Salute 22 Marzo 2019

Rapporti medici-case produttrici, Schiaffino (avvocato): «Sono fisiologici, l’importante è che siano regolamentati in modo chiaro. Ecco come fare»

Il penalista con base a Milano spiega a Sanità Informazione quali sono le normative che regolano questo campo: «In primis attenersi alle disposizioni di Assobiomedica. Per gli eventi scientifici occorre sempre passare da struttura terza o ente ospedaliero»

di Federica Bosco

Un medico può essere pagato da una casa farmaceutica o da case produttrici di dispositivi medici per la sperimentazione di terapie o per l’organizzazione di eventi scientifici? Tanti i professionisti che se lo chiedono, dal momento che il rischio è molto alto, e proprio per cercare di dare una risposta al quesito che chiama in causa molti medici, abbiamo raccolto la testimonianza di Claudio Schiaffino, avvocato penalista socio fondatore dello studio Arata e associati di Milano.

«Se da un lato è impossibile pensare che non ci sia un rapporto economico per una consulenza fatta nella scelta terapeutica oppure di determinati dispositivi – sottolinea Schiaffino – è altrettanto vero che in molti casi si potrebbe innescare un conflitto di interessi». Un tema delicato su cui Claudio Schiaffino, avvocato penalista dello studio Arata e associati di Milano, ha cercato di fare chiarezza. «Quello che è venuto alla ribalta in virtù di indagini giudiziarie sono i rapporti tra case farmaceutiche, case produttrici di dispositivi medici e professionisti, sia come rapporti di consulenza stabili, sia per erogazioni di contributi per organizzazione di eventi scientifici. L’esistenza di rapporti di consulenza è fisiologica e presuppone un legame economico. Certamente è un fatto positivo perché aiuta la ricerca, ma può essere foriero di conflitti di interessi e l’humus da cui possono nascere rapporti corruttivi che, se non regolamentati, possono generare degli equivoci e conseguenze non piacevoli per il professionista e per la casa farmaceutica».

Nel caso emergesse un episodio di corruzione, cosa rischierebbe il professionista?

«Ci sono sentenze che correttamente dicono che la situazione di conflitto di interesse è un segnale di allarme che merita di essere investigato, ma di per sé non può essere ritenuto sintomo di rapporto corruttivo. L’importante per questi rapporti è regolamentarli in maniera chiara».

Diamo qualche consiglio, cosa deve fare un professionista per non avere problemi?

«Tanto per cominciare attenersi a quelle che sono le disposizioni di Assobiomedica che regolamenta i rapporti di consulenza tra case farmaceutiche e professionisti. Le linee guida di Assobiomedica diventano un punto di partenza anche per le direttive interne prevista dal decreto legislativo 231 del 2001 di tante aziende farmaceutiche. Inoltre, Assobiomedica allo stesso tempo regolamenta anche l’organizzazione di eventi scientifici e con la riforma del primo gennaio 2019 oggi non c’è più la possibilità di erogare contributi con il singolo professionista, ma occorre sempre passare da struttura terza o ente ospedaliero. Comunque, una regolamentazione chiara, specifica e trasparente fa venire meno in radice il sospetto che dietro quel rapporto ci sia una patologia».

Articoli correlati
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Dottoresse italiane discriminate, in Romania le condizioni di lavoro migliori. Tutti i risultati dell’indagine ANAAO
Dall’Italia all’Europa: come vivono e lavorano le donne medico. I risultati dell’indagine nei paesi aderenti alla Fems
Dati di ex-pazienti usati per la campagna elettorale, sanzionato un medico dal Garante della privacy
Il medico non ha reso l’informativa né al momento della registrazione dei dati dei pazienti né alla prima comunicazione, come previsto dal Codice privacy, realizzandosi così la violazione di quanto espressamente previsto all’art. 161
Formazione ECM, ad Aosta prima sanzione verso un odontoiatra inadempiente
Sospensione di tre mesi per un professionista già segnalato anche in Francia per lo stesso motivo. A prevedere sanzioni per chi non si aggiorna sono la legge Lorenzin 3/2017, e prima ancora il decreto legislativo 138 del 2011 che parla di “illecito disciplinare”. AIO: "Chi non si forma si ferma...". Anelli: "Dal 2020 incentivi e sanzioni per aggiornamento ECM"
Dispositivi medici, Boggetti (Assobiomedica): «Sono sicuri, Ministero fa controlli accurati. In caso di dubbi andate dal medico»
Il caso nato dall’inchiesta giornalistica “Implant Files”. Positivo il giudizio del presidente dell’associazione che raccoglie le aziende del settore biomedicale sul Sunshine Act: «Bene rendere trasparenti i rapporti professionali ma non sia demonizzazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...