Salute 19 Agosto 2019 16:19

«Ritirare il rapporto ISTISAN su cellulari e tumori», l’appello dell’Associazione Medici per l’Ambiente

L’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente – ISDE Italia ha esaminato in dettaglio il rapporto ISTISAN, pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità, evidenziandone limiti e inadeguatezze e non condivide le conclusioni né la metodologia adottata nell’elaborazione del documento

«Ritirare il rapporto ISTISAN su cellulari e tumori», l’appello dell’Associazione Medici per l’Ambiente

«L’Istituto Superiore di Sanità ha recentemente pubblicato il rapporto ISTISAN 19/11, “Radiazioni a radiofrequenze e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche”. Tale documento afferma che “l’uso comune del cellulare non sia associato all’incremento del rischio di alcun tipo di tumore cerebrale“, pur attribuendo “un certo grado d’incertezza riguardo alle conseguenze di un uso molto intenso, agli effetti a lungo termine dell’uso del cellulare iniziato da bambini e di un’eventuale maggiore vulnerabilità a questi effetti durante l’infanzia», così in una nota dell’Associazione Medici per l’Ambiente-ISDE Italia.

LEGGI: UTILIZZARE IL CELLULARE NON AUMENTA IL RISCHIO DI TUMORI: I RISULTATI DEL RAPPORTO ISS

«Gli autori del rapporto- prosegue il comunicato- ritengono che le evidenze disponibili, comprese quelle recenti su modelli animali, non giustificano modifiche sostanziali all’impostazione corrente degli standard internazionali di prevenzione dei rischi per la salute». L’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente – ISDE Italia dunque ha esaminato in dettaglio il rapporto ISTISAN evidenziandone limiti e inadeguatezze e non condivide le conclusioni né la metodologia adottata nell’elaborazione del rapporto.

«Il presidente del Comitato Scientifico ISDE, dott. Agostino Di Ciaula e il prof. Benedetto Terracini già professore di Epidemiologia dei tumori all’Università di Torino- continua la nota- hanno promosso un appello con il quale si chiede all’Istituto Superiore di Sanità e al Ministero della Salute di ritirare il documento e di rielaborarlo considerando in maniera adeguata tutte le evidenze scientifiche disponibili».

«Ai fini della prevenzione primaria e della tutela della salute pubblica- dichiara il dott. Agostino Di Ciaula, presidente del comitato scientifico di ISDE- non appare giustificabile ignorare o sottovalutare ciò che già sappiamo e declassificare come irrilevante ciò che ancora non sappiamo. Questo potrebbe trasformarsi in un’inaccettabile rilevazione e quantificazione a posteriori di danni altrimenti evitabili».

«Nelle conclusioni si parla timidamente di incertezze scientifiche- dichiara il prof. Benedetto Terracini– ma si evita di esplicitare la sostanza di tali incertezze e non si propone quale utilizzo farne a fini di prevenzione primaria, data l’affermata maggiore vulnerabilità dei bambini, alla quale sarebbe da aggiungere quella verosimile delle donne in gravidanza, e dei soggetti elettrosensibili».

Articoli correlati
Gli screening salvano la vita, ma a che punto siamo?
La pandemia ha rallentato l’attività di prevenzione. Quali rischi e cosa fare per tornare alla normalità? L’intervista al Dottor Pasquale Valente
di Vanessa Seffler
Tumori, studio Eurocare: guarisce più di metà delle donne e il 40% degli uomini europei
Quelli della tiroide, del testicolo, dello stomaco, del colon retto, dell’utero e per il melanoma i tumori da cui si guarisce di più
Coronavirus e bambini, come affrontare i danni collaterali dei dispositivi digitali
di Paolo Becherucci (Presidente della Società Italiana di Cure Primarie Pediatriche) e di Giovanni Cerimoniale
di Paolo Becherucci (Presidente SICuPP) e Giovanni Cerimoniale
Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»
L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...