Salute 28 Luglio 2020 15:14

«Prima di prendere qualsiasi decisione, si valuti l’impatto sulla salute dei cittadini». Intervista a Roberta Siliquini

Su Elsevier Public Health, una lettera aperta sull’Health Impact Assessment a firma di un team di studiosi piemontesi, tra cui l’ex presidente del Consiglio Superiore di Sanità. Fra i casi presentati, Tav e Ilva

di Tommaso Caldarelli
«Prima di prendere qualsiasi decisione, si valuti l’impatto sulla salute dei cittadini». Intervista a Roberta Siliquini

Fra i ben noti obiettivi dello sviluppo sostenibile posti per il 2030 dalle Nazioni Unite trova un posto di rilievo la questione ambientale. In particolare, l’azione 3.9 chiede agli Stati di adoperarsi per «ridurre in maniera sostanziale il numero di morti e di malattie da agenti chimici rischiosi e da agenti inquinanti l’aria, l’acqua e i suoli».

Per affrontare e raggiungere questo obiettivo non bastano attente politiche ambientali e buone pratiche, che pure in Italia sono presenti; è necessario iniziare ad inserire il tema ambientale nell’ambito della più ampia tematica della salute. Questo è quanto asserisce una lettera pubblicata sul numero di agosto di Elsevier Public Health, una delle principali riviste specializzate di sanità pubblica. A firmarla, diversi esperti di stanza a Torino, fra cui la professoressa Roberta Siliquini, già presidente del Consiglio Superiore di Sanità e oggi in forza al dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica all’Università di Torino. «Le valutazioni di impatto ambientale – spiega la Siliquini contattata al telefono da Sanità Informazione – non possono non essere parte di un più complessivo discorso sulla salute».

Quel che si propone nel paper è allora una nuova metodologia di azione pubblica, già ampiamente presente negli schemi dei Paesi nord europei; si tratta, ed è il titolo dell’articolo, dell’Health Impact Assessment (HIA). «Parliamo di una serie di strumenti per valutare l’impatto delle politiche pubbliche e in generale delle scelte sulla salute dei cittadini».

«Prendiamo un caso eclatante, prendiamo il caso Ilva – continua la professoressa -. Prima di prendere qualunque decisione avremmo dovuto valutare l’impatto degli agenti inquinanti e cancerogeni, ma anche e allo stesso tempo gli effetti sulla salute dell’eventuale perdita di posti di lavoro, di reddito e di potere d’acquisto. Tutti questi indicatori sono utili ai decisori per capire cosa sia necessario fare».

A mancare allora, continua Siliquini, è la cultura del dato: «In Italia non esiste un’agenzia nazionale per la valutazione delle politiche in termini di salute. Non esistono linee guida regionali condivise, usiamo poco i dati, li raccogliamo male e non abbiamo attivato le procedure che sarebbero necessarie. Evidente che serva allora un investimento serio su infrastrutture di data mining e su reti digitali che siano, direi, da Paese normale».

L’Health Impact Assessment deve diventare «una prassi affermata, dobbiamo ricordarci che ogni elemento, ogni decisione può avere un impatto sulla salute dei cittadini. Ecco che qualunque decisione deve essere allora supportata da dati specifici che devono essere forniti al decisore pubblico, che poi si prenderà la responsabilità di emettere atti, norme e provvedimenti che potranno anche ovviamente superare il piano tecnico scientifico, ma in fase di decisione non possono non essere tenuti in considerazione».

«Nel nostro studio – continua la docente piemontese – facciamo gli esempi del caso Ilva e del caso Tav in val di Susa, ma sono solo esempi mediaticamente molto noti. Qualunque piccola decisione, anche locale, avrebbe bisogno di un approccio HIA».

«Un approccio HIA si inserisce positivamente – si legge ancora nel documento pubblicato da Elsevier – in contesti in cui il dibattito pubblico su gestione ambientale, percezione del rischio, ecologia politica e la mobilitazione delle comunità locali si intreccia e va a combinarsi. Tutto considerato – conclude la lettera – l’istituzione di una linea guida nazionale su HIA in Italia risulta più che mai necessaria. Il governo deve attivarsi per l’attuazione e l’implementazione di una legislazione specifica, il sostegno delle competenze, il coordinamento intersettoriale e la dotazione di budget adeguati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terra dei Fuochi, dalle piante di ulivo una buona notizia
Secondo uno studio condotto dall’Università di Napoli Federico II in 11 siti sul territorio, l'inquinamento non sarebbe più così diffuso. Ma alcuni esperti avvertono: «Il dato potrebbe essere sottostimato per le caratteristiche degli alberi analizzati»
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Attenti ai pesci predatori: pericolosi anche in tavola
Bianchi (Altroconsumo): «Con una sola porzione di pesce spada o di verdesca si supera la dose settimanale di mercurio tollerata dal nostro organismo». L’Associazione ha condotto un’analisi su circa 100 pesci freschi, surgelati, in scatola, affumicati, tra le tipologie maggiormente acquistate dagli italiani. I risultati
di Isabella Faggiano
Pandemie e fattore ambientale, ecco perché l’alterazione degli ecosistemi impone lo stato di massima allerta
Nicola Petrosillo (Direttore Dip. Clinico e di Ricerca in Malattie Infettive, INMI “L. Spallanzani” IRCCS-Roma) :«Necessario invertire la tendenza attraverso un sistema di sorveglianza globale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano