazienti non ha evidenza di attività della malattia.

Nei pazienti con elevata attività di malattia, le analisi dello studio hanno dimostrato che, rispetto al placebo, Cladribina compresse ha ridotto il tasso di recidiva del 67% e il rischio di progressione della malattia a sei mesi, confermata dalla scala EDSS (Expanded Disability Status Scale) dell’82% tanto che negli anni 3 e 4 non è stato necessario alcun ulteriore trattamento con Cladribina compresse.

Articoli correlati
Bernardo (Fatebenefratelli Sacco Milano): «Il nostro reparto Covid 19 help modello per la sanità del futuro»
La Sanità Lombarda dall’inizio di marzo è  stata duramente ed improvvisamente messa alla prova dalla pandemia da SARS COV2. Gli ospedali pubblici sono stati letteralmente messi in ginocchio dal grande afflusso di pazienti e dalla relativa assenza di un sufficiente numero di posti letto. Dopo una lunga riflessione e pianificazione attenta ho deciso di convertire […]
di Luca Bernardo, Fatebenefratelli Sacco Milano
Carceri, primi pazienti guariti nella zona Covid realizzata a San Vittore e Bollate. Così il virus è stato tenuto sotto controllo
Lari (Direzione medica penitenziaria ASST Santi Paolo e Carlo): «Diagnosi precoci e cure specifiche per contenere i contagi». Ranieri (responsabile UO sanità penitenziaria Regione Lombardia): «Per la fase 2 tamponi rapidi e parziale ritorno all’attività didattica»
di Federica Bosco
Sclerosi multipla e Coronavirus, Battaglia (Fism): «Mai interrompere le terapie in corso senza il parere di uno specialista»
Nasce la piattaforma Sclerosi Multipla e Covid19 – MuSC-19, un progetto di raccolta dati internazionale, ideato per far fronte ai problemi più urgenti e pianificare una risposta a lungo termine ai cambiamenti che la pandemia imporrà sulla vita delle persone con sclerosi multipla in tutto il mondo
di Isabella Faggiano
Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa
Zuccotti (direttore Medicina UniMi): «Cinque specializzandi e tre tutor controllano i dimessi dal Sacco e dal Fatebenefratelli, ma estenderemo il progetto a tutte le ASST milanesi»
di Federica Bosco
Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»
Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...