Salute 17 Gennaio 2018

Rapporto Aiop, aumentano italiani insoddisfatti della sanità. Delai: «Sistema pubblico va integrato»

Cresce l’insoddisfazione degli italiani, arrivata al 32,2%, oltre il 50% al Sud. Il curatore: “C’è stato un taglio dei costi ma non una riorganizzazione dei servizi”. In calo la spesa sanitaria in percentuale sul Pil, dato sotto la media dei paesi europei

Immagine articolo

Dei tanti dati contenuti nell’ultimo rapporto “Ospedali & Salute 2017” promosso dall’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) e presentato alla Biblioteca del Senato, i più significativi sono quelli che registrano la crescente insoddisfazione degli italiani verso il Sistema Sanitario Nazionale, che passa dal 21,3% rilevato nel 2015 al 32,2% nel 2017, percentuale che sale al 51,3% nel Mezzogiorno.

Il peggioramento del trattamento dei pazienti, in particolare nelle strutture ospedaliere pubbliche, viene percepito in crescita, con riferimento agli ultimi 2 anni, passando dal 15,2% del 2015 al 18% del 2017. Un fenomeno che spesso porta tanti cittadini a rinunciare alle prestazioni sanitarie: nel 2017 ha preso questa decisione il 26,8% degli aventi bisogno. In questo quadro, il ricorso a ospedali privati accreditati o a cliniche private a pagamento, in alternativa alle strutture pubbliche, risulta essere una decisione che si stabilizza, negli ultimi 3 anni, attorno al 41% dei caregiver per la prima scelta e al 20% per la seconda.

«Il dato più importante – spiega il professor Nadio Delai, curatore del rapporto realizzato dalla società Ermeneia-Studi & Strategie di Sistema – è il peggioramento in crescita negli ultimi tre anni del sistema di prestazioni. Gli utenti reagiscono mettendo in evidenza il disagio crescente. Disagio nella frequentazione degli ospedali, nei servizi di assistenza, che mostrano in tre anni un peggioramento evidente. Come se si fosse accumulato nel corso della crisi, a partire dalla spending review fino ad oggi, un taglio di costi ma non una riorganizzazione dei servizi. Questo è il dato forte. Il secondo è che gli utenti cercano di arrangiarsi come possono, cercano soluzioni, si muovono. Se non si trovano bene nell’ospedale pubblico cercano nel privato, se non si trovano bene in un ospedale di una regione cercano di andare in altre regioni. Sono più consapevoli delle possibilità di scelta tra pubblico e privato accreditato. Quindi sono diventati più bravi nel corso degli anni a capire. Qualcuno va anche all’estero. Naturalmente dietro questo c’è un sistema gestionale, che tutti gli anni esaminiamo e che, anche quest’anno, abbiamo fatto esaminando i bilanci e i conti economici delle aziende ospedaliere. Abbiamo rilevato quattro fondamentali anomalie, una delle quali è servita per capire quanta inefficienza di fondo c’è nella voce ‘attività funzione’ che è una grande voce contenitore che può raggiungere anche il 60, il 70, l’80 per cento del bilancio. È una voce dentro cui possono nascondersi anche dei ripianamenti impliciti di bilancio».

IL RAPPORTO OSPEDALI E SALUTE 2017

Anche il rapporto con il medico di famiglia vive una stagione poco felice: nell’ultimo triennio si passa dal 27,2% al 32,9% di pazienti insoddisfatti rispetto alle informazioni sulla scelta dell’ospedale ricevute dal proprio medico.

Per quanto riguarda in particolare l’utilizzo di strutture ospedaliere presenti in altre regioni rispetto a quella di residenza, i caregiver intervistati che hanno fatto o sono orientati a fare concretamente tale esperienza o a prenderla in considerazione in caso di bisogno, erano il 28,2% nel 2016, ma diventano il 47,7% nel 2017: tale orientamento viene del resto confermato dai dati della mobilità sanitaria, espressa attraverso il numero dei ricoveri extra-regione sul totale dei ricoveri nazionali, che sale dall’8,2% del 2010 all’8,9% del 2014 e al 9,2% del 2015, mentre diminuisce il totale dei ricoveri nella misura del 18,7%. Infine, il report segnala la scarsa o nulla sensazione di “essere messi al centro” come pazienti, espressa dal 19,3% del campione nel 2014 e dal 32,4% nel 2017 (41,3% nel Mezzogiorno).

Altra nota dolente, le liste d’attesa: troppo lungo l’iter per l’accesso ai servizi, poiché non c’era posto al momento del bisogno. Il peggioramento è evidente se si considera che il 24,2% degli intervistati era di questa opinione nel 2014, ma sale al 54,1% nel 2017.

La spesa sanitaria pubblica totale è aumentata del 14,2% nello stesso periodo, mentre accelera anche la spesa sanitaria out-of-pocket, cioè la spesa sanitaria privata. Al contempo diminuisce la percentuale della spesa sanitaria pubblica in percentuale al Pil: il dato italiano è inferiore alla media dei paesi europei.

«Oggi siamo in bilico – spiega Delai – abbiamo avuto 40 anni di Sistema Sanitario Nazionale di tipo pubblico. Certamente niente è eterno nella vita, l’erosione progressiva oggi è un dato di fatto e quindi bisogna avere la forza di ridiscutere questo sistema integrandolo, non sostituendolo. Ciò vuol dire che c’è bisogno di una assunzione di responsabilità più ampia da parte di più soggetti: le famiglie, i pazienti, i sistemi di impresa con tutto il welfare d’impresa e la mutualità. Dobbiamo creare un neo welfare che abbia più sponde e più soggetti perché è chiaro che il sistema pubblico non può assicurare tutto a tutti e non si può neanche dire ai cittadini di arrangiarsi come possono».

Articoli correlati
Sanità privata in sciopero: «Mancato rinnovo contratto è schiaffo a dignità». Il 25 settembre assemblea Aiop
Manifestazione sotto la sede Aiop a Roma di un centinaio di operatori della sanità. Cittadini (Aiop): «Siamo in attesa che tutte le regioni varino delibera per erogare i fondi pubblici necessari». Anche Cimop e Ugl hanno incrociato le braccia
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
JCI: terzo sigillo d’oro di qualità per il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma
Nel corso dell’emergenza Covid la prestigiosa Joint Commission International ha esaminato le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili
Rinnovo contratto sanità privata, botta e risposta tra Confindustria e sindacati
Stirpe: «I sindacati non rispettano i patti». Cgil, Cisl e Uil: «Chi non rispetta i patti è Aiop, la federazione di riferimento di Confindustria. Proclamiamo lo sciopero di settore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»