Salute 5 marzo 2018

Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana

L’ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)

Dopo la notte elettorale, con lo spoglio dei voti per le politiche e la netta affermazione di Movimento Cinque Stelle e Lega, l’attenzione è stata tutta per lo spoglio dei voti per le regionali in Lazio e Lombardia. Due partite diverse: senza storia quella lombarda, combattuta fino all’ultimo quella romana.

COSA CAMBIERÀ PER SANITÀ E SALUTE 

SPECIALE | TUTTE LE INTERVISTE E I PROGRAMMI 

REGIONE LOMBARDIA, GUIDA FONTANA

La corsa per Palazzo Lombardia vede vincitore l’avvocato Attilio Fontana. Continua così il dominio incontrastato del centrodestra, che governa la Regione dal 1994 e si prepara a farlo per altri cinque anni. L’ex sindaco di Varese è in testa con oltre il 53% dei voti. Il risultato (nettamente superiore rispetto al 42,8% registrato cinque anni fa da Roberto Maroni) conferma il buon momento del centrodestra e in particolare della Lega, che con il 33% sorpassa e doppia i voti di Forza Italia. Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e renziano della prima ora, si è fermato al 26%. Ancora più staccato Dario Violi del Movimento Cinque Stelle con il 16%. Disfatta per Liberi e Uguali: il candidato Onorio Rosati si ferma sotto il 2% e manca il quorum per entrare in Consiglio regionale.

LEGGI| SPECIALE ELEZIONI SANITA’ INFORMAZIONE: LOMBARDIA, CORSA A SETTE

 

REGIONE LAZIO, IN TESTA ZINGARETTI

Più combattuta la corsa per la Pisana, che ha visto tre candidati contendersi la poltrona di via Cristoforo Colombo. Il presidente uscente Nicola Zingaretti alla fine ha vinto con il 34,15%,  seguito da Stefano Parisi (centrodestra) con il 30,26%. Solo terza la deputata uscente Roberta Lombardi del Movimento 5 Stelle che si ferma al 26,9%. Più staccato il sindaco di Amatrice, il civico Sergio Pirozzi, con il 4,6%.

LEGGI| SPECIALE ELEZIONI: REGIONALI LAZIO, OTTO GLI SFIDANTI DI ZINGARETTI

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Sovraffollamento Pronto soccorso, Luisa Regimenti (Lega): «Unità di supporto con medici di medicina generale per limitare accessi impropri»
«Agli ambulatori – sottolinea la responsabile Sanità del Lazio per il Carroccio - sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...