Salute 15 Ottobre 2019 11:35

Ricerca, porte aperte al Mario Negri di Milano. Mosconi: «Più fondi pubblici per la ricerca indipendente»

L’Istituto milanese ha ospitato sette scuole lo scorso week end e spiegato ai ragazzi le attività dell’Istituto. In tutto oltre 600 persone. «Abbiamo riscontrato grande interesse per le malattie neurologiche e oncologiche» sottolinea Paola Mosconi, Laboratorio di ricerca per il coinvolgimento dei cittadini in sanità

di Federica Bosco

Porte aperte sulla ricerca: lo scorso 12 ottobre l’Istituto Mario Negri di Milano ha incontrato la popolazione. Dalle scuole alle famiglie per un totale di oltre 600 persone che hanno visitato laboratori, fatto domande e dialogato con i ricercatori.

«La mattina abbiamo iniziato con sette scuole per un totale di 220 ragazzi – ha raccontato Paola Mosconi del Laboratorio di ricerca per il coinvolgimento dei cittadini in sanità dell’Istituto Mario Negri, che ha organizzato la giornata formativa ed informativa per la popolazione– sono stati molto interessati sia alle attività d’aula che a quelle sperimentali fatte nei laboratori. E poi come ultimo momento della visita hanno incontrato i ricercatori davanti a dei poster inter-disciplina quindi hanno capito cosa può fare il biologo, medico, veterinario, chimico all’interno della ricerca che è per la maggior parte multidisciplinare. Questo è stato molto interessante per loro in una prospettiva di scelta dell’Università. Invece nel pomeriggio abbiamo accolto la popolazione con quattro momenti: un video sulla storia dell’Istituto, cinquant’anni di storia dal primo direttore, il Professor Garattini, il nuovo direttore Professor Remuzzi; poi un momento più formativo sui temi della ricerca clinica e l’informazione, quindi abbiamo organizzato dei tour per far vedere i  laboratori che sono molto all’avanguardia e poi abbiamo concluso con una carrellata con più di 20 poster che descrivono gli ambiti di ricerca su cui lavoriamo».

«A Milano – continua – abbiamo sei diversi dipartimenti: cardiologia, neuroscienze, salute pubblica, oncologia, ambiente e salute, biochimica; tutti i giovani ricercatori si sono impegnati per fare dei poster di carattere divulgativo e per raccontarne i contenuti. L’obiettivo è trasmettere il nostro entusiasmo nel fare questo lavoro che è importante e vuole avere un contatto diretto con il pubblico e la società civile».

Quali sono le domande più curiose e frequenti che hanno fatto i cittadini?

«Sono stati molto interessati a capire come si sviluppano i farmaci e curiosi di sapere chi ci finanzia. Noi siamo un istituto a carattere scientifico, ma siamo una fondazione privata quindi riceviamo fondi per i progetti a cui concorriamo. Inoltre, interessano molto le malattie neurologiche e oncologiche: abbiamo gruppi che si occupano di SLA, sclerosi multipla, malattie oncologiche e quindi molti dei nostri ricercatori fanno ottima ricerca, vincono bandi a livello europeo. Purtroppo, abbiamo poca e scarsa ricerca indipendente finanziata dalle istituzioni, ne servirebbe di più, ma il substrato è molto buono. Peccato non sfruttarlo appieno».

Cosa si dovrebbe fare per sfruttarle al meglio?

«Avere più fondi, dare più spazio ai giovani, mandarli all’estero per gli scambi, ma poi farli rientrare e creare la stabilità che permetta loro di lavorare nel nostro paese dopo aver fatto le giuste esperienze all’estero».

Articoli correlati
Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti
Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»
di Isabella Faggiano
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?
Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia
di Peter D'Angelo
C’è un legame tra dislessia e la mancanza di ritmo: musica e danza possono aiutare i ragazzi con DSA
Uno studio dell’Università Bicocca e dell’Istituto Besta apre nuove ipotesi sul disturbo dell’apprendimento più diffuso. I ricercatori: «Abbiamo rilevato che nei dislessici il tempo che intercorre tra sguardo e azione è di circa mezzo secondo. Ma per avere ritmo servono sincronizzazione e tempo di intervento»
di Federica Bosco
Una molecola potrebbe inibire l’ingresso del Covid nel corpo umano: la scoperta di una 14enne texana
Anika Chebrolu ha vinto il primo premio della 3M Young Scientist Challenge 2020 e si racconta a Sanità Informazione: «Ho intenzione di utilizzare parte del denaro del concorso per promuovere la mia ricerca e per finanziare il mio progetto no-profit AcademyAid, dedicato ai bambini svantaggiati»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»