Salute 9 Dicembre 2021 17:06

RSA e RSD, dal 1° gennaio stop alle forniture di dispositivi e test diagnostici

Degani (UNEBA Lombardia): «A rischio la sicurezza di anziani e disabili. La mancata fornitura dei tamponi metterà in dubbio la frequenza dei controlli. Le strutture dovranno rivolgersi al mercato libero che in questo momento è in overbooking a causa del green pass e questo inciderà sui costi e sui tempi di processazione»

RSA e RSD, dal 1° gennaio stop alle forniture di dispositivi e test diagnostici

Mentre i contagi crescono, la variante Omicron fa paura ed alcune Regioni finiscono in zona gialla, ATS Lombardia informa gli enti gestori delle RSA che a partire dal 1° gennaio 2022 dovranno provvedere in autonomia all’approvvigionamento delle protezioni individuali e dei test diagnostici per prevenire il rischio di contagio da Covid -19.

Un “regalo” di Natale non proprio gradito dalla rete territoriale extraospedaliera che tra meno di un mese si troverà ad avere un costo non indifferente cui far fronte e la necessità di reperire sul mercato un servizio alle migliori condizioni possibili.

Dura la reazione dei diretti interessati. Luca Degani, presidente di Uneba Lombardia, associazione che conta oltre 700 tra RSA e RSD sul territorio non ci sta: «Al peggio non c’è mai fine – commenta – In questo momento abbassare la guardia sulla diagnostica infettiva precoce nelle residenze per anziani e disabili è un errore imperdonabile».

Senza tamponi screening a rischio

A preoccupare Degani sono in particolare i tamponi perché «mentre i Dpi non sono mai stati forniti – spiega il numero uno di Uneba Lombardia -, la mancata fornitura dei tamponi potrebbe avere una ripercussione negativa sulla rete territoriale extraospedaliera».

Un sistema già segnato pesantemente nella prima fase della pandemia. «Questo significa mettere a rischio i controlli perché lo screening delle persone anziane metterà le strutture in condizione di decidere in assoluta autonomia con che frequenza fare i controlli, rivolgendosi poi al mercato libero che in questo momento è in overbooking a causa del green pass e di conseguenza in difficoltà sui tempi di processazione. È l’ennesima dimostrazione di non aver capito le esigenze di un grande anziano ultra-ottantacinquenne con pluripatologie che vive in una residenza. La Regione deve essere garante della salute pubblica, differenziando gli interventi a seconda dell’età e del rischio, non possono essere collocati sullo stesso piano i dispositivi di protezione individuale – sottolinea – e i tamponi che un ente gestore deve garantire. La disponibilità delle mascherine è un dovere che resta come obbligo giuridico – legge 81 sulla sicurezza del lavoro – in capo al datore di lavoro; ma rischiare di togliere la certezza dei test diagnostici agli ospiti delle RSA e RSD lascia senza parole, tanto più che è mancato il coraggio politico di imporre una frequenza».

Uneba non si arrende: «Faremo rumore»

Un boccone amaro da digerire che non trova giustificazione, neppure in Regione Lombardia. «Non ne sapevano nulla ai piani alti – ammette Degani – e non mi stupisce. Si tratta infatti di una decisione presa sulla base di un periodo pandemico che ufficialmente si conclude il 31 dicembre. Agire in questo modo significa da un lato mandare un messaggio di terrore in una condizione che tutti ipotizzano verrà prorogata proprio per garantire nei luoghi di maggior rischio la continuità di screening, e dall’altra far lievitare i costi delle residenze per anziani e disabili che già stanno impazzendo». Non si arrende Degani che “promette” battaglia: «Prima facciamo rumore poi, se non dovessero cambiare le cose, faremo consulti consortili per riuscire ad avere forza nella fase di progettazione».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Uneba, dal Presidente Massi appello al Governo per aiuti alle RSA e RSD
«Il mondo del no profit che gestisce il 52% delle strutture per anziani e fragili non riesce a sopportare l’aumento dell’energia, delle tasse e il mancato adeguamento della quota sanitaria» spiega il presidente di Uneba Franco Massi
Ascom Digistat, le nuove frontiere dell’ICT al servizio del settore sanitario
Ascom Digistat Suite è una piattaforma software per la gestione dei dati clinici dei pazienti progettata per l’utilizzo da parte di medici, infermieri e personale sanitario. Prevede un’ampia gamma di soluzioni: dalla gestione del percorso chirurgico del paziente, al trattamento del paziente in terapia intensiva, al monitoraggio dei parametri fisiologici e di allarmi, inclusi i dispositivi indossabili
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Visite negate nelle RSA, continua la mobilitazione dei parenti. La CONPAL: «Garantire basilari diritti umani, nuove mobilitazioni nei prossimi giorni»
«Non possiamo stare vicini ai nostri cari che stanno soffrendo o addirittura morendo. Il Governo ci ha abbandonato e costretto anche a rinunciare alla Legge 104. Noi non possiamo più accompagnare i nostri cari a svolgere delle attività terapeutiche e ludiche importanti per loro perché dovrebbero essere le strutture ad assicurarle ed invece non lo […]
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi