Salute 31 Maggio 2021 17:53

SARS-CoV-2, il dibattito sull’origine non accenna a calmarsi. Ma quanto fa bene alla scienza?

Creato in laboratorio o partito da un animale? La discussione si infiamma ogni due o tre mesi, ma invece che arrivare ad una verità assoluta rischia solo di allontanare la Cina ancora di più. Gli scienziati chiedono di moderare i toni

SARS-CoV-2, il dibattito sull’origine non accenna a calmarsi. Ma quanto fa bene alla scienza?

Ci conviviamo da quasi due anni, eppure l’origine di SARS-CoV-2 è ancora avvolta nel mistero. Naturale conseguenza del sovra-utilizzo delle risorse naturali e dell’aumento della popolazione, misto alle condizioni adatte in un luogo specifico oppure creazione artificiale e sperimentale sfuggita da un laboratorio di Wuhan? Nonostante l’assenza di prove a favore, la seconda opzione torna ciclicamente ad essere discussa dall’opinione pubblica.

Come è iniziata la pandemia?

L’ipotesi non è sempre stata proprietà dei complottisti di tutto il mondo, anche l’Organizzazione mondiale della Sanità ha mostrato di avere a cuore la scoperta della verità. Nei primi mesi dell’anno è stata infatti inviata una delegazione in Cina con il fine di indagare le origini della pandemia. Quanto scoperto però non ha soddisfatto a pieno nessuna delle due idee.

Ora però, un numero importante di voci si è alzato dall’universo scientifico con la richiesta di abbassare i toni accusatori ripresi da media e persone comuni. Si rischia altrimenti di esacerbare le tensioni tra Cina e resto del mondo, specie gli Stati Uniti dove la discussione è più aperta che mai. Di conseguenza anche le collaborazioni scientifiche potrebbero subirne delle conseguenze.

Nuove accuse dagli Usa e un articolo male interpretato

L’ennesimo ritorno in auge dell’idea del virus fabbricato in laboratorio è stato scatenato da un articolo pubblicato su Science che chiedeva di indagare ulteriormente sull’ipotesi. Proprio citando la missione Oms e il fatto che le ricerche del team specializzato si siano focalizzate su una origine animale di SARS-CoV-2. Dal pipistrello all’uomo con il tramite di un animale sconosciuto da cui si è compiuto il salto di specie.

La conclusione in quel caso è stata: una fuga da laboratorio è molto meno probabile dell’origine animale. Ma il fatto che quest’ultima non sia stata confermata ha portato media, politici e persone di spettacolo a cercare altre prove in senso contrario. Si è parlato anche di una fuga di notizie dall’Istituto di virologia di Wuhan, coperto dal governo cinese.

Uno degli autori dell’articolo su Science, il dottor David Relman, microbiologo di Stanford, continua a difendere il suo punto di vista. Dice di essere stato frainteso: «Non volevo dire che ha origine in laboratorio, ma che il team Oms ha avuto troppa fretta nel bollare l’origine animale come altamente probabile».

A questo si aggiunge la notizia diffusa sul Wall Street Journal su un documento che mostrerebbe come tre ricercatori del laboratorio di Wuhan avessero sintomi simili a quelli del Covid già nel novembre 2019. Documento diffuso da un ex funzionario dell’amministrazione Trump in forma anonima. Il ministero degli Esteri cinese ha risposto: «Gli Stati Uniti continuano a fare affermazioni incoerenti e ad alzare clamore per potere indagare su Wuhan».

L’aiuto della Cina è fondamentale

Insistere con la Cina per una teoria per cui ad oggi non ci sono prove concrete, potrebbe sembrare una vera e propria accusa. Con l’unica conseguenza di allontanare ulteriormente le due potenze e ostacolare il dibattito scientifico. Anche sui vaccini, dove l’aiuto della Cina è fondamentale, creare una collaborazione in un clima di sospetto non è facile. Il governo cinese mostra molte difficoltà nel dialogare con i Paesi occidentali, ma farlo addirittura sotto accusa sarebbe impossibile.

Va ricordato che scoprire l’origine di un virus è una missione molto difficile anche con i mezzi della modernità. L’origine di molti focolai di Ebola sono ad oggi sconosciuti e sono serviti 14 anni perché si trovassero le prove concrete che l’epidemia di Sars del 2002-04 sia stata causata da virus trasmesso dai pipistrelli alle civette e poi all’uomo.

Il parere della comunità scientifica sembra quindi essere unanime: non bisognerebbe concentrarsi su questo perché ad oggi non ci è di alcuna utilità. La collaborazione invece è essenziale e può salvare molte più vite.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, Bonanni: «Gli intervalli di riferimento dei laboratori analisi sono datati»
«Le indicazioni dei referti di laboratorio fanno riferimento a linee guida molto vecchie, come il famoso 220 o altri valori che non sono più validi»
Tecnici Laboratorio, Stanziale: «Tra fase uno e due non c’è stata riorganizzazione dei servizi. Servono risorse certe»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei TSLB chiede una interlocuzione con il ministero sulla riforma della Medicina territoriale. Poi rilancia l’idea delle “competenze professionali esperte”: «È importante che ci siano comunque delle competenze distintive tra i professionisti e che la loro autonomia e responsabilità sia tesa a un miglioramento continuo indirizzato al paziente»
Covid19.  Tamponi, test sierologici e “sero-surveys”: il ruolo chiave dei Tecnici di Laboratorio
di Paolo Casalino e Fabbio Marcuccilli, Presidente e Vice Presidente della Commissione d’Albo dei TSLB di Roma
I test sierologici devono essere standard in tutto il Paese e servire alla ricerca epidemiologica di sieroprevalenza
Gentile Direttore, Desideriamo inviare il seguente messaggio a tutte le istituzioni regionali. Non è ancora possibile utilizzare i test sierologici (specialmente quelli già esistenti e commercializzati da alcune Regioni) per fare diagnosi e soprattutto conferire il patentino d’immunità alla popolazione generale per rientrare al lavoro. Qualsiasi protocollo di operatività o algoritmo decisionale per la fase 2 da […]
di Antonio Ingarozza, Segretario Scientifico Nazionale AIMEF
Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»
Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM