Politica 23 Ottobre 2017 11:22

Referendum Lombardia e Veneto, vince il sì. Cosa cambia per la sanità?

I risultati della consultazione confermano la volontà dei cittadini delle due Regioni di maggiore autonomia e maggiori risorse, anche per la tutela della salute. Ecco che cosa succederà adesso

Referendum Lombardia e Veneto, vince il sì. Cosa cambia per la sanità?

I cittadini di Lombardia e Veneto vogliono più autonomia. I risultati del referendum di domenica scorsa, consultivo e on obbligatorio, sono chiari: in entrambe le Regioni oltre il 95% dei votanti è favorevole ad «ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia», come si leggeva nel quesito proposto agli elettori. Ma non tutti si sono recati alle urne: in Veneto ha votato il 57,3% degli aventi diritto e in Lombardia più del 40%. Ma cosa succede adesso? E soprattutto, quali sono le implicazioni per il mondo sanitario?

L’obiettivo dei sostenitori del “sì” è ottenere la competenza legislativa sul maggior numero di materia possibile tra quelle attualmente regolamentate in modo concorrente da Stato e Regioni. Tra queste, figura anche la tutela della salute, al fianco, ad esempio, di rapporti internazionali, casse di risparmio, tutela dell’ambiente, commercio con l’estero e protezione civile. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, intervenuto a Zapping su Radio Uno, ha dichiarato che sono sei le materie da cui bisogna partire per intavolare la trattativa: «Lavoro, istruzione, ricerca, l’ambiente, la salute e l’autonomia territoriale: queste sei materie sono la base per ragionare».

Ma il vero nodo è il residuo fiscale: Roberto Maroni e Luca Zaia, rispettivamente Governatori di Lombardia e Veneto, vorrebbero assottigliare la differenza tra quanto i cittadini lombardi e veneti versano in tasse e tributi allo Stato e quanto ne ricevono indietro in servizi: «Vogliamo che i nove decimi delle tasse restino nella nostra Regione», ha detto il Presidente della giunta regionale del Veneto. Se il Governo dovesse andare incontro alle richiese delle due Regioni, non è escluso che le maggiori risorse così ottenute non vengano destinate ai rispettivi sistemi sanitari regionali.

L’iter che adesso i due Presidenti dovranno seguire è stato chiaramente spiegato da Roberto Maroni: «Partiranno subito le procedure per avviare il tavolo, cominciando in Consiglio regionale, sentiti gli enti locali, come prevede la Costituzione. E nei prossimi giorni convocheremo tutti gli stakeholder per poi arrivare a presentare la richiesta al Governo che poi avrà 60 giorni di tempo per convocarci» – ha dichiarato Maroni. Il Governo dal canto suo, per voce del Sottosegretario per gli Affari regionali Gianclaudio Bressa, si dice pronto alla trattativa.

 

 

Articoli correlati
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Medicina specialistica, deliberato nuovo accordo integrativo in Lombardia
Cisl medici Lombardia: «Punto di partenza per la specialistica territoriale anche in virtù della su importanza nella pandemia»
Ticket sanitario, Lombardia approva esenzione per forze armate, dell’ordine, polizia locale e protezione civile
Moratti: «Segnale importante verso operatori impegnati ogni giorno sul territorio per garantire ordine e sicurezza»
Lombardia, Guido Bertolaso promette: «Tutti vaccinati entro giugno»
All’ex capo della protezione civile il compito di coordinare la campagna vaccinale con Letizia Moratti. Tra le novità prime dosi agli over 80 dal 24 febbraio, AstraZeneca anche agli over 55, accordo con i medici di base e impiego degli specializzandi del primo e secondo anno per somministrare le dosi
di Federica Bosco
Vaccini anti-Covid-19 nelle farmacie, trovato l’accordo in Lombardia
La Regione Lombardia ha deliberato la partecipazione delle farmacie private alla campagna vaccinale anti Covid-19 e al completamento della campagna antinfluenzale 2020-2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...