Salute 22 Marzo 2019

Rapporti medici-case produttrici, Schiaffino (avvocato): «Sono fisiologici, l’importante è che siano regolamentati in modo chiaro. Ecco come fare»

Il penalista con base a Milano spiega a Sanità Informazione quali sono le normative che regolano questo campo: «In primis attenersi alle disposizioni di Assobiomedica. Per gli eventi scientifici occorre sempre passare da struttura terza o ente ospedaliero»

di Federica Bosco

Un medico può essere pagato da una casa farmaceutica o da case produttrici di dispositivi medici per la sperimentazione di terapie o per l’organizzazione di eventi scientifici? Tanti i professionisti che se lo chiedono, dal momento che il rischio è molto alto, e proprio per cercare di dare una risposta al quesito che chiama in causa molti medici, abbiamo raccolto la testimonianza di Claudio Schiaffino, avvocato penalista socio fondatore dello studio Arata e associati di Milano.

«Se da un lato è impossibile pensare che non ci sia un rapporto economico per una consulenza fatta nella scelta terapeutica oppure di determinati dispositivi – sottolinea Schiaffino – è altrettanto vero che in molti casi si potrebbe innescare un conflitto di interessi». Un tema delicato su cui Claudio Schiaffino, avvocato penalista dello studio Arata e associati di Milano, ha cercato di fare chiarezza. «Quello che è venuto alla ribalta in virtù di indagini giudiziarie sono i rapporti tra case farmaceutiche, case produttrici di dispositivi medici e professionisti, sia come rapporti di consulenza stabili, sia per erogazioni di contributi per organizzazione di eventi scientifici. L’esistenza di rapporti di consulenza è fisiologica e presuppone un legame economico. Certamente è un fatto positivo perché aiuta la ricerca, ma può essere foriero di conflitti di interessi e l’humus da cui possono nascere rapporti corruttivi che, se non regolamentati, possono generare degli equivoci e conseguenze non piacevoli per il professionista e per la casa farmaceutica».

Nel caso emergesse un episodio di corruzione, cosa rischierebbe il professionista?

«Ci sono sentenze che correttamente dicono che la situazione di conflitto di interesse è un segnale di allarme che merita di essere investigato, ma di per sé non può essere ritenuto sintomo di rapporto corruttivo. L’importante per questi rapporti è regolamentarli in maniera chiara».

Diamo qualche consiglio, cosa deve fare un professionista per non avere problemi?

«Tanto per cominciare attenersi a quelle che sono le disposizioni di Assobiomedica che regolamenta i rapporti di consulenza tra case farmaceutiche e professionisti. Le linee guida di Assobiomedica diventano un punto di partenza anche per le direttive interne prevista dal decreto legislativo 231 del 2001 di tante aziende farmaceutiche. Inoltre, Assobiomedica allo stesso tempo regolamenta anche l’organizzazione di eventi scientifici e con la riforma del primo gennaio 2019 oggi non c’è più la possibilità di erogare contributi con il singolo professionista, ma occorre sempre passare da struttura terza o ente ospedaliero. Comunque, una regolamentazione chiara, specifica e trasparente fa venire meno in radice il sospetto che dietro quel rapporto ci sia una patologia».

Articoli correlati
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
Emergenza Covid-19, allo studio l’estensione della tutela Inail ai medici liberi professionisti
Creato un gruppo di lavoro tra Enpam, Fnomceo, Fimmg e Inail con l’obiettivo di individuare soluzioni per la copertura assicurativa dell’Istituto per malattie professionali e infortuni sul lavoro
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre:...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli