Salute 17 maggio 2018

Regione Lazio, Giuseppe Simeone presidente Commissione Sanità: «Serve riequilibrio tra Roma e province»

L’esponente di Forza Italia eletto con 10 voti. Vice presidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Tra i componenti anche Davide Barillari (M5S) e Stefano Parisi

Il Consiglio regionale del Lazio ha finalmente nominato, dopo settimane di trattative, le Commissioni. A renderne difficile la composizione l’assenza di una maggioranza in seno al Consiglio: il presidente Nicola Zingaretti, riconfermato il 4 marzo con il 33,23%, si trova nella situazione dell’‘anatra zoppa’: la coalizione di centrosinistra non ha ottenuto la maggioranza dei seggi.

Come previsto, cinque presidenze (tra cui la cruciale Bilancio) sono andate al centrosinistra; tre, compresa la Sanità, al centrodestra. A quota tre presidenti anche il M5s, mentre una commissione, quella sulla Ricostruzione post sisma, sarà guidata dall’ex sindaco di Amatrice e candidato governatore Sergio Pirozzi. Ora, con le commissioni insediate, può finalmente partire il lavoro del Consiglio: il primo obiettivo sarà approvare quanto prima il Bilancio.

La partita più difficile delle scorse settimane si è giocata all’interno di FI per la guida della commissione Sanità: dopo un testa a testa tra Giuseppe Simeone e Pino Cangemi che ha portato entrambi a passare al gruppo Misto, l’ha spuntata il primo, ora rientrato in Forza Italia. Simeone ha ottenuto 10 voti. Vicepresidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Completano l’organico della commissione i consiglieri Davide Barillari (M5S), Marta Bonafoni (LCZ), Mauro Buschini (PD), Chiara Colosimo (FdI), Michela Di Biase (PD), Daniele Giannini (Lega), Massimiliano Maselli (NCI), Enrico Panunzi (PD), Stefano Parisi (Lazio 2018) e Marco Vincenzi (PD).

Simeone, originario di Sperlonga (Latina), è in politica da tempo. È stato assessore all’Ambiente della Provincia di Latina dal 1995 al 2001, dal 2002 al 2012 componente del Consiglio d’amministrazione della società Acqualatina SpA. Dal 1985 a oggi ha ricoperto vari incarichi nel Comune di Formia: Vice sindaco, assessore ai Lavori pubblici, alle Attività produttive, al Turismo, all’Ambiente, ai Servizi sociali, Presidente del Consiglio comunale. Diventa Consigliere regionale nel 2013, poi riconfermato nell’ultima tornata elettorale con 12.241 preferenze.

«Lo prendo come un impegno e non come una medaglia da esibire – afferma Simeone – Sarò integerrimo nel tutelare gli interessi di ogni singolo cittadino che ha diritto ad avere una assistenza degna e qualificata nel momento più difficile. Sarò anche il portatore degli interessi delle province del Lazio i cui cittadini hanno non più diritti, ma neanche meno, rispetto a quelli di Roma Capitale. Dobbiamo essere capaci di trovare una sintesi in grado di collocare in maniera equa le risorse disponibili. Stiamo per uscire dalla fase di commissariamento – prosegue Simeone – Questo consentirà al Consiglio e alla commissione di tornare a svolgere il proprio ruolo di programmazione e organizzazione politica della rete di assistenza regionale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Beppe Grillo: «Camici bianchi come agenti di turismo». FNOMCeO: «Noi medici del cittadino, non dello Stato». E sull’autismo è bufera
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici replica alle parole del fondatore M5S: «Per noi nessun paziente è numero». Grillo ironizza su malati di Asperger e autismo, la replica delle associazioni: «Ingeneroso suscitare risata su questa malattia»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...