Formazione 10 Marzo 2014 12:28

Responsabilità civile e FAD: nuove sfide per i medici italiani

Intervista esclusiva ad Antonio Panti, presidente OMCeO Firenze: “Una sconfitta per tutti il continuo ricorso a sanzioni penali. Urgono modifiche”

Responsabilità civile e FAD: nuove sfide per i medici italiani

Le grandi sfide da vincere e le criticità da superare per il rilancio della sanità italiana. Su questo ha concentrato la sua attenzione il dottor Antonio Panti, presidente dell’Ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri di Firenze intervistato in esclusiva da Sanità Informazione. Tra Formazione a Distanza, rimborsi, nuove tecnologie e responsabilità professionale, sono ancora tanti i nodi da sciogliere.

 Presidente Panti, quello dei rimborsi ai medici ex specializzandi è un tema sempre caldo ed attuale. È notizia recente un nuovo maxi rimborso per i medici, proprio qui a Firenze.
Lo Stato italiano aveva “dimenticato” di adeguare la propria legislazione a quella europea. Oggi si sta rimediando e i medici danneggiati da questo ritardo vedono finalmente riconosciuto il loro diritto al risarcimento. Sono anche altri però i problemi che hanno i camici bianchi italiani: siamo infatti in un momento di grande transizione per la professione. Ma intanto auguri a coloro il cui danno è stato compensato e grazie a chi li ha aiutati ad ottenere questo risultato.

Sarebbe giusto introdurre elementi di mercato secondo cui chi non si forma “esce” e non ha la possibilità di lavorare

Il nuovo governo ha confermato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la quale si trova ad affrontare oggi tematiche delicate come quella della responsabilità civile dei medici.
Si tratta di un tema delicatissimo che va affrontato cambiando il vecchio sistema giuridico, che funziona poco e che finisce comunque col danneggiare il professionista. Ottenere un risarcimento con anni di ritardo è una sconfitta per tutti, così come lo è il continuo ricorso al penale tipico della società italiana, soprattutto in materia di lavoro. Sono troppe, ad oggi, le leggi la cui violazione comporta una sanzione penale invece che amministrativa, il che porta ad un accumulo enorme di processi.

Le nuove tecnologie vengono in soccorso alla Sanità, per aiutarla a svilupparsi e a trovare soluzioni immediate: come la Formazione a Distanza, utile e importante per i colleghi.

Vanno senza dubbio cercati nuovi sistemi di formazione, innanzitutto perché bisogna formare molte più persone rispetto al passato e poi perché i professionisti sanitari necessitano di una formazione più frequente di prima per stare al passo con i repentini cambiamenti che avvengono in quest’ambito. Ciò  comporta una necessaria riorganizzazione della materia. Sarebbe giusto introdurre elementi di mercato secondo cui chi non si forma “esce” e non ha la possibilità di lavorare: il sistema professionale italiano attribuisce prevalenza al valore del titolo rispetto al valore della competenza. Insomma, c’è bisogno di un cambiamento.
Articoli correlati
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Dieta vegetariana e mediterranea a confronto: quali sono i pro e i contro dei due regimi alimentari?
In un corso Fad definizione, differenze e benefici. Migliaccio (Resp. Scientifico): «Gli alimenti di origine animale – carne, uova, latte e pesce - hanno tutte le proteine nobili, gli amminoacidi essenziali, a differenza di quelli vegetali»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...