Salute 7 Ottobre 2019

36° Congresso FNOPO, allarme denatalità: nati quasi 7mila bambini in meno. La Federazione: «Valorizzare ruolo delle ostetriche»

Il documento redatto dalla FNOPO fissa anche i punti critici dell’attuale contesto italiano: dal mancato adeguamento strutturale delle dotazioni organiche al blocco del turn over

Immagine articolo

Valorizzazione e riconoscimento del ruolo ricoperto dalla figura ostetrica, implementazione del numero di professionisti che accedono ai dottorati di ricerca e ai ruoli universitari, revisione del percorso formativo per accedere alla professione, ma anche coinvolgimento della Federazione alla politica nazionale e valorizzazione del Servizio sanitario nazionale. Questi i punti da perseguire, individuati in occasione del 36° Congresso nazionale della Federazione Nazionale della Professione di Ostetrica, svoltosi a Palermo alla presenza del ministro della Famiglia e Pari Opportunità, Elena Bonetti.

Un’occasione per lanciare l’allarme anche sulla denatalità che sta colpendo l’Italia. Secondo i dati riportati nel documento FNOPO, nei primi tre mesi del 2019 nel Paese sono nati 6.801 bambini in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Numeri che la Federazione legge non come un fenomeno temporaneo.

LEGGI: RAPPORTO CEDAP, FNOPO: «ANCORA TROPPA MEDICALIZZAZIONE ALLA NASCITA. SERVE L’OSTETRICIA DI FAMIGLIA»

«Anche quest’anno l’evento nazionale della categoria ostetrica si è contraddistinto per l’alto profilo professionale di tutti coloro che hanno partecipato con contributi di grande valore – commentano le Componenti Nazionali FNOPO -. Di particolare importanza è stato l’intervento della ministra della Famiglia e Pari Opportunità, Elena Bonetti, con la quale si è da subito instaurata una comune visione d’intenti sull’importanza di lavorare in maniera congiunta per la promozione la protezione della salute della donna, in particolare durante la gravidanza».

Il documento redatto dalla FNOPO fissa anche i punti critici dell’attuale contesto italiano. Dal mancato adeguamento strutturale delle dotazioni organiche, al blocco del turn over e a una normativa contrattuale che non favorisce la formazione post laurea attraverso i master approvati dall’Osservatorio nazionale delle professioni sanitarie, fino alla carenza degli operatori e alle diseguaglianze nell’erogazione delle cure.

«Le riflessioni poste dalla ministra sono state l’occasione – si legge ancora nella nota – per poter portare alla sua attenzione il modello di “Ostetrica di famiglia e di comunità”, sul quale il Comitato centrale FNOPO auspica si possa proseguire un confronto più puntuale nel corso di un incontro da svolgere nelle sedi opportune».

Articoli correlati
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
Gravidanza, FNOPO: «Vaccinazioni contro l’influenza e acido folico fondamentali per salute delle donne e dei nascituri»
La FNOPO, anche quest’anno si associa al messaggio delle altre professioni sanitarie, medici di famiglia, ginecologi e pediatri, affinché «si comprenda che non sono i vaccini a dover far paura, ma al contrario si devono temere le malattie, e le loro possibili complicanze»
Rapporto Cedap, FNOPO: «Ancora troppa medicalizzazione alla nascita. Serve l’Ostetricia di famiglia»
La FNOPO, Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, ha commentato i dati emersi dall’annuale rapporto CEDAP, Il Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia relativo all’anno 2015. Ecco quanto rilevato dal Comitato Centrale FNOPO: «I dati che emergono dal Rapporto CEDAP 2016 sono preoccupanti, ma purtroppo non meravigliano. Sebbene infatti si riferiscano al 2015 e dunque, a ben […]
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Emergenza STEN in Campania, FNOPO: «Servizio inadeguato. A rischio sicurezza di neonati e mamme»
«Il Servizio di Trasporto di Emergenza per Neonati (STEN) che di fatto risulta inadeguato - fanno sapere i Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica -. Occorre l’adeguamento a norme già presenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...