Salute 4 Aprile 2019 13:33

Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli

Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi

di Federica Bosco

Circa il 20% degli italiani soffre di rinite allergica anche a causa dei cambiamenti climatici. Ne soffre il 95% dei soggetti asmatici, mentre in primavera sono frequenti i casi di rinocongiuntivite allergica. Prima dell’arrivo della stagione primaverile, si può intervenire con una terapia preventiva farmacologica e, nei casi più persistenti, con una immunoterapia, consigliata principalmente per i più piccoli. «La diagnosi viene fatta dopo un primo intervento in endoscopia nasale – spiega Federico Leone, otorinolaringoiatra al centro Humanitas Pio X di Milano – per vedere l’aspetto della mucosa e la presenza di secrezione. Poi si procede con l’indagine su agenti allergeni. In tal caso interviene l’allergologo che effettua i prick test».

 

«Si tratta di esami che vengono fatti in ambulatorio, completati poi da una diagnostica di laboratorio che è il dosaggio delle ige specifiche comunemente chiamato anche rast – prosegue Alessandra Piona, allergologa, responsabile di medicina generale dell’Humanitas Pio X –. Con l’esecuzione dei prick test e dei rast si arriva ad un preciso inquadramento diagnostico. Si testano gli allergeni principali che sono i pollini, le polveri, le muffe, gli epiteli degli animali domestici, cane e gatto, ed il lattice. Il test è cutaneo, ovvero si mette una goccia di allergene sulla cute, poi con un ago di plastica si buca in quel punto. In questo modo si genera una reazione che si verifica solo nel paziente allergico atopico».

E una volta individuata l’allergia come si opera? «La terapia vera sarebbe l’allontanamento della fonte allergenica – aggiunge Piona – ma non sempre è possibile. In caso di allergia all’animale domestico si potrebbe fare, anche se da un punto di vista psicologico non è facile, ma se da una rinite si arriva all’asma sarebbe la cosa più utile. Una bonifica ambientale è consigliata invece in caso di acari della polvere, in particolare se si tratta di piccoli pazienti. In tal caso ci sono dispositivi che vengono adottati su letto, guanciale, materasso e limitano l’esposizione all’acaro della polvere. Allo stesso modo nella camera occorre non tenere in esposizione peluche e libri. Chi è allergico ai pollini, invece, non può allontanare l’allergene ed allora si passa alla terapia farmacologica. Si inizia con spray nasali, per proseguire con antistaminico o, in casi più gravi, col cortisone che viene dato per via orale. La soluzione più efficace, soprattutto per pazienti pediatrici, è l’immunoterapia, ovvero il vaccino antiallergico, che non solo agisce sull’allergia in atto, ma previene la cosiddetta marcia allergica. Infatti, un bambino che a 5 anni è allergico alle graminacee, nell’età dell’adolescenza, nella maggior parte dei casi, manifesterà allergie agli acari della polvere, agli alimenti e magari al nichel, perché si genera una iperreattività del sistema immunitario. Per evitare ciò si interviene con il vaccino antiallergico. Con l’immunoterapia il problema si può risolvere».

LEGGI ANCHE: ALLERGIE, ANTONICELLI (ALLERGOLOGO): «FENOMENO IN CRESCITA. MEDICO IMPORTANTE PER SCORAGGIARE IL FAI DA TE E INDIRIZZARE A SPECIALISTA»

Articoli correlati
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Punture di insetti in aumento in estate e autunno. Una «guida» contro il rischio allergie
I mesi estivi e quelli autunnali sono i periodi dell’anno più rischiosi per quanto riguarda le punture di insetti con pungiglioni: vespe, calabroni, bombi e api. Le loro punture possono portare anche allo shock anafilattico e al decesso nei soggetti allergici, come testimoniano purtroppo i più recenti fatti di cronaca
Si può sviluppare il Long Covid alla seconda infezione?
Anche in caso di reinfezione è possibile sviluppare il Long Covid, la sindrome che insorge anche molte settimane dopo l'infezione acuta. Tuttavia, è più probabile svilupparla alla prima infezione piuttosto che alla seconda, almeno secondo una ricerca britannica
Long Covid, come stanno gli italiani che lo hanno sviluppato nella prima ondata?
Sono passati più di tre anni da quando è scoppiata la pandemia nel Mondo e in Italia. Da allora sono circa 26 milioni gli italiani contagiati. «Nella maggior parte dei casi si guarisce dopo qualche mese, ma ci sono pazienti che anche a distanza di 3 anni continuano a stare male», racconta Matteo Tosato, responsabile dell'Unità operativa Day Hospital post-Covid, Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...