Salute 16 Novembre 2020

Report Cabina di Regia: «L’Rt cala di poco ma il virus circola ovunque». Toscana e Campania in zona rossa

«Il numero di casi di Covid-19 è salito a 650 per 100mila abitanti anche se questa settimana l’Rt sembra essere diminuito da 1,7 a 1,4». In zona rossa arrivano Toscana e Campania e, da domani, potrebbe unirsi anche l’Abruzzo. Arancioni Friuli, Emilia-Romagna e Marche

Report Cabina di Regia: «L’Rt cala di poco ma il virus circola ovunque». Toscana e Campania in zona rossa

Due nuove regioni in zona rossa e tre in zona arancione. L’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità con il Ministero della Salute cambia di nuovo i colori dell’Italia, per ulteriori 15 giorni. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza per spostare Toscana e Campania in area rossa, mentre Friuli Venezia-Giulia, Marche ed Emilia-Romagna in arancione, in vigore da domenica 15.

Tra il 22 e il 4 novembre, dati alla mano, l’indice Rt sui sintomatici si è abbassato a 1,43, quando la scorsa settimana toccava 1,7. In quasi tutte le regioni i valori medi superano l’1,25 e in tutte superano l’1, che è ancora la soglia sotto cui scendere per dare un freno definitivo alla crescita di nuovi casi.

Venti regioni sono ancora classificate “ad alto rischio di trasmissione non controllata e non gestibile”, di cui Basilicata e Calabria a scopo precauzionale. I dati di sorveglianza comunicati dalle due regioni, infatti, non sono sufficienti per una valutazioni completa. Sono 12 invece, le regioni che mostrano di aver superato la soglia critica (30%) in area medica o in terapia intensiva. Se si mantiene questo ritmo, in un mese quasi tutte potrebbero arrivare a questo stesso risultato. Attualmente sono 3.081 le persone in terapia intensiva e 29.444 quelle ricoverate in area medica.

«Il numero di casi di Covid-19 è salito a 650 per 100mila abitanti – ha chiarito Gianni Rezza, direttore della prevenzione al Ministero – anche se questa settimana l’Rt sembra essere diminuito da 1,7 a 1,4. Si trova comunque al di sopra di uno e questo rappresenta solo un primo segnale di una diminuzione di trasmissione che potrebbe essere attribuita ai provvedimenti presi. Il virus però circola in tutto il Paese e si verifica un preoccupante aumento sia dei ricoveri ospedalieri che di terapia intensiva. Questo giustifica ulteriori misure restrittive che devono essere prese soprattutto nelle regioni che sono a rischio più elevato e induce la popolazione a comportamenti prudenti».

LA NUOVA ORDINANZA

Di fronte ai dati rielaborati dalla cabina di regia, il ministro Speranza ha firmato un’ulteriore ordinanza «che istituisce due nuove aree rosse (Campania e Toscana) e tre nuove aree arancioni (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche)», ha scritto su Facebook. «So che stiamo chiedendo ancora sacrifici, ma non c’è altra strada se vogliamo ridurre il numero dei decessi, limitare il contagio ed evitare una pressione insopportabile sulle nostre reti sanitarie. Ce la faremo. Ma è indispensabile il contributo di tutti».

IL CASO ABRUZZO

Anche l’Abruzzo da martedì potrebbe diventare zona rossa. La regione, che da una settimana era passata in fascia arancione, potrebbe entrare il lockdown per richiesta del Comitato tecnico scientifico regionale, riunitosi nel pomeriggio di domenica. Chiuderebbero tutte le scuole, di ogni ordine e grado, e tutti i negozi a esclusione dei servizi essenziali.

Il governatore Marco Marsilio dovrebbe firmare i provvedimenti nella giornata di oggi, con appoggio del Cts. Ad anticipare la notizia è stato il vicepresidente della giunta regionale Emanuele Imprudente, sui social. «Nessuno può sfuggire alle responsabilità, questi non sono momenti per fare giochi politici e propagandistici ma sono momenti in cui prendere posizione e anticipare scelte. L’Abruzzo deve essere zona rossa con chiusura scuole», ha scritto.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
Il Covid-19 può essere trasmesso per via sessuale? Come fare per limitare i rischi?
Una risposta arriva dal sito della FNOMCeO “Dottore, ma è vero che…?”. «Evitare rapporti con sconosciuti e curare al meglio la propria igiene personale»
Superati i 50mila morti per Covid-19 in Italia. L’età media è di 80 anni
Altri 630 morti nella giornata di oggi. Le donne sono il 42,5% del totale e hanno un’età media più alta rispetto agli uomini
Covid-19, è emergenza posti letto internistici. Lo studio di Anaao-Assomed
«Dal confronto, regione per regione, dei posti letto internistici nel 2018 e quelli attivati nel 2020 con l’attuale numero dei ricoveri Covid-19, emerge un quadro drammatico»
In Italia Rt a 1.18. Brusaferro: «Valori scendono, ma situazione ancora critica»
«Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane», chiarisce Gianni Rezza direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli