Salute 2 Ottobre 2019

Professioni sanitarie, Frittelli (Federsanità ANCI): «Loro ruolo cruciale nella sanità del futuro»

La Presidente di Federsanità ANCI e Direttore dell’Ospedale Tor Vergata, ospite del Congresso ANTEL, chiede al ministro Speranza di puntare sui rinnovi dei contratti collettivi e dell’ACN di Medicina generale

Multiprofessionalità ma anche valorizzazione delle professioni sanitarie. Sono questi i due concetti su cui punta Tiziana Frittelli, Direttore generale dell’Ospedale Tor Vergata di Roma e presidente di Federsanità ANCI. Ospite del Congresso dell’ANTEL, l’Associazione dei Tecnici di Laboratorio, Frittelli ha anche commentato le prime indicazioni programmatiche del nuovo ministro della Salute Roberto Speranza: «Ho visto con piacere che si ribadisce la necessità di mantenere l’incremento di risorse per il fondo sanitario previsto per i prossimi due anni» sottolinea a Sanità Informazione, ricordando come tra le priorità del Sistema sanitario nazionale c’è la presa in carico delle cronicità. Poi ha ricordato la necessità di valorizzare i tecnici di laboratorio e le professioni sanitarie anche nel nuovo contratto collettivo del comparto.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, INNOVAZIONE E COMMISSIONI D’ALBO: IL FUTURO DEI TECNICI DI LABORATORIO AL CENTRO DEL CONGRESSO ANTEL

Presidente, che ruolo giocheranno i tecnici di laboratorio e in generale le professioni sanitarie nella sanità del futuro?

«Sarà un ruolo assolutamente cruciale. È fondamentale che siano stati costituiti in Ordini, proprio per dare pari dignità agli altri operatori della sanità. D’altronde ormai è una sanità che non può che muoversi in team multiprofessionali per cui il ruolo delle professioni sanitarie sarà assolutamente cruciale. Per quel riguarda in particolare i tecnici di laboratorio, all’interno abbiamo molti profili professionali che dovranno essere valorizzati con il nuovo contratto collettivo del comparto che preveda accanto a figure gestionali anche figure professionali, questo sicuramente aiuterà tutto l’ambiente a crescere. Oggi poi tutti i tecnici di laboratorio sono fortemente impegnati in molte attività strategiche. Si pensi per esempio alla necessità che abbiamo di combattere l’antibiotico resistenza. Noi per esempio all’interno del nostro ospedale abbiamo posto in essere una stewardship in questo ambito nel quale la microbiologia collabora strettamente con le malattie infettive, con il risk maganer, con il responsabile della qualità, con gli infermieri e gli epidemiologi proprio per combattere questo tipo di fenomeno».

Da direttore di un grande ospedale della Capitale, cosa chiede al neo ministro della Salute Speranza?

«Il neoministro ha molte cose da fare. La cosa più urgente è il Patto per la Salute. Ho letto la bozza del nuovo Patto, ci sono tutti i presupposti per poter far crescere la nostra sanità. Sicuramente ci vuole un importante investimento sulle risorse umane. E bisogna puntare molto sulle prossime tornate contrattuali perché nel nostro ordinamento sanitario, ad oggi, l’organizzazione sanitaria è in qualche modo condizionata dai contratti collettivi e anche dall’accordo con i medici di Medicina generale. Ho visto con piacere che si ribadisce la necessità di mantenere l’incremento di risorse per il fondo sanitario previsto per i prossimi due anni. Il lavoro da fare è tanto perché dobbiamo riorganizzare un po’ la nostra sanità per garantire la presa in carico soprattutto della cronicità in un quadro epidemiologico che sicuramente si va trasformando».

Articoli correlati
Tecnici di laboratorio, messaggio di Lorenzin all’ANTEL: «Legge 3 del 2018 ha reso giustizia a professioni sanitarie»
L’ex titolare della salute, in messaggio indirizzato a convegno ANTEL a Torino, ha ricordato l’importanza della creazione dell’Ordine TSRM e PSTRP: «Aiuta a contrastare il fenomeno diffuso dell’abusivismo professionale ma fornisce lo strumento al cittadino di verificare l’autenticità del professionista della salute assicurando la qualità e sicurezza delle prestazioni socio-sanitarie»
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
Tecnici di laboratorio, a Torino ANTEL parla dei nuovi orizzonti.  Pennetta: «Momento di confronto per creare comune sentire»
L’evento si svolgerà alla Sala Lia Varesio il 15 novembre. Tra I relatori la presidente ANTEL Alessia Cabrini e il presidente SIMEDET Fernando Capuano
Professioni sanitarie, Bortone (CONAPS): «Pronti a collaborare per elezioni Commissioni d’Albo. All’orizzonte c’è sfida culturale»
Il presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie sottolinea: «Molti detrattori pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, invece abbiamo vinto sfida». Poi aggiunge: «Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo