Salute 4 Ottobre 2019

Professioni sanitarie, Lena (Pd): «Nel Lazio le valorizziamo anche con bandi per dirigenti»

Il Presidente della prima Commissione Affari Costituzionali della Regione Lazio è intervenuto al Congresso ANTEL: «Sono un pezzo importante, fondamentale per garantire il sistema sanitario ai nostri pazienti, quindi è chiaro che dobbiamo cercare di migliorare quello che è il rapporto tra medici, professionisti sanitari, infermieri»

La Regione Lazio sta valorizzando le professioni sanitarie anche con i bandi per dirigenti. Rodolfo Lena, Presidente della prima Commissione Affari Costituzionali della Pisana, e per cinque anni nella scorsa legislatura Presidente della Commissione Politiche sociali e salute, intervenuto dal palco del Congresso ANTEL, l’associazione nazionale dei tecnici di laboratorio biomedico, ha rivendicato il buon lavoro della Giunta Zingaretti nel Lazio e ha poi sottolineato il ruolo sempre più centrale delle professioni sanitarie nel servizio sanitario nazionale, un ruolo che la Regione guidata dal segretario del Partito democratico sta cercando di valorizzare ulteriormente anche con i primi concorsi per dirigenti, come è stato proprio per i tecnici di laboratorio. Un passaggio per questi professionisti, confluiti insieme ad altre 18 professioni sanitarie nel maxi Ordine TSRM e PSTRP guidato da Alessandro Beux e che si avvia, come le altre professioni, ad eleggere le Commissioni d’Albo provinciali entro la fine del 2019.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, INNOVAZIONE E COMMISSIONI D’ALBO: IL FUTURO DEI TECNICI DI LABORATORIO AL CENTRO DEL CONGRESSO ANTEL

Presidente, che ruolo giocheranno le professioni sanitarie nella sanità e come la regione può supportare questa realtà?

«Un ruolo assolutamente importante e decisivo rispetto a quella che è l’erogazione dei servizi sanitari nella nostra regione e in tutta Italia. Ormai si parla di multidisciplinarietà, si parla di lavorare insieme: le professioni sanitarie sono un pezzo importante, fondamentale per garantire quel sistema sanitario ai nostri pazienti, quindi è chiaro che dobbiamo cercare di migliorare quello che è il rapporto tra medici, professionisti sanitari, infermieri, tra coloro i quali garantiscono questo tipo di servizi. La Regione Lazio è partita già l’anno scorso sul bando dei dirigenti delle professioni sanitarie e infermieristiche, c’è stato in questi giorni il bando per i dirigenti di laboratorio, vuol dire valorizzare queste professioni, crescere tutti quanti per poter garantire un livello di qualità importante sui nostri pazienti».

Il Lazio riuscirà ad uscire a breve dal Commissariamento della sanità?

«L’uscita è assolutamente dietro l’angolo, i risultati sono importanti. Noi siamo arrivati nel 2013, ad oggi sono stati fatti passi da giganti, se solo lei immagina che nel 2013 noi abbiamo potuto assumere il 10% delle persone che uscivano dal sistema sanitario: ne uscivano 660, ne potevano entrare 60. Nel 2018 abbiamo assunto più di 1800 persone, sono state fatte le stabilizzazioni, c’è un nuovo movimento all’interno del sistema sanitario regionale grazie a un impegno del presidente Zingaretti, si è cercato di riorganizzare il sistema dando dignità ai lavoratori che per tanti anni hanno garantito, nonostante il commissariamento, un’ottima qualità delle cure ai nostri cittadini».

Articoli correlati
San Raffaele, UGL: «Regione Lazio giochi a carte scoperte, servono risposte chiare per i lavoratori»
I sindacalisti contestano la nota della Regione Lazio sulle Rsa: «No a esternalizzazioni e a eventuali ricollocazioni. Così pagano solo i lavoratori»
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
Chinesiologi, Berloffa (UNC): «Inserire la nostra categoria tra le professioni socio-sanitarie»
Il presidente dell’Unione Nazionale Chinesiologi: «La prima richiesta è datata 11 novembre 2018. Negli anni ne sono seguite molte altre. Se entro settembre non otterremo una risposta procederemo per vie legali»
di Isabella Faggiano
Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia
Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L'incremento più importante va all'area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»