Salute 17 Maggio 2018 16:09

Regione Lazio, Giuseppe Simeone presidente Commissione Sanità: «Serve riequilibrio tra Roma e province»

L’esponente di Forza Italia eletto con 10 voti. Vice presidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Tra i componenti anche Davide Barillari (M5S) e Stefano Parisi

Il Consiglio regionale del Lazio ha finalmente nominato, dopo settimane di trattative, le Commissioni. A renderne difficile la composizione l’assenza di una maggioranza in seno al Consiglio: il presidente Nicola Zingaretti, riconfermato il 4 marzo con il 33,23%, si trova nella situazione dell’‘anatra zoppa’: la coalizione di centrosinistra non ha ottenuto la maggioranza dei seggi.

Come previsto, cinque presidenze (tra cui la cruciale Bilancio) sono andate al centrosinistra; tre, compresa la Sanità, al centrodestra. A quota tre presidenti anche il M5s, mentre una commissione, quella sulla Ricostruzione post sisma, sarà guidata dall’ex sindaco di Amatrice e candidato governatore Sergio Pirozzi. Ora, con le commissioni insediate, può finalmente partire il lavoro del Consiglio: il primo obiettivo sarà approvare quanto prima il Bilancio.

La partita più difficile delle scorse settimane si è giocata all’interno di FI per la guida della commissione Sanità: dopo un testa a testa tra Giuseppe Simeone e Pino Cangemi che ha portato entrambi a passare al gruppo Misto, l’ha spuntata il primo, ora rientrato in Forza Italia. Simeone ha ottenuto 10 voti. Vicepresidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Completano l’organico della commissione i consiglieri Davide Barillari (M5S), Marta Bonafoni (LCZ), Mauro Buschini (PD), Chiara Colosimo (FdI), Michela Di Biase (PD), Daniele Giannini (Lega), Massimiliano Maselli (NCI), Enrico Panunzi (PD), Stefano Parisi (Lazio 2018) e Marco Vincenzi (PD).

Simeone, originario di Sperlonga (Latina), è in politica da tempo. È stato assessore all’Ambiente della Provincia di Latina dal 1995 al 2001, dal 2002 al 2012 componente del Consiglio d’amministrazione della società Acqualatina SpA. Dal 1985 a oggi ha ricoperto vari incarichi nel Comune di Formia: Vice sindaco, assessore ai Lavori pubblici, alle Attività produttive, al Turismo, all’Ambiente, ai Servizi sociali, Presidente del Consiglio comunale. Diventa Consigliere regionale nel 2013, poi riconfermato nell’ultima tornata elettorale con 12.241 preferenze.

«Lo prendo come un impegno e non come una medaglia da esibire – afferma Simeone – Sarò integerrimo nel tutelare gli interessi di ogni singolo cittadino che ha diritto ad avere una assistenza degna e qualificata nel momento più difficile. Sarò anche il portatore degli interessi delle province del Lazio i cui cittadini hanno non più diritti, ma neanche meno, rispetto a quelli di Roma Capitale. Dobbiamo essere capaci di trovare una sintesi in grado di collocare in maniera equa le risorse disponibili. Stiamo per uscire dalla fase di commissariamento – prosegue Simeone – Questo consentirà al Consiglio e alla commissione di tornare a svolgere il proprio ruolo di programmazione e organizzazione politica della rete di assistenza regionale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali