Professioni Sanitarie 16 Settembre 2019 11:50

Rapporto Cedap, FNOPO: «Ancora troppa medicalizzazione alla nascita. Serve l’Ostetricia di famiglia»

La FNOPO, Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, ha commentato i dati emersi dall’annuale rapporto CEDAP, Il Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia relativo all’anno 2015. Ecco quanto rilevato dal Comitato Centrale FNOPO: «I dati che emergono dal Rapporto CEDAP 2016 sono preoccupanti, ma purtroppo non meravigliano. Sebbene infatti si riferiscano al 2015 e dunque, a ben […]

La FNOPO, Federazione Nazionale Collegi Ostetriche, ha commentato i dati emersi dall’annuale rapporto CEDAP, Il Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia relativo all’anno 2015. Ecco quanto rilevato dal Comitato Centrale FNOPO:

«I dati che emergono dal Rapporto CEDAP 2016 sono preoccupanti, ma purtroppo non meravigliano. Sebbene infatti si riferiscano al 2015 e dunque, a ben quattro anni fa, la fotografia scattata è quella di un Paese in cui la gravidanza e l’evento nascita sono ancora medicalizzate, come se la gravidanza sia, in sé, una malattia o debba comportare inevitabilmente delle patologie. Al ricorso eccessivo al taglio cesareo si aggiunge l’altro dato dell’età sempre più alta delle donne che decidono e possono avere un figlio – commentano le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica -. Se si vuole far cambiare rotta al Paese, occorre un lavoro sinergico che veda impegnati, ciascuno per le proprie specifiche competenze, professionisti sanitari e politica».

«Ancora una volta – continua FNOPO – la nota dolente associata alla gravidanza e all’evento nascita è la medicalizzazione, anche quando non risulterebbe necessaria. La FNOPO da tempo sostiene il modello organizzativo di centri nascita a conduzione ostetrica per le gravidanze a basso rischio. Un percorso che consente alle donne di riappropriarsi delle proprie competenze per l’espletamento di un parto naturale sempre seguite da personale qualificato e specializzato nella salute della donna. Poter estendere questo modello su tutto il territorio nazionale – spiegano le componenti FNOPO – comporterebbe benefici alle donne e alle loro esperienze di maternità, che sarebbero disposte a ripetere più facilmente di quanto non avviene oggi, Inoltre, ridurrebbe drasticamente il ricorso a interventi di taglio cesareo che non sono adeguati se non per specifici casi».

«Per quel che riguarda invece l’altro dato evidenziato dal Rapporto CEDAP 2016, ovvero l’età sempre più alta, o che tende a rimanere tale, delle donne italiane e di quelle straniere che decidono di avere un figlio, occorrono delle misure politiche – continuano le rappresentanti nazionali della Categoria ostetrica – per contrastare tale fenomeno. È necessario mettere in atto misure che consentano alle donne di poter progettare e programmare con serenità la propria gravidanza e realizzare, così, il progetto di famiglia della coppia. Misure che – sottolineano ancora i vertici FNOPO – non si possono esaurire in bonus una tantum, perché risultano inefficaci. Come evidenzia il rapporto, l’età delle donne che hanno la prima gravidanza è ormai legata al percorso di studi medio superiore sia delle italiane sia, ormai, anche di molte straniere e nella difficoltà di acceso alle cure, ancora troppa esose e ad appannaggio dei privati. Nella decisione di avere una gravidanza un ruolo determinante ha la precarietà del lavoro, una stabilità economica che consentirebbe alle coppie di affrontare con maggiore serenità una gravidanza. A questo si deve aggiungere anche una adeguata rete di assistenza che sia da sostegno per eventuali depressioni post partum o solitudini che sempre più donne, nella nostra società, si trovano a dover affrontare. La FNOPO promuove a tal proposito il modello di “Ostetricia di famiglia e di comunità”. Un impegno che evidentemente deve coinvolgere tutti i ministeri competenti (Ministero Salute, Famiglia e Welfare)».

Articoli correlati
Formazione professioni sanitarie, FNOPO: «Ddl Boldrini non rispecchia nostre necessità»
La Presidente Vaccari: «Se il testo del DDL intende essere una riforma tout court di tutte le professioni sanitarie, ribadiamo con forza la sua inadeguatezza poiché non rispetta né rispecchia le specificità di tutte le professioni citate né la normativa vigente»
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
2021: l’anno del “Baby Bust”? Vaccari (FNOPO): «-12.500 nuovi nati in 9 mesi»
La presidente FNOPO: «La denatalità riscontrata in questi due anni di pandemia ha colpito maggiormente le prime gravidanze. La solitudine non ha scoraggiato le donne al secondo o al terzo figlio»
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
Continuità assistenziale ospedale-territorio. Traupe (FNOPO): «L’insostituibile ruolo dell’ostetrica dai consultori alle case della comunità»
La continuità assistenziale può anche procedere nella direzione opposta, dal territorio verso l’ospedale. L’ostetrica: «Intercettiamo le donne a rischio e le guidiamo verso le cure nosocomiali, al termine delle quali, in caso di cronicità le donne tornano nelle mani dell’assistenza territoriale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...