Politica 24 Settembre 2018 17:07

Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 

«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale

di Isabella Faggiano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 

Dalla formazione ai concorsi, dalla digitalizzazione all’abolizione del certificato medico per il rientro a scuola dopo 5 giorni di assenza. L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria, Alessio D’Amato, ai microfoni di Sanità Informazione, descrive i traguardi e i progetti in cantiere per migliorare i servizi territoriali a disposizione di cittadini e professionisti della salute.

Assessore, partiamo dalle esigenze di coloro che si occupano quotidianamente della salute della gente. Dal Forum Mediterraneo in Sanità è emersa, a livello territoriale, una carenza di offerta formativa per i medici. Qual è la situazione del Lazio?

«La formazione è uno dei temi fondamentali della sanità. Di recente abbiamo promosso un grande investimento per le borse di studio dei medici di medicina generale: in questa regione sono state raddoppiate. Siamo consapevoli che non basta, dobbiamo fare di più».

E sui concorsi ci sono novità?

«Nel Lazio partirà una stagione concorsuale importante. Per i prossimi anni abbiamo pianificato 5 mila assunzioni tra medici infermieri ed altre professioni sanitarie. Rappresenteranno una linfa vitale per il nostro Sistema sanitario regionale».

LEGGI ANCHE: REGIONE LAZIO, ISTITUITO OSSERVATORIO SULLE AGGRESSIONI AL PERSONALE MEDICO

Parliamo di vaccini: i presìdi a disposizione dei cittadini, sia per adulti che bambini, sono sufficienti a soddisfare le richieste?

«Tutti i nostri centri vaccinali sono impegnati innanzitutto per la fascia di età 0-16, sia per i vaccini obbligatori che per i raccomandati. In particolare, sulle vaccinazioni obbligatorie abbiamo fatto grandi passi in avanti: oggi il Lazio è tra le prime regioni italiane per copertura vaccinale, a partire dal morbillo. Inoltre, abbiamo una campagna in corso per le vaccinazioni del personale sanitario e medico, soprattutto per coloro che lavorano in settori particolarmente delicati e necessitano di una copertura vaccinale, per evitare la trasmissione di virus a pazienti a volte immunodepressi o debilitati. Infine, per le vaccinazioni del viaggiatore esistono dei centri importanti, a partire dalla Asl Roma 1, che offrono dei servizi di vaccinazione internazionale in grado di garantire le massime coperture vaccinali».

Un altro recente impegno è quello di abolire il certificato medico per il rientro a scuola dopo 5 giorni di assenza. Qual è lo scopo di questa proposta?

«Sburocratizzare, così come hanno già fatto in molte altre Regioni, soprattutto al nord».

E per incentivare questa sburocratizzazione a 360 gradi non sarebbe opportuno aumentare gli investimenti nel digitale?

«La sanità digitale e il fascicolo sanitario elettronico sono gli strumenti del futuro che, come tali, vanno migliorati. Nel Lazio, su questo tema, è in corso un grande progetto di investimento. Abbiamo appena lanciato la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup, stiamo testando la nuova piattaforma del sistema dell’emergenza e già da tempo è attiva la trasmissione dell’elettrocardiogramma dai nostri mezzi di soccorso, in tempo reale, direttamente all’ospedale. L’informatica non appesantisce il sistema ma velocizza i tempi e fa lavorare meglio i nostri professionisti».

In sanità si parla troppo spesso di liste di attesa “infinite”. Quali sono le sue proposte per snellirle?

«Maggiore investimento sulle risorse umane e sulla tecnologia, più appropriatezza delle prescrizioni. Gli esami diagnostici vanno prescritti rispettando le classi di priorità: chi è più urgente deve accedere prima di tutti gli altri alle prestazioni».

Articoli correlati
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Boom di fake news in pandemia, 149mila contenuti sui vaccini in 7 mesi
Utenti no vax aumentati del +136%, secondo il report MESIT, 718mila iscritti a gruppi su Facebook. Sui vaccini le fake news viaggiano molto veloci: argomenti preferiti gli effetti avversi, la natura sperimentale e la composizione dei prodotti
Over 60 non vaccinati, l’idea del sindaco di Borgosesia Tiramani: «Palestra e piscina gratis per chi si immunizza»
Sono circa 200 gli over 60 ancora non vaccinati nella cittadina della Valsesia. Gli anziani che si vaccineranno non dovranno fare altro che dimostrare di aver ricevuto la prima dose dopo il primo agosto per ritirare presso gli uffici comunali l’abbonamento gratuito al centro sportivo Milanaccio
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
Covid e giovani, Speranza: «Prossima settimana intervento Governo per scuola in presenza. Si valutano iniziative forti»
Il Ministro della Salute ha risposto al Question Time al Senato: «L’85% personale scolastico ha già avuto prima dose. Al lavoro perché dato cresca in modo significativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva