Salute 5 Ottobre 2022 17:26

Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019

In base a un’indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19

Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019

La pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto notevole sull’assistenza sanitaria: nel 2020 si sono registrati 1 milione e 700 mila ricoveri in meno rispetto al 2019. I ricoveri urgenti hanno registrato un consistente calo pari a un -13%, ma i più penalizzati sono stati i ricoveri programmati (differibili) scesi addirittura di un quarto, in base al Programma Nazionale Esiti 2021 (relativo all’anno 2020) curato da Agenas in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e il Dipartimento di Epidemiologia della ASL Roma 1.

In che misura il crollo dei ricoveri ha inciso sul rispetto degli standard qualitativi relativi all’assistenza ospedaliera? Il portale di public reporting in ambito sanitario www.doveecomemicuro.it ha indagato questo aspetto mettendo a confronto la situazione del 2020 con quella del 2019. «Le strutture sanitarie sono chiamate a raggiungere volumi minimi di attività, in base a quanto stabilito dal Decreto Ministeriale n° 70 del 2015 sugli standard relativi all’assistenza ospedaliera. Secondo quanto dimostrano le evidenze scientifiche, infatti, alti volumi hanno un impatto significativo sull’efficacia degli interventi e sull’esito delle cure. La contrazione dei ricoveri totali ha, però, inciso sulla quota di ospedali in linea con le soglie fissate per molti indicatori», spiega Elena Azzolini, medico specialista in Sanità Pubblica e membro del comitato scientifico di Doveecomemicuro.it.

Ciò che emerge dall’indagine è un netto passo indietro rispetto al passato. La quota di strutture sanitarie “rispettose” nel 2020 ha infatti subìto una forte contrazione in molti ambiti. Tra i dati che più colpiscono ci sono quelli relativi al bypass aorto-coronarico isolato – cioè non associato ad interventi sulle valvole o di rimozione di placche dalle arterie -, dove le strutture che hanno eseguito minimo 200 interventi annui si sono addirittura dimezzate, passando da 20 a 10.

Vediamo in che misura è calata la quota di strutture ospedaliere in linea con gli standard nazionali per quanto riguarda una selezione di indicatori dell’area cardiovascolare, dell’area muscolo-scheletrica e di chirurgia oncologica.

Area Cardiovascolare – Infarto Miocardico Acuto (IMA)

Nel 2020, su 555 strutture solo 328 (pari al 59,1% del totale) rispettano la soglia fissata dalle autorità ministeriali di minimo 100 ricoveri annui per IMA. Nel 2019, invece, a rispettare lo standard erano 362 centri (pari al 62,4% delle 580 strutture totali). (N.B.: nel calcolo si è tenuto conto solo dei centri che hanno eseguito minimo 10 interventi).

I ricoveri per IMA nel 2020, in base al PNE 2021, hanno registrato complessivamente un -14% in confronto al 2019 (alla pandemia da Covid-19, secondo gli autori del report, va attribuito un -12% rispetto al totale, che si traduce in circa 14.800 ricoveri in meno rispetto all’atteso).

Il calo delle ospedalizzazioni per infarto miocardico acuto, grazie anche alle numerose iniziative volte a contrastare i fattori di rischio per gli eventi cardiovascolari, era già in atto in epoca pre-pandemica. «Nel 2020 si è assistito, però, a una riduzione particolarmente marcata, non completamente spiegata dal trend», ha detto Giovanni Baglio, Coordinatore Nazionale del PNE, alla presentazione del PNE 2021. «Tra le ipotesi in grado di spiegare l’andamento, vi è una possibile diminuzione dell’incidenza di eventi cardiovascolari, in conseguenza della diminuita esposizione durante il lockdown a fattori scatenanti quali l’inquinamento atmosferico e lo stress fisico. Inoltre, potrebbe aver pesato una minore richiesta di assistenza alle strutture di emergenza-urgenza da parte dei soggetti colpiti da eventi ischemici acuti».

La mortalità a 30 giorni dal ricovero in ospedale per IMA, nel corso del 2020 è aumentata lievemente rispetto al passato, passando da 7,9% a 8,3%.

«Nel periodo pre-pandemico era in calo, ma nel 2020 ha dato segnali di controtendenza: l’incremento stimato rispetto al valore atteso è intorno all’1% ed è attribuibile probabilmente a un minor accesso in ospedale da parte dei pazienti meno gravi», ha spiegato Giovanni Baglio.

Area Cardiovascolare – Bypass aorto-coronarico isolato

Nel 2020, delle 92 strutture che effettuano questo tipo di intervento solo 10 (pari al 10,9% del totale) rispettano la soglia fissata dalle autorità ministeriali di minimo 200 interventi annui per il bypass aorto-coronarico. Nel 2019, invece, a rispettare lo standard erano 20 centri (pari al 21,3% delle 94 strutture totali). (N.B.: nel calcolo si è tenuto conto solo dei centri che hanno eseguito minimo 5 interventi).

Nel 2020, in base al PNE 2021, gli interventi di bypass aorto-coronarico isolato sono scesi del 24% rispetto al valore atteso: ne mancano all’appello 3.504.

«Il ricorso a questa procedura era in calo in epoca pre-pandemica, ma nel 2020 la riduzione è stata ancora più netta in base al trend. Alla significativa contrazione della casistica corrisponde una crescente difficoltà a concentrare gli interventi in strutture al di sopra della soglia minima di 200 interventi l’anno», ha detto Giovanni Baglio.

Area muscolo-scheletrica – Frattura del collo del femore

Nel 2020, su 574 strutture solo 407 (pari al 70,9% del totale) rispettano la soglia fissata dalle autorità ministeriali di minimo 75 interventi annui per frattura del collo del femore. Nel 2019, invece, a rispettare lo standard erano 426 centri (pari al 76,3% delle 558 strutture totali). (N.B.: nel calcolo si è tenuto conto solo dei centri che hanno eseguito minimo 5 interventi).

Nel 2020, in base al PNE 2021, si sono registrati 6.435 ricoveri in meno rispetto all’anno precedente (-6,8%). Se si tiene conto dell’andamento in atto prima dell’ondata pandemica, la riduzione è stimabile intorno a -8% (valore corrispondente a circa 7.200 ricoveri in meno rispetto all’atteso).

«La riduzione con ogni probabilità è da addebitare a un minor numero di traumatismi a seguito della limitata mobilità durante il lockdown», ha spiegato Giovanni Baglio.

Area muscolo-scheletrica – Protesi d’anca

Nel 2020, su 724 strutture solo 364 (pari al 50,3% del totale) rispettano la soglia fissata dalle autorità ministeriali di minimo 100 interventi annui per protesi d’anca. Nel 2019, invece, a rispettare lo standard erano 415 centri (pari al 57% delle 728 strutture totali). (N.B.: nel calcolo si è tenuto conto solo dei centri che hanno eseguito minimo 5 interventi).

Nel 2020, secondo il PNE 2021, si è registrata una decisa contrazione della casistica di interventi per protesi d’anca, quantificabile in 19.167 ricoveri in meno (-16,5%) rispetto al 2019. Se si considera il trend pre-pandemico, la riduzione attribuibile al Covid-19 è stimabile intorno al -18% (che si traduce in circa 21.000 ricoveri in meno rispetto all’atteso).

«La riduzione dei ricoveri riguarda più le procedure programmate di quelle eseguite in urgenza. Questo vale anche per l’intervento per protesi d’anca, uno dei più frequenti in Italia nell’ambito della chirurgia protesica, che in epoca pre-pandemica era in netto aumento», ha spiegato Giovanni Baglio.

Chirurgia Oncologica – Tumore al seno

Nel 2020, su 399 strutture solo 122 (pari al 30,6% del totale) rispettano la soglia fissata dalle autorità ministeriali di minimo 150 interventi annui per interventi per tumore alla mammella. Nel 2019, invece, a rispettare lo standard erano 142 centri (pari al 33,5% delle 424 strutture totali). (N.B.: nel calcolo si è tenuto conto solo dei centri che hanno eseguito minimo 5 interventi).

Nel 2020, in base al PNE 2021, gli interventi per tumore della mammella hanno registrato un -10,1% rispetto al 2019. Se si tiene conto dell’andamento in atto prima della pandemia, il dato si traduce in circa 7.000 ricoveri in meno rispetto all’atteso.

«Per quanto riguarda questa tipologia di interventi è interessante osservare come il picco negativo sia posticipato di circa due mesi rispetto all’inizio del lockdown. Alla base della contrazione nel numero di interventi c’è probabilmente una battuta d’arresto dei programmi di screening con il conseguente decremento delle diagnosi», ha spiegato Giovanni Baglio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa