Salute 18 Agosto 2022 09:00

Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti

Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi

Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti

Il viaggio è nella testa. Una frase fatta? Non proprio. Se da sempre per l’essere umano spostarsi, per dovere o per diletto, rappresenta una pietra miliare dell’esistenza, crocevia di emozioni, sfide e rinunce, il viaggio dei tempi moderni può essere invece una panacea per molti mali e sortire innumerevoli benefici a livello psicofisico purché venga affrontato con la giusta predisposizione d’animo . Ne abbiamo parlato con la dottoressa Francesca Andronico, psicologa del Viaggio, del Turismo e della Mobilità, autrice del libro Esperienze di Viaggio.

Viaggiatori o turisti?

«Alcune persone hanno una predisposizione particolare nei confronti del viaggiare – spiega Andronico – che diventa un atto connaturato alla loro identità e personalità. Si tratta di persone con una spiccata intelligenza sociale ed emotiva. Ci sono poi persone meno inclini al viaggio ma che hanno necessità di viaggiare per determinati motivi. È qui che distinguiamo il viaggiatore dal turista: se il primo ha bisogno di esplorare e conoscere nuovi posti, il secondo ha bisogno semplicemente di spostarsi per staccare la spina dalla quotidianità o per socializzare».

Viaggiare contro lo stress

«La scelta di un tipo di un viaggio, o vacanza, viene quindi condizionata da molteplici fattori – prosegue la psicologa – che influiscono anche sugli effetti del viaggio relativamente a chi lo compie. Veniamo agli effetti benefici, che scaturiscono tutti da un principio fondamentale: spostarsi, cambiare ambiente, uscire da una quotidianità che è fonte di stress, elimina le cause di quest’ultimo e e lo riduce fortemente (nel viaggiatore ben disposto). L’abbassamento dei livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) incide positivamente su una serie di fattori quali la circolazione sanguigna, la pressione arteriosa e i livelli di glicemia. Da qui la consapevolezza che a una serie di benefici sul piano psichico si accompagnano benefici sul piano fisico».

Il pre e il post viaggio

«Gli effetti positivi del viaggiare – sottolinea l’esperta – partono già dal momento della programmazione o della prenotazione del viaggio, secondo quello che in psicologia è noto come effetto anticipatorio della ricompensa: proiettarsi in un momento futuro positivo determina già un rilascio di endorfine, i neurotrasmettitori del benessere e un contestuale abbassamento dello stress. Viceversa, è interessante riflettere sul tempo successivo al viaggio (quindi il rientro) in cui i benefici continuano a sortire i loro effetti. Ed è qui che entra in gioco il tema delle aspettative…»

Attenzione alle aspettative troppo alte…e alla sindrome da rientro

«Spesso si parte per un viaggio con aspettative molto alte che possono essere deluse da una serie di circostanze – precisa Andronico – ma anche al contrario si può restare entusiasti della particolare buona riuscita di un viaggio. Le aspettative deluse vanificano sicuramente l’effetto positivo, sia durante il viaggio che in seguito, ed è il motivo per cui è importante la predisposizione d’animo al viaggio, che si traduce in primis in organizzazione, flessibilità e spirito di adattamento (la prima per ridurre il rischio di impreviste, le seconde per gestirli, eventualmente, nel migliore dei modi o semplicemente “passarci sopra”). Se invece il beneficio apportato dal viaggio è stato altissimo – aggiunge – addirittura superiore alle aspettative, può subentrare la classica sindrome da rientro, che determina un momento di down e di forte difficoltà a riadattarsi alla routine quotidiana».

Quando viaggiare è ossessione: la sindrome di wanderlust

«In tema vale la pena ricordare la sindrome di wanderlust, l’ossessione del viaggiare, che è una condizione ascrivibile alle vere e proprie dipendenze. Si riscontra nelle persone che necessitano della scarica adrenalinica derivante da un viaggio – conclude la psicologa – e per i quali non viaggiare e non programmare un viaggio determina una crisi di astinenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...