Salute 4 Aprile 2019 13:33

Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli

Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi

di Federica Bosco

Circa il 20% degli italiani soffre di rinite allergica anche a causa dei cambiamenti climatici. Ne soffre il 95% dei soggetti asmatici, mentre in primavera sono frequenti i casi di rinocongiuntivite allergica. Prima dell’arrivo della stagione primaverile, si può intervenire con una terapia preventiva farmacologica e, nei casi più persistenti, con una immunoterapia, consigliata principalmente per i più piccoli. «La diagnosi viene fatta dopo un primo intervento in endoscopia nasale – spiega Federico Leone, otorinolaringoiatra al centro Humanitas Pio X di Milano – per vedere l’aspetto della mucosa e la presenza di secrezione. Poi si procede con l’indagine su agenti allergeni. In tal caso interviene l’allergologo che effettua i prick test».

 

«Si tratta di esami che vengono fatti in ambulatorio, completati poi da una diagnostica di laboratorio che è il dosaggio delle ige specifiche comunemente chiamato anche rast – prosegue Alessandra Piona, allergologa, responsabile di medicina generale dell’Humanitas Pio X –. Con l’esecuzione dei prick test e dei rast si arriva ad un preciso inquadramento diagnostico. Si testano gli allergeni principali che sono i pollini, le polveri, le muffe, gli epiteli degli animali domestici, cane e gatto, ed il lattice. Il test è cutaneo, ovvero si mette una goccia di allergene sulla cute, poi con un ago di plastica si buca in quel punto. In questo modo si genera una reazione che si verifica solo nel paziente allergico atopico».

E una volta individuata l’allergia come si opera? «La terapia vera sarebbe l’allontanamento della fonte allergenica – aggiunge Piona – ma non sempre è possibile. In caso di allergia all’animale domestico si potrebbe fare, anche se da un punto di vista psicologico non è facile, ma se da una rinite si arriva all’asma sarebbe la cosa più utile. Una bonifica ambientale è consigliata invece in caso di acari della polvere, in particolare se si tratta di piccoli pazienti. In tal caso ci sono dispositivi che vengono adottati su letto, guanciale, materasso e limitano l’esposizione all’acaro della polvere. Allo stesso modo nella camera occorre non tenere in esposizione peluche e libri. Chi è allergico ai pollini, invece, non può allontanare l’allergene ed allora si passa alla terapia farmacologica. Si inizia con spray nasali, per proseguire con antistaminico o, in casi più gravi, col cortisone che viene dato per via orale. La soluzione più efficace, soprattutto per pazienti pediatrici, è l’immunoterapia, ovvero il vaccino antiallergico, che non solo agisce sull’allergia in atto, ma previene la cosiddetta marcia allergica. Infatti, un bambino che a 5 anni è allergico alle graminacee, nell’età dell’adolescenza, nella maggior parte dei casi, manifesterà allergie agli acari della polvere, agli alimenti e magari al nichel, perché si genera una iperreattività del sistema immunitario. Per evitare ciò si interviene con il vaccino antiallergico. Con l’immunoterapia il problema si può risolvere».

LEGGI ANCHE: ALLERGIE, ANTONICELLI (ALLERGOLOGO): «FENOMENO IN CRESCITA. MEDICO IMPORTANTE PER SCORAGGIARE IL FAI DA TE E INDIRIZZARE A SPECIALISTA»

Articoli correlati
Retinopatia dei prematuri: si diagnostica con un algoritmo, si cura con un farmaco “salva-vista”
Il punto sulla ROP con il professore Domenico Lepore (UOC Oculistica Gemelli): «Quando un bambino nasce prima del termine, le arterie e le vene della retina non sono completamente sviluppate. Nei paesi industrializzati la ROP colpisce prematuri gravi, nati entro le 28 settimane di gestazione»
di Isabella Faggiano
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
Huntington, Bentivoglio (Gemelli): «Presto terapie cambia vita, svolta vicina»
Da qualche anno la ricerca sulla malattia di Huntington promette un cambiamento epocale, con la terapia genica si potrebbe arrivare a risultati sorprendenti. Con Anna Rita Bentivoglio (neurologa Gemelli) analizziamo i risultati e le necessità dei pazienti in cura
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati
Approvata da Aifa e promossa da SIMIT, coinvolgerà 27 centri e migliaia di pazienti. Andreoni (Tor Vergata): «All’esame un trattamento con farmaci diversi per capire quali sono in grado di bloccare la tempesta di citochine nei pazienti ospedalizzati»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco