Salute 5 Marzo 2018

Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana

L’ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)

Dopo la notte elettorale, con lo spoglio dei voti per le politiche e la netta affermazione di Movimento Cinque Stelle e Lega, l’attenzione è stata tutta per lo spoglio dei voti per le regionali in Lazio e Lombardia. Due partite diverse: senza storia quella lombarda, combattuta fino all’ultimo quella romana.

COSA CAMBIERÀ PER SANITÀ E SALUTE 

SPECIALE | TUTTE LE INTERVISTE E I PROGRAMMI 

REGIONE LOMBARDIA, GUIDA FONTANA

La corsa per Palazzo Lombardia vede vincitore l’avvocato Attilio Fontana. Continua così il dominio incontrastato del centrodestra, che governa la Regione dal 1994 e si prepara a farlo per altri cinque anni. L’ex sindaco di Varese è in testa con oltre il 53% dei voti. Il risultato (nettamente superiore rispetto al 42,8% registrato cinque anni fa da Roberto Maroni) conferma il buon momento del centrodestra e in particolare della Lega, che con il 33% sorpassa e doppia i voti di Forza Italia. Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e renziano della prima ora, si è fermato al 26%. Ancora più staccato Dario Violi del Movimento Cinque Stelle con il 16%. Disfatta per Liberi e Uguali: il candidato Onorio Rosati si ferma sotto il 2% e manca il quorum per entrare in Consiglio regionale.

LEGGI| SPECIALE ELEZIONI SANITA’ INFORMAZIONE: LOMBARDIA, CORSA A SETTE

 

REGIONE LAZIO, IN TESTA ZINGARETTI

Più combattuta la corsa per la Pisana, che ha visto tre candidati contendersi la poltrona di via Cristoforo Colombo. Il presidente uscente Nicola Zingaretti alla fine ha vinto con il 34,15%,  seguito da Stefano Parisi (centrodestra) con il 30,26%. Solo terza la deputata uscente Roberta Lombardi del Movimento 5 Stelle che si ferma al 26,9%. Più staccato il sindaco di Amatrice, il civico Sergio Pirozzi, con il 4,6%.

LEGGI| SPECIALE ELEZIONI: REGIONALI LAZIO, OTTO GLI SFIDANTI DI ZINGARETTI

Articoli correlati
ECM, Pensionati Cisl: «Perché il Sistema sanitario non investe in questo ambito?»
Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardia, sottolinea come i pazienti non si sentano adeguatamente tutelati: «Ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno...»
di Federica Bosco
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
ECM, Giacomelli (CODICI): «Sistema dei controlli non funziona, medico presenti ai pazienti ‘curriculum’ con aggiornamenti»
Il segretario nazionale di CODICI - Centro per i diritti del cittadino torna sul tema del mancato adempimento dell’obbligo formativo e rilancia: «È bene che appunto il consumatore venga messo nelle condizioni di conoscere chi è il professionista e le competenze che ha acquisito su quel caso specifico caso o su una determinata patologia»
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...