Salute 16 Febbraio 2022 15:29

“Sciroppo di Teatro”: il nuovo toccasana per bambini prescritto da pediatri e farmacisti

Volta (pediatra): «Il teatro è riso, sogno, creatività, immaginazione, tutti determinanti di salute dell’età evolutiva». In 21 comuni dell’Emilia Romagna, grazie ad un progetto della Fondazione Ater, i bambini dai 3 agli 8 anni potranno andare a teatro, assieme ai loro accompagnatori, con soli due euro

«In soggetti predisposti può produrre attacchi di riso incontrollato. Generalmente, appena inizia la somministrazione, gli occhi e la bocca tendono a spalancarsi in un moto di meraviglia. A distanza di giorni, soprattutto nei soggetti più giovani, si possono riscontrare fenomeni di imitazione di ciò che è stato visto o sentito durante lo spettacolo. Tali fenomeni tendono ad attenuarsi nel tempo e a trasformarsi in piacevoli ricordi». Sono questi gli effetti collaterali, indicati sull’apposito bugiardino, dello “Sciroppo di Teatro”, il nuovo toccasana per il corpo e per la mente dei più piccoli “prescritto” da pediatri e farmacisti.

Perché il teatro fa bene alla salute

«Il teatro è riso, sogno, creatività, immaginazione. Ed ognuno di questi stati, come dimostrato da numerose ricerche scientifiche, rappresenta un determinante di salute dell’età evolutiva – assicura Alessandro Volta, pediatra, direttore del programma Materno-Infantile dell’Asl di Reggio Emilia e consulente scientifico del progetto -. Recenti studi di neuroscienze hanno dimostrato come le funzioni cognitive e le capacità mnemoniche siano strettamente collegate allo stato emozionale dell’individuo», continua l’esperto.

Sciroppo di Teatro, la storia

“Sciroppo di Teatro”, nato da un’idea di Silvano Antonelli attivo promotore del teatro tra i giovanissimi, è una sperimentazione promossa da Ater Fondazione: «Grazie a questo progetto, avviato dal mese di dicembre 2021 in ventuno comuni dell’Emilia-Romagna, bambini e bambine dai 3 agli 8 anni, assieme ai loro accompagnatori, potranno andare a teatro con un voucher pagando in tutto solo due euro a spettacolo – spiega Patrizia Orsola Ghedini, presidente Ater -. I titoli in programma sono 46 per un totale di 71 repliche».

Chi lo “prescrive”

“Sciroppo di Teatro” è fornito direttamente dai pediatri di famiglia e dai farmacisti: «Andando dal proprio medico o nella farmacia di fiducia, ogni bambino potrà ritirare il proprio voucher – dice Ghedini -. In copertina è raffigurata l’immagine del più tipico dei flaconi utilizzati per lo sciroppo contro la tosse e all’interno, oltre ai biglietti teatrali, è presente un accurato bugiardino con tempi e dose di somministrazione, indicazioni ed effetti collaterali». Per realizzare questo progetto, la Fondazione ha messo in rete gli assessorati regionali alla Cultura, alla Sanità e al Welfare, i comuni associati alla Fondazione, le organizzazioni sindacali dei pediatri FIMP e CIPe, le loro associazioni scientifiche ACP e SIP e le farmacie aderenti FederFarma e AssoFarm.

Un rimedio al mal da pandemia

«Abbiamo ideato “Sciroppo di Teatro” con l’obiettivo di creare un’alleanza inedita capace di generare cambiamenti significativi sul piano della salute e del benessere di intere famiglie – sottolinea la presidente della Fondazione -. La scelta dell’ambito teatrale non è stata casuale: il teatro è un luogo di cultura, relazione e divertimento capace di offrire un contributo significativo al miglioramento dello stato psico-fisico degli individui, soprattutto dopo che questi due anni di pandemia hanno compromesso in maniera evidente il benessere complessivo della popolazione».

Gli studi scientifici: «siamo quel che facciamo»

I risultati più incoraggianti arrivano dall’epigenetica: «Attraverso numerosi studi di epigenetica – dice il dottor Volta – gli scienziati hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione tra l’ambiente in cui si cresce e si vive e la predisposizione a malattie croniche, autoimmuni, alle infezioni, a  patologie cronico-degenerative dell’età adulta. In altre parole, chi fa esperienze precoci socialmente e culturalmente adeguate, come andare a teatro, avrà un rischio minore di ammalarsi. L’epigenetica rivela, infatti, che ognuno di noi è tale per le esperienze vissute, per le persone incontrate, per gli ambienti frequentati», sottolinea il pediatra.

Dal nord al sud della Penisola?

Ma i benefici non finiscono qui. E per scoprilo è sufficiente consultare ancora una volta il bugiardino. La scadenza della “Sciroppo di Teatro” è illimitata: «Dal momento in cui si inizia a utilizzare il prodotto – si legge sul foglietto illustrativo – è possibile proseguirne l’uso per tutto l’arco della vita in maniera proporzionata all’età e all’entusiasmo posseduto».
“Sciroppo di Teatro” è già un successo: «Nonostante il progetto sia stato inaugurato nel pieno della quarta ondata della pandemia da Covid-19 ­- racconta Ghedini – i piccoli spettatori ospitati nei nostri teatri hanno già superato quota 5 mila. E la stagione è appena cominciata». Un risultato straordinario che spinge gli ideatori a puntare ancora più in alto: «Speriamo che questa sperimentazione possa diventare un progetto consolidato e che dai confini del 21 comuni emiliani – conclude la presidente Ater – possa giungere in molte altre città, dal nord al sud della penisola».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Sanità e territorio, la rivoluzione passa dalle farmacie (e dal PNRR)
Presentata in conferenza stampa l’edizione annuale del congresso FarmacistaPiù. «La formazione è la chiave per gestire il cambiamento»
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali