Salute 11 Settembre 2020

Recovery Plan, Fnopo: «Riorganizzare il territorio con ostetrica di famiglia e comunità»

L’appello della Federazione al governo per rimettere al centro salute di genere e denatalità: l’ostetrica di famiglia e comunità per sostenere le donne e i loro bisogni

Immagine articolo

Promozione della ripresa del tasso di fertilità e conseguente crescita demografica, parte dei macro-obiettivi del “Recovery Plan” predisposto dal Governo per la ripresa del Paese, sono «interventi importanti che devono tradursi in misure concrete che agiscano su aree strategiche e sinergiche della sanità». A parlare sono le componenti del Comitato centrale della Fnopo (Federazione nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica).

RIPRESA DELLA FERTILITÀ

«Il rischio, altrimenti, è che siano solo buoni propositi senza alcuna ricaduta positiva sulla salute dei cittadini e delle cittadine – proseguono -. Realizzare la ripresa della fertilità e la crescita demografica richiede, oggi più che mai, interventi che mettano al centro la donna, la coppia e la famiglia. Le esperienze maturate durante la prima era Covid-19 hanno insegnato che il miglioramento dell’assistenza sanitaria ospedaliera deve andare di pari passo con il potenziamento del territorio».

«Lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento in Commissione Affari Sociali della Camera ha parlato del “territorio e sanità di prossimità” come “il primo asse del nostro Piano”. Solo attraverso interventi sui due ambiti sarà possibile offrire una assistenza di qualità, garantendo la presa in carico della donna con i suoi bisogni reali e potenziali, espressi e non espressi», spiegano le rappresentanti nazionali della categoria ostetrica.

OSTETRICA DI FAMIGLIA E COMUNITÀ

La Federazione ha già sottoposto all’attenzione del presidente del Consiglio nel corso degli Stati generali dell’economia di giugno, la necessità di agire nei confronti di tematiche strategiche per il futuro del Paese, come la salute di genere e la drammatica denatalità. Fenomeno, quest’ultimo, confermato anche nelle nuove previsioni Istat sul calo delle nascite.

«La Fnopo, ancora una volta, segnala il ruolo cruciale che può svolgere l’ostetrica di famiglia e di comunità che si caratterizza per la sua presenza capillare sul territorio a sostegno delle donne e dei loro bisogni, anche emergenti, e a supporto del lavoro, altrettanto importante, svolto in ospedale. Sostenere l’implementazione di questa figura professionale su tutto il territorio nazionale – concludono i vertici – significa dare attuazione a interventi specifici e mirati a sostegno delle donne, del nascituro, della coppia e dunque di tutta la comunità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gravidanza e Covid, durante il lockdown 90% in meno di parti prematuri
Lo studio incrociato a livello europeo. Vaccari (Fnopo): «Riposo, cura di sè e vicinanza agli affetti proteggono madre e bambino»
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Recovery Fund e Mes, CIMO-FESMED: «Proposte Ministero portano a vicolo cieco. Serve vera riforma SSN»
Le priorità secondo la Federazione: intervenire sull'aziendalizzazione delle strutture sanitarie, rivedere il sistema di finanziamento del SSN, modificare la politica del personale
Un miliardo e mezzo per la sanità pubblica ecologica. Al via il progetto finanziato dal Recovery Fund
Il progetto verrà presentato a metà settembre ed è stato affidato dai Ministri Speranza e Costa e dal Viceministro Sileri al professor Antonio Giordano (Sbarro Institute di Philadelphia e Università di Siena)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...