Salute 17 maggio 2018

Regione Lazio, Giuseppe Simeone presidente Commissione Sanità: «Serve riequilibrio tra Roma e province»

L’esponente di Forza Italia eletto con 10 voti. Vice presidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Tra i componenti anche Davide Barillari (M5S) e Stefano Parisi

Il Consiglio regionale del Lazio ha finalmente nominato, dopo settimane di trattative, le Commissioni. A renderne difficile la composizione l’assenza di una maggioranza in seno al Consiglio: il presidente Nicola Zingaretti, riconfermato il 4 marzo con il 33,23%, si trova nella situazione dell’‘anatra zoppa’: la coalizione di centrosinistra non ha ottenuto la maggioranza dei seggi.

Come previsto, cinque presidenze (tra cui la cruciale Bilancio) sono andate al centrosinistra; tre, compresa la Sanità, al centrodestra. A quota tre presidenti anche il M5s, mentre una commissione, quella sulla Ricostruzione post sisma, sarà guidata dall’ex sindaco di Amatrice e candidato governatore Sergio Pirozzi. Ora, con le commissioni insediate, può finalmente partire il lavoro del Consiglio: il primo obiettivo sarà approvare quanto prima il Bilancio.

La partita più difficile delle scorse settimane si è giocata all’interno di FI per la guida della commissione Sanità: dopo un testa a testa tra Giuseppe Simeone e Pino Cangemi che ha portato entrambi a passare al gruppo Misto, l’ha spuntata il primo, ora rientrato in Forza Italia. Simeone ha ottenuto 10 voti. Vicepresidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Completano l’organico della commissione i consiglieri Davide Barillari (M5S), Marta Bonafoni (LCZ), Mauro Buschini (PD), Chiara Colosimo (FdI), Michela Di Biase (PD), Daniele Giannini (Lega), Massimiliano Maselli (NCI), Enrico Panunzi (PD), Stefano Parisi (Lazio 2018) e Marco Vincenzi (PD).

Simeone, originario di Sperlonga (Latina), è in politica da tempo. È stato assessore all’Ambiente della Provincia di Latina dal 1995 al 2001, dal 2002 al 2012 componente del Consiglio d’amministrazione della società Acqualatina SpA. Dal 1985 a oggi ha ricoperto vari incarichi nel Comune di Formia: Vice sindaco, assessore ai Lavori pubblici, alle Attività produttive, al Turismo, all’Ambiente, ai Servizi sociali, Presidente del Consiglio comunale. Diventa Consigliere regionale nel 2013, poi riconfermato nell’ultima tornata elettorale con 12.241 preferenze.

«Lo prendo come un impegno e non come una medaglia da esibire – afferma Simeone – Sarò integerrimo nel tutelare gli interessi di ogni singolo cittadino che ha diritto ad avere una assistenza degna e qualificata nel momento più difficile. Sarò anche il portatore degli interessi delle province del Lazio i cui cittadini hanno non più diritti, ma neanche meno, rispetto a quelli di Roma Capitale. Dobbiamo essere capaci di trovare una sintesi in grado di collocare in maniera equa le risorse disponibili. Stiamo per uscire dalla fase di commissariamento – prosegue Simeone – Questo consentirà al Consiglio e alla commissione di tornare a svolgere il proprio ruolo di programmazione e organizzazione politica della rete di assistenza regionale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...