Salute 18 Marzo 2019

Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»

Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone

In Italia nascono sempre meno bambini. I motivi di un tasso di natalità così in calo sono da ricercare negli stili di vita sbagliati, nella scelta di diventare genitori in età avanzata, nella mancanza di prevenzione e informazione sulla fertilità e nella possibilità di accesso alla fecondazione medico-assistita altamente variabile da regione a regione con grandi differenze tra centri pubblici e privati.

Il convegno “La campagna del…cavolo”, che si è tenuto l’8 marzo presso la Sala Isma del Senato a Roma, è stato organizzato dalla Fondazione Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita) per ragionare su quanto è stato fatto e su quanto ancora c’è da fare sulla fecondazione assistita. Il direttore di Pma Italia, l’ente rappresentativo dei principali centri di procreazione medicalmente assistita pubblici e privati e delle associazioni di pazienti, è l’Avvocato Professore Gianni Baldini, che ai nostri microfoni ha sottolineato l’importanza di campagne informative per prevenire problematiche di infertilità e ha definito strategie da realizzare per combattere la denatalità.

«I numeri ci dicono che l’Italia presenta uno dei più bassi tassi di natalità al mondo. Nel 2018, i nati sono stati meno dei morti – ha spiegato il direttore di Pma Italia -. Il problema va affrontato in vari modi: sotto il profilo economico e con misure di carattere sociale e di riorganizzazione del sistema».

L’età media delle mamme è in costante aumento: «Italia, Grecia e Spagna, hanno tassi di natalità molto inferiori ai paesi nordici – ha sostenuto l’avvocato Baldini – questo perché, spesso, una donna conclude il suo ciclo di studi e inizia un percorso lavorativo nel momento in cui sta quasi cessando la sua possibilità riproduttiva. La Fondazione Pma Italia promuove misure importanti per consentire una ripresa della natalità – ha continuato l’avvocato -. Le quattro parole chiave sono: educazione, informazione, preservazione e prevenzione».

È importante essere informati: «“La Campagna del Cavolo” – ha specificato Baldini – prevede spot pubblicitari e televisivi, conferenze nelle scuole e nei luoghi di ritrovo dei giovani per divulgare gli stili di vita corretti da seguire, quelli non corretti e tutte le nuove possibilità di preservazione della fertilità e riproduttive come il congelamento dei gameti per ragioni mediche (malattie) o sociali».

In presenza di difficoltà naturali, oggi, grazie alle tecnologie biomediche, si può diventare genitori e costruire una famiglia. «Grazie alla fecondazione medico- assistita – ha sottolineato l’avvocato Baldini – è possibile preservare il materiale biologico e utilizzarlo dopo, quando la possibilità riproduttiva non c’è più. Oppure, parallelamente per le donne, si può pensare di conservarlo in giovane età per poi impiegarlo nel momento in cui si è pronti per un progetto genitoriale».

Sarebbe opportuno riaprire un dibattito politico sulla procreazione medica assistita in Italia per favorire la ricerca e facilitare il percorso delle coppie che vogliono conoscere e valutare i trattamenti disponibili in caso di infertilità o sterilità. Finora, in Italia, sono nati 15 mila bambini dalla fecondazione assistita. Pochi, se pensiamo ai paesi del Nord Europa dove le percentuali sono più alte. «Un numero sicuramente significativo – ha concluso il direttore di Pma – ancora molto basso rispetto al 9-10% dei paesi del nord Europa, ma che tenta di far risalire un tasso di natalità che, al momento, sembra invece ancora destinato a scendere».

Articoli correlati
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
#UnGiornoCon | l’audioprotesista: il rapporto con il paziente inizia con l’applicazione del presidio
Qual è la giornata tipo di un audioprotesista? Lo abbiamo chiesto al dottor Emanuele Lucci, audioprotesista da più di trent’anni e direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti "Tecniche audioprotesiche" all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti
«Dal Codice Rosa alle cure di genere, così siamo al fianco delle donne». Policlinico e S. Marco di Catania premiati dalla Fondazione Onda
«Ci hanno permesso di riprogettare dall’inizio tutti i percorsi, dalle fragilità alle donne vittime di violenza e maltrattamenti». Così il direttore dell'azienda ospedaliera Antonio Lazzara
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...