Salute 2 Ottobre 2019

Professioni sanitarie, Frittelli (Federsanità ANCI): «Loro ruolo cruciale nella sanità del futuro»

La Presidente di Federsanità ANCI e Direttore dell’Ospedale Tor Vergata, ospite del Congresso ANTEL, chiede al ministro Speranza di puntare sui rinnovi dei contratti collettivi e dell’ACN di Medicina generale

Multiprofessionalità ma anche valorizzazione delle professioni sanitarie. Sono questi i due concetti su cui punta Tiziana Frittelli, Direttore generale dell’Ospedale Tor Vergata di Roma e presidente di Federsanità ANCI. Ospite del Congresso dell’ANTEL, l’Associazione dei Tecnici di Laboratorio, Frittelli ha anche commentato le prime indicazioni programmatiche del nuovo ministro della Salute Roberto Speranza: «Ho visto con piacere che si ribadisce la necessità di mantenere l’incremento di risorse per il fondo sanitario previsto per i prossimi due anni» sottolinea a Sanità Informazione, ricordando come tra le priorità del Sistema sanitario nazionale c’è la presa in carico delle cronicità. Poi ha ricordato la necessità di valorizzare i tecnici di laboratorio e le professioni sanitarie anche nel nuovo contratto collettivo del comparto.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, INNOVAZIONE E COMMISSIONI D’ALBO: IL FUTURO DEI TECNICI DI LABORATORIO AL CENTRO DEL CONGRESSO ANTEL

Presidente, che ruolo giocheranno i tecnici di laboratorio e in generale le professioni sanitarie nella sanità del futuro?

«Sarà un ruolo assolutamente cruciale. È fondamentale che siano stati costituiti in Ordini, proprio per dare pari dignità agli altri operatori della sanità. D’altronde ormai è una sanità che non può che muoversi in team multiprofessionali per cui il ruolo delle professioni sanitarie sarà assolutamente cruciale. Per quel riguarda in particolare i tecnici di laboratorio, all’interno abbiamo molti profili professionali che dovranno essere valorizzati con il nuovo contratto collettivo del comparto che preveda accanto a figure gestionali anche figure professionali, questo sicuramente aiuterà tutto l’ambiente a crescere. Oggi poi tutti i tecnici di laboratorio sono fortemente impegnati in molte attività strategiche. Si pensi per esempio alla necessità che abbiamo di combattere l’antibiotico resistenza. Noi per esempio all’interno del nostro ospedale abbiamo posto in essere una stewardship in questo ambito nel quale la microbiologia collabora strettamente con le malattie infettive, con il risk maganer, con il responsabile della qualità, con gli infermieri e gli epidemiologi proprio per combattere questo tipo di fenomeno».

Da direttore di un grande ospedale della Capitale, cosa chiede al neo ministro della Salute Speranza?

«Il neoministro ha molte cose da fare. La cosa più urgente è il Patto per la Salute. Ho letto la bozza del nuovo Patto, ci sono tutti i presupposti per poter far crescere la nostra sanità. Sicuramente ci vuole un importante investimento sulle risorse umane. E bisogna puntare molto sulle prossime tornate contrattuali perché nel nostro ordinamento sanitario, ad oggi, l’organizzazione sanitaria è in qualche modo condizionata dai contratti collettivi e anche dall’accordo con i medici di Medicina generale. Ho visto con piacere che si ribadisce la necessità di mantenere l’incremento di risorse per il fondo sanitario previsto per i prossimi due anni. Il lavoro da fare è tanto perché dobbiamo riorganizzare un po’ la nostra sanità per garantire la presa in carico soprattutto della cronicità in un quadro epidemiologico che sicuramente si va trasformando».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Sicurezza sul lavoro, l’allarme dei tecnici della prevenzione: «Carenza atavica, così difficile fare vigilanza e controllo»
Il Presidente dell’Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario d'Italia Maurizio Di Giusto sottolinea: «Le Regioni chiedono che si aumentino i controlli del 5-10% ma senza risorse è come tirare la coperta da una parte e scoprire l’altra». E chiede inoltre che si «cambi l’approccio normativo: non basta inasprire le pene, servono misure per detrarre i costi». Oltre 14mila i TdP in Italia
Antibiotico-resistenza, alla Camera mozione per contrasto. Nappi (M5S): «Fenomeno da arginare, approvare subito Ddl»
Il Governo viene impegnato, tra le altre cose, anche a un programma di formazione continua degli operatori sanitari sul tema e al contrasto della vendita illegale di prodotti antimicrobici
Igienisti dentali, Tomassi (Albo Roma): «A breve sportello informativo. E sull’ECM faremo la nostra parte»
A poco più di un mese dalle elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali, parla il Presidente della Commissione d’Albo Igienisti dentali di Roma e provincia Domenico Tomassi: «Metteremo in campo iniziative per aumentare il coinvolgimento dei colleghi»
Infezioni oculari, Aimo: «L’87% degli stafilococchi sono resistenti agli antibiotici»
A Palazzo Giustiniani il convegno organizzato da Aimo e Associazione "G. Dossetti". «Dobbiamo attenerci alle indicazioni fornite dall’OMS - ha sottolineato Stefano Baiocchi di AIMO - e seguire i colleghi europeei che ricorrono sempre più spesso ai disinfettanti. Deve cambiare il nostro approccio alla prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...