Salute 4 Aprile 2019

Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli

Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi

di Federica Bosco

Circa il 20% degli italiani soffre di rinite allergica anche a causa dei cambiamenti climatici. Ne soffre il 95% dei soggetti asmatici, mentre in primavera sono frequenti i casi di rinocongiuntivite allergica. Prima dell’arrivo della stagione primaverile, si può intervenire con una terapia preventiva farmacologica e, nei casi più persistenti, con una immunoterapia, consigliata principalmente per i più piccoli. «La diagnosi viene fatta dopo un primo intervento in endoscopia nasale – spiega Federico Leone, otorinolaringoiatra al centro Humanitas Pio X di Milano – per vedere l’aspetto della mucosa e la presenza di secrezione. Poi si procede con l’indagine su agenti allergeni. In tal caso interviene l’allergologo che effettua i prick test».

 

«Si tratta di esami che vengono fatti in ambulatorio, completati poi da una diagnostica di laboratorio che è il dosaggio delle ige specifiche comunemente chiamato anche rast – prosegue Alessandra Piona, allergologa, responsabile di medicina generale dell’Humanitas Pio X –. Con l’esecuzione dei prick test e dei rast si arriva ad un preciso inquadramento diagnostico. Si testano gli allergeni principali che sono i pollini, le polveri, le muffe, gli epiteli degli animali domestici, cane e gatto, ed il lattice. Il test è cutaneo, ovvero si mette una goccia di allergene sulla cute, poi con un ago di plastica si buca in quel punto. In questo modo si genera una reazione che si verifica solo nel paziente allergico atopico».

E una volta individuata l’allergia come si opera? «La terapia vera sarebbe l’allontanamento della fonte allergenica – aggiunge Piona – ma non sempre è possibile. In caso di allergia all’animale domestico si potrebbe fare, anche se da un punto di vista psicologico non è facile, ma se da una rinite si arriva all’asma sarebbe la cosa più utile. Una bonifica ambientale è consigliata invece in caso di acari della polvere, in particolare se si tratta di piccoli pazienti. In tal caso ci sono dispositivi che vengono adottati su letto, guanciale, materasso e limitano l’esposizione all’acaro della polvere. Allo stesso modo nella camera occorre non tenere in esposizione peluche e libri. Chi è allergico ai pollini, invece, non può allontanare l’allergene ed allora si passa alla terapia farmacologica. Si inizia con spray nasali, per proseguire con antistaminico o, in casi più gravi, col cortisone che viene dato per via orale. La soluzione più efficace, soprattutto per pazienti pediatrici, è l’immunoterapia, ovvero il vaccino antiallergico, che non solo agisce sull’allergia in atto, ma previene la cosiddetta marcia allergica. Infatti, un bambino che a 5 anni è allergico alle graminacee, nell’età dell’adolescenza, nella maggior parte dei casi, manifesterà allergie agli acari della polvere, agli alimenti e magari al nichel, perché si genera una iperreattività del sistema immunitario. Per evitare ciò si interviene con il vaccino antiallergico. Con l’immunoterapia il problema si può risolvere».

LEGGI ANCHE: ALLERGIE, ANTONICELLI (ALLERGOLOGO): «FENOMENO IN CRESCITA. MEDICO IMPORTANTE PER SCORAGGIARE IL FAI DA TE E INDIRIZZARE A SPECIALISTA»

Articoli correlati
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
Ipofosfatemia legata all’X: OMaR lancia l’iniziativa “XLH: Raccontaci la tua storia”
Ancora oggi, sentendo la parola “rachitismo”, la maggior parte delle persone associa questo termine alla classica malattia scheletrica, caratterizzata da bassa statura e deformità agli arti inferiori, che è causata da una carenza di vitamina D: per questo motivo, l’idea comune è che la patologia, essendo legata a dinamiche di malnutrizione, non esista praticamente più […]
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Brasile, i morti per febbre dengue salgono del 163% in sei mesi
Il ministero della Salute brasiliano ha reso noto che, negli ultimi sei mesi, le morti per febbre dengue, malattia virale trasmessa dalle zanzare, sono aumentate del 163% rispetto al 2018. Il dicastero spiega che le motivazioni sono da ricercare nelle piogge più abbondanti e nelle temperature più alte, specificando che 366 persone sono morte dal […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone