Salute 23 ottobre 2017

Referendum Lombardia e Veneto, vince il sì. Cosa cambia per la sanità?

I risultati della consultazione confermano la volontà dei cittadini delle due Regioni di maggiore autonomia e maggiori risorse, anche per la tutela della salute. Ecco che cosa succederà adesso

Immagine articolo

I cittadini di Lombardia e Veneto vogliono più autonomia. I risultati del referendum di domenica scorsa, consultivo e on obbligatorio, sono chiari: in entrambe le Regioni oltre il 95% dei votanti è favorevole ad «ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia», come si leggeva nel quesito proposto agli elettori. Ma non tutti si sono recati alle urne: in Veneto ha votato il 57,3% degli aventi diritto e in Lombardia più del 40%. Ma cosa succede adesso? E soprattutto, quali sono le implicazioni per il mondo sanitario?

L’obiettivo dei sostenitori del “sì” è ottenere la competenza legislativa sul maggior numero di materia possibile tra quelle attualmente regolamentate in modo concorrente da Stato e Regioni. Tra queste, figura anche la tutela della salute, al fianco, ad esempio, di rapporti internazionali, casse di risparmio, tutela dell’ambiente, commercio con l’estero e protezione civile. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, intervenuto a Zapping su Radio Uno, ha dichiarato che sono sei le materie da cui bisogna partire per intavolare la trattativa: «Lavoro, istruzione, ricerca, l’ambiente, la salute e l’autonomia territoriale: queste sei materie sono la base per ragionare».

Ma il vero nodo è il residuo fiscale: Roberto Maroni e Luca Zaia, rispettivamente Governatori di Lombardia e Veneto, vorrebbero assottigliare la differenza tra quanto i cittadini lombardi e veneti versano in tasse e tributi allo Stato e quanto ne ricevono indietro in servizi: «Vogliamo che i nove decimi delle tasse restino nella nostra Regione», ha detto il Presidente della giunta regionale del Veneto. Se il Governo dovesse andare incontro alle richiese delle due Regioni, non è escluso che le maggiori risorse così ottenute non vengano destinate ai rispettivi sistemi sanitari regionali.

L’iter che adesso i due Presidenti dovranno seguire è stato chiaramente spiegato da Roberto Maroni: «Partiranno subito le procedure per avviare il tavolo, cominciando in Consiglio regionale, sentiti gli enti locali, come prevede la Costituzione. E nei prossimi giorni convocheremo tutti gli stakeholder per poi arrivare a presentare la richiesta al Governo che poi avrà 60 giorni di tempo per convocarci» – ha dichiarato Maroni. Il Governo dal canto suo, per voce del Sottosegretario per gli Affari regionali Gianclaudio Bressa, si dice pronto alla trattativa.

 

 

Articoli correlati
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Ostetriche, in Italia sempre meno in organico. Nadia Rovelli (Milano): «Adottare modello di presa in carico della madre. Oggi 3 ostetriche per 3mila parti»
Nel nostro paese solo 16507 professioniste contro le 31mila della Gb. La presidente dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza Brianza sottolinea: «Oggi l’accordo Stato-Regioni prevede che ci sia una correlazione tra ostetriche e numero di parti, ma l’interpretazione della legge è lasciata alla discrezionalità delle varie aziende»
di Federica Bosco
AULSS 6 Euganea, no di CIMO a direzioni «improntate a catene di montaggio»
«Affidare a un tecnico di questioni amministrative la gestione dei distretti sanitari anziché a chi ha forti competenze mediche è un errore e un danno gravissimo per il futuro della sanità pubblica, perché spalanca le porte alla gestione burocratica e industrializzata dei pazienti e delle cure». CIMO ribadisce così la sua denuncia contro la decisione […]
Spot risarcimenti, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Azione sistematica contro i medici allontana i migliori professionisti e danneggia SSN»
L’assessore lombardo parla anche del grande tema dell’autonomia: «Serve a responsabilizzare i territori e a dare una premialità a coloro che sanno gestire al meglio le risorse e fare efficienza». Sulle risorse: «SSN in questi anni ha avuto finanziamenti non adeguati rispetto alle attività che si svolgono. 114 miliardi corrispondono al 6,6 percento del Pil, mentre la media europea è del 8,5%»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...