Salute 22 Febbraio 2019 18:15

Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»

Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa

Una giornata di studio ed approfondimento sulle malattie infiammatorie croniche cutanee, oncologiche e sulle patologie degli annessi cutanei con particolare riferimento alle nuove frontiere biotecnologiche in dermatologia. Di questo si è discusso e dibattuto questa mattina presso l’Aula A di Patologia generale della Facoltà di Medicina e Odontoiatria all’Università Sapienza di Roma nel corso del Congresso “Ricerca e biotecnologie applicate in dermatologia”, dedicato al professor Daniele Innocenzi.

L’evento, organizzato dalla professoressa Concetta Potenza – che dirige l’Unità operativa complessa di Dermatologia universitaria del Polo Pontino della Sapienza – è nato per stimolare una sempre più appropriata gestione clinico-terapeutica delle patologie croniche cutanee, che consenta una ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse a carico del SSN con un focus sul tema della ricerca e delle biotecnologie applicate in dermatologia.

Sanità Informazione ha intervistato la promotrice dell’iniziativa mettendone a fuoco gli aspetti principali e gli obiettivi.

 Professoressa, lei è l’organizzatrice e promotrice di questa giornata, perché nasce e quali sono gli scopi?

«Nasce per ricordare il decennale della scomparsa del professore Daniele Innocenzi che ha studiato moltissimo le malattie infiammatorie croniche cutanee; oltre ad essere un clinico, infatti, era un fine anatomo patologo in quanto si è specializzato presso il nostro Ateneo, la Sapienza, anche in anatomia patologica. Per questo motivo, l’evento di oggi è in suo ricordo, abbiamo voluto dedicarlo a lui ed intitolarlo “Ricerca e biotecnologie applicate in dermatologia” perché oggi si discuterà anche delle implementazioni di nuove terapie e nuovi studi per ciò che riguarda le patologie infiammatorie croniche cutanee come la psoriasi, la dermatite atopica, l’idrosadenite suppurativa, ma anche i tumori cutanei, che oggi hanno tantissima importanza».

A che punto è la ricerca sulle biotecnologie applicate in dermatologia?

«La ricerca è avanzatissima, sia per quanto riguarda la ricerca biomolecolare per la tipizzazione di alcuni tumori cutanei – come il melanoma – ma soprattutto ci siamo voluti focalizzare sui nuovi trattamenti immunomodulanti e immunoterapici nella cura di queste patologie. La ricerca è molto avanti, si tende sempre di più a personalizzare la terapia sul paziente che abbiamo di fronte, per una terapia adatta ad ogni tipo di paziente».

Qual è il ruolo del dermatologo e che approccio deve avere per rispondere a tutte le esigenze del paziente?

«Oggi abbiamo capito che per prendere in carico un malato non bisogna essere solo dei bravi clinici ma si deve valutare la condizione generale: c’è una visione olistica nel prendersi carico delle persone con problemi dermatologici che hanno un forte impatto anche dal punto di vista psicologico. Per questo, lavoriamo insieme agli psicologici clinici e altri colleghi per una gestione multidisciplinare delle comorbidità di patologie cutanee».

Articoli correlati
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Che fine farà dopo la pandemia la teledermatologia? Rubegni: «Libera scelta al paziente»
Negli Usa i dermatologi sono favorevoli ad utilizzare la telemedicina anche ad emergenza rientrata. L’esperto italiano: «Sarà compito degli specialisti indicare quali tipologie di visite possono essere svolte a distanza e dovere del Sistema Sanitario assicurarne la fattibilità»
di Isabella Faggiano
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati
Approvata da Aifa e promossa da SIMIT, coinvolgerà 27 centri e migliaia di pazienti. Andreoni (Tor Vergata): «All’esame un trattamento con farmaci diversi per capire quali sono in grado di bloccare la tempesta di citochine nei pazienti ospedalizzati»
di Federica Bosco
La “scatola nera” dell’apparato digerente: con l’enteroscopia e la videocaspula l’intestino tenue non ha più segreti
La ricercatrice dell’università Cattolica: «Non si tratta di tecniche nuove, piuttosto è il loro perfezionamento a poter essere considerato innovativo. Presto utilizzeremo l’enteroscopia a spirale motorizzata, che offre una diagnosi più veloce ed un trattamento più efficace»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...