Salute 16 Maggio 2018

Governo, Magi (Sumai) – Scotti (Fimmg) – Biasci (Fimp): «Fare presto per rinnovi contrattuali e aumento fondo sanitario». E lanciano Garavaglia ministro

In una nota congiunta i tre sottolineano che «investimenti e responsabilità di governo per la sanità e per il futuro produttivo del Paese non possono più attendere». Il leghista, già presidente del Comitato di settore delle Regioni, «sarebbe la giusta sintesi per esperienza e competenze»

Immagine articolo

Un comunicato congiunto per chiedere il rinnovo dei contratti e l’aumento del Fondo sanitario nazionale. E provare ad indicare un nome per il Ministero di Lungotevere Ripa che possa dare quelle garanzie di competenza necessarie per guidare la sanità italiana. È il senso della nota di Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), Paolo Biasci, presidente nazionale della Fimp (Federazione italiana medici pediatri), e Antonio Magi, segretario nazionale del Sumai (Sindacato unico medicina ambulatoriale italiana).

LEGGI ANCHE: GOVERNO, PARTE IL TOTOMINISTRI: ALLA SANITA’ IN POLE PER I CINQUE STELLE BARTOLAZZI, GRILLO E SILERI. PER LA LEGA GARAVAGLIA E COLETTO

«Non è più rinviabile il Governo del Paese che abbia tra gli obiettivi soluzioni per la sanità. Investimenti e responsabilità di governo per la sanità e per il futuro produttivo del Paese non possono più attendere – affermano – e in questo senso non va sottovalutato il ruolo che dovranno avere nel prossimo futuro i rinnovi contrattuali, sia dei medici convenzionati che dei medici dipendenti». Rinnovi chiave «per continuare a garantire ai cittadini italiani un’offerta assistenziale considerata tra le migliori al mondo e che, con una programmazione adeguata, potranno diventare un volano per ridurre le disuguaglianze presenti sui differenti territori regionali. Indispensabile – ribadiscono i rappresentanti dei tre sindacati – il dialogo tra ministero della Salute e Regioni, rispettoso delle autonomie e volto al mantenimento del nostro Ssn. Cruciale per questo il finanziamento del Fondo sanitario nazionale che ora – insistono – deve essere necessariamente aumentato».

Al prossimo inquilino di Palazzo Chigi i tre provano a suggerire un nome per il dicastero della Sanità: è il leghista Massimo Garavaglia, già presidente del Comitato di settore Sanità delle Regioni: «Se gli obiettivi sono condivisi – concludono Magi-Biasci-Scotti – l’ipotesi circolata in queste ore sugli organi di stampa di affidare a Massimo Garavaglia la guida del ministero della Salute sarebbe la giusta sintesi per esperienza e competenze».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Scotti (OdM Napoli): «Ragazzi, rispettate le regole. Sui vaccini anti-influenza troppi ritardi, bisogna ridurli»
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli chiede aiuto ai ragazzi: «Se rispetteremo le regole potrebbe essere la migliore stagione influenzale da tempo»
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Medico scolastico. Sumai: «Utile per garantire sicurezza di alunni e personale»
La grave condizione di epidemia che viviamo ormai da mesi, legata al Sars-Cov 2, sta spingendo a ripensare ruoli e modelli assistenziali. Nel Lazio, la prossima riapertura delle scuole, vedrà il ritorno del medico scolastico. Figura che sta facendo molto discutere tra favorevoli e contrari, tra chi la vive come un’opportunità e chi invece come un problema, un ritorno al passato che no, non può tornare.
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...