Salute 24 Settembre 2018

Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 

«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Dalla formazione ai concorsi, dalla digitalizzazione all’abolizione del certificato medico per il rientro a scuola dopo 5 giorni di assenza. L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria, Alessio D’Amato, ai microfoni di Sanità Informazione, descrive i traguardi e i progetti in cantiere per migliorare i servizi territoriali a disposizione di cittadini e professionisti della salute.

Assessore, partiamo dalle esigenze di coloro che si occupano quotidianamente della salute della gente. Dal Forum Mediterraneo in Sanità è emersa, a livello territoriale, una carenza di offerta formativa per i medici. Qual è la situazione del Lazio?

«La formazione è uno dei temi fondamentali della sanità. Di recente abbiamo promosso un grande investimento per le borse di studio dei medici di medicina generale: in questa regione sono state raddoppiate. Siamo consapevoli che non basta, dobbiamo fare di più».

E sui concorsi ci sono novità?

«Nel Lazio partirà una stagione concorsuale importante. Per i prossimi anni abbiamo pianificato 5 mila assunzioni tra medici infermieri ed altre professioni sanitarie. Rappresenteranno una linfa vitale per il nostro Sistema sanitario regionale».

LEGGI ANCHE: REGIONE LAZIO, ISTITUITO OSSERVATORIO SULLE AGGRESSIONI AL PERSONALE MEDICO

Parliamo di vaccini: i presìdi a disposizione dei cittadini, sia per adulti che bambini, sono sufficienti a soddisfare le richieste?

«Tutti i nostri centri vaccinali sono impegnati innanzitutto per la fascia di età 0-16, sia per i vaccini obbligatori che per i raccomandati. In particolare, sulle vaccinazioni obbligatorie abbiamo fatto grandi passi in avanti: oggi il Lazio è tra le prime regioni italiane per copertura vaccinale, a partire dal morbillo. Inoltre, abbiamo una campagna in corso per le vaccinazioni del personale sanitario e medico, soprattutto per coloro che lavorano in settori particolarmente delicati e necessitano di una copertura vaccinale, per evitare la trasmissione di virus a pazienti a volte immunodepressi o debilitati. Infine, per le vaccinazioni del viaggiatore esistono dei centri importanti, a partire dalla Asl Roma 1, che offrono dei servizi di vaccinazione internazionale in grado di garantire le massime coperture vaccinali».

Un altro recente impegno è quello di abolire il certificato medico per il rientro a scuola dopo 5 giorni di assenza. Qual è lo scopo di questa proposta?

«Sburocratizzare, così come hanno già fatto in molte altre Regioni, soprattutto al nord».

E per incentivare questa sburocratizzazione a 360 gradi non sarebbe opportuno aumentare gli investimenti nel digitale?

«La sanità digitale e il fascicolo sanitario elettronico sono gli strumenti del futuro che, come tali, vanno migliorati. Nel Lazio, su questo tema, è in corso un grande progetto di investimento. Abbiamo appena lanciato la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup, stiamo testando la nuova piattaforma del sistema dell’emergenza e già da tempo è attiva la trasmissione dell’elettrocardiogramma dai nostri mezzi di soccorso, in tempo reale, direttamente all’ospedale. L’informatica non appesantisce il sistema ma velocizza i tempi e fa lavorare meglio i nostri professionisti».

In sanità si parla troppo spesso di liste di attesa “infinite”. Quali sono le sue proposte per snellirle?

«Maggiore investimento sulle risorse umane e sulla tecnologia, più appropriatezza delle prescrizioni. Gli esami diagnostici vanno prescritti rispettando le classi di priorità: chi è più urgente deve accedere prima di tutti gli altri alle prestazioni».

Articoli correlati
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»
«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale
“Libertà” e “giù le mani dai bambini”, ‘free vax’ in piazza a Roma tra slogan e delusione
A Piazza Santi Apostoli e in Piazza Monte Citorio si sono radunati tutti i contestatori dell’obbligo vaccinale. Preso di mira il virologo Roberto Burioni. In molti delusi da Lega e M5S: «Ad oggi solo parole, vogliamo la fine dell’obbligo vaccinale»
Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»
«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio
Vaccini, una risorsa per l’economia. ALTEMS: «Ogni euro investito ne restituisce 2,50»
Stimato l’impatto fiscale delle politiche vaccinali riguardanti l’influenza, lo pneumococco e l’Herpes Zoster e la sua complicanza. In tutti e tre i casi, sia l’impatto fiscale che le perdite di produttività al Sud sono inferiori rispetto alle regioni del Nord, ma più elevate rispetto alle regioni del Centro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...