Salute 17 gennaio 2018

Pelissero (Aiop): «La politica non dimentichi la sanità»

Presentazione del 15° Rapporto annuale Ospedali & Salute: «Anche la sanità paga l’effetto di una crisi economica complessa e questo aspetto è evidente nei dati dello studio»

Immagine articolo

«La giornata di oggi cade in un momento delicato non solo per la sanità ma per tutto il Paese» esordisce così Gabriele Pelissero, Presidente Nazionale AIOP, in occasione della presentazione del 15° Rapporto annuale sull’attività svolta dagli ospedali pubblici e privati presso il Senato della Repubblica. L’Aiop, in collaborazione con Ermeneia, anche quest’anno ha portato a compimento un approfondito studio che si sofferma dettagliatamente sull’entità e la qualificazione dei servizi sanitari, sull’evoluzione del settore, sui costi, sulle difficoltà di accesso e sulla qualità percepita dai cittadini.

«In Italia sta per finire una Legislatura e proprio adesso ci troviamo nel bel mezzo di una campagna elettorale seria e forte, forse anche troppo forte, fra parti politiche che prospettano tutte differenti soluzioni e percorsi istituzionali da intraprendere per il futuro del Paese. L’importante è che la politica non dimentichi la sanità e che la prossima Legislatura sia riformatrice soprattutto in campo sanitario». «Consideriamo – prosegue il Presidente – che arriviamo da anni di grande difficoltà per una crisi economica complessa e penetrata profondamente in tutte le nervature della vita del Paese; dunque questo elemento è tangibile nei dati del Rapporto, non era immaginabile che qualcosa di tutto questo non transitasse nella sanità che è una parte fondamentale della vita complessiva del Paese. Tuttavia ricordiamo che si tratta di dati e come tali vanno meditati e considerati».

Il primo elemento che emerge dal Rapporto è un ulteriore peggioramento delle condizioni di accesso e di utilizzo delle strutture e dei servizi da parte dei pazienti e delle loro famiglie, che sono state misurate mettendo a confronto le esperienze dei caregiver, rilevate nel 2017 con quelle di 3 anni prima. «È in corso una deriva verso l’erosione nell’usufrutto dei servizi assistenziali – commenta Nadio Delai, Presidente Ermeneia e curatore del Rapporto – le erosioni commissariate sono soprattutto meridionali (ma anche presenti discretamente a nord) e i caregiver sentono il disagio in maniera tangibile. Questo disagio crescente, che si trasforma in insoddisfazione per i pazienti finali, è evidente soprattutto nel sud».

Il secondo elemento messo nero su bianco è quello del graduale consolidamento di una strategia di reazione “a tutto tondo” da parte degli utenti che, attraverso i loro comportamenti, hanno cercato di far fronte al logoramento progressivo delle prestazioni da parte del sistema sanitario pubblico. «Tra le strategie di reazione poste in atto dai pazienti e dalle loro famiglie, assume un’importanza particolare quella di ricorrere alle spese sanitarie out-of-pocket – spiega Delai – elemento evidente negli ultimi tre anni proprio in corrispondenza dei fenomeni di razionamento dei servizi e di peggioramento dei medesimi da parte del sistema pubblico».

Articoli correlati
Unione europea dell’Ospedalità privata, Pelissero presidente dell’Assemblea Generale: «Prossime europee fondamentali per la sanità»
Il Past president di Aiop sarà anche membro del board of directors, organo esecutivo nel quale siedono i rappresentanti di Francia, Germania, Spagna, Polonia e Grecia
Sovraffollamento Pronto soccorso, Barbara Cittadini (AIOP): «Siamo disponibili a confrontarci con il Ministro per risolvere il problema»
«Le aziende ospedaliere di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale avvertono la responsabilità e l’urgenza di dare risposte efficaci per individuare una soluzione alle principali criticità che registra l’assistenza sanitaria, tra le quali emerge il drammatico problema del sovraffollamento dei Pronto Soccorso. Registriamo l’impegno del Ministro Grillo e auspichiamo di poterci confrontare con il Ministero […]
Spot risarcimenti, Luca Coletto (Sottosegretario Salute): «Fuori luogo. Nessun medico opera per far del male, dobbiamo difendere nostro SSN»
L’ex assessore alla Sanità del Veneto, ora al governo, sottolinea: «Nel 99,9% dei casi i medici sotto accusa per errori vengono assolti con formula piena. Piaccia o non piaccia nostra sanità tra le migliori». Sulle liste di attesa: «Va fatto un libro bianco per capire quali sono le difficoltà che vanno ad incrementarle e aumentarle. Pronti a rivedere decreto su Spending review»
Tribunale della Salute, Barbara Cittadini (Aiop): «Innescare meccanismi conflittuali tra medici e pazienti non giova a nessuno»
Quasi 20mila firme per istituire una sorta di camera di compensazione nelle diatribe tra medici e pazienti. «L’obiettivo è collaborare e non combattere» così Barbara Cittadini, Presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...