Salute 22 Febbraio 2019 18:15

Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»

Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa

Una giornata di studio ed approfondimento sulle malattie infiammatorie croniche cutanee, oncologiche e sulle patologie degli annessi cutanei con particolare riferimento alle nuove frontiere biotecnologiche in dermatologia. Di questo si è discusso e dibattuto questa mattina presso l’Aula A di Patologia generale della Facoltà di Medicina e Odontoiatria all’Università Sapienza di Roma nel corso del Congresso “Ricerca e biotecnologie applicate in dermatologia”, dedicato al professor Daniele Innocenzi.

L’evento, organizzato dalla professoressa Concetta Potenza – che dirige l’Unità operativa complessa di Dermatologia universitaria del Polo Pontino della Sapienza – è nato per stimolare una sempre più appropriata gestione clinico-terapeutica delle patologie croniche cutanee, che consenta una ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse a carico del SSN con un focus sul tema della ricerca e delle biotecnologie applicate in dermatologia.

Sanità Informazione ha intervistato la promotrice dell’iniziativa mettendone a fuoco gli aspetti principali e gli obiettivi.

 Professoressa, lei è l’organizzatrice e promotrice di questa giornata, perché nasce e quali sono gli scopi?

«Nasce per ricordare il decennale della scomparsa del professore Daniele Innocenzi che ha studiato moltissimo le malattie infiammatorie croniche cutanee; oltre ad essere un clinico, infatti, era un fine anatomo patologo in quanto si è specializzato presso il nostro Ateneo, la Sapienza, anche in anatomia patologica. Per questo motivo, l’evento di oggi è in suo ricordo, abbiamo voluto dedicarlo a lui ed intitolarlo “Ricerca e biotecnologie applicate in dermatologia” perché oggi si discuterà anche delle implementazioni di nuove terapie e nuovi studi per ciò che riguarda le patologie infiammatorie croniche cutanee come la psoriasi, la dermatite atopica, l’idrosadenite suppurativa, ma anche i tumori cutanei, che oggi hanno tantissima importanza».

A che punto è la ricerca sulle biotecnologie applicate in dermatologia?

«La ricerca è avanzatissima, sia per quanto riguarda la ricerca biomolecolare per la tipizzazione di alcuni tumori cutanei – come il melanoma – ma soprattutto ci siamo voluti focalizzare sui nuovi trattamenti immunomodulanti e immunoterapici nella cura di queste patologie. La ricerca è molto avanti, si tende sempre di più a personalizzare la terapia sul paziente che abbiamo di fronte, per una terapia adatta ad ogni tipo di paziente».

Qual è il ruolo del dermatologo e che approccio deve avere per rispondere a tutte le esigenze del paziente?

«Oggi abbiamo capito che per prendere in carico un malato non bisogna essere solo dei bravi clinici ma si deve valutare la condizione generale: c’è una visione olistica nel prendersi carico delle persone con problemi dermatologici che hanno un forte impatto anche dal punto di vista psicologico. Per questo, lavoriamo insieme agli psicologici clinici e altri colleghi per una gestione multidisciplinare delle comorbidità di patologie cutanee».

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
Onconnext, Boldrini: «Dieci punti fil rouge di una presa in carico multidisciplinare sul territorio»
“Onconnext” è il documento condiviso dalle principali associazioni dei pazienti con tumore al seno presentato alla Camera dei Deputati. Contiene dieci proposte concrete per rinnovare i percorsi di diagnosi e cura rafforzando l’integrazione tra ospedale e territorio
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale