Salute 23 Giugno 2020

Caldo e salute, il Piano nazionale di prevenzione quest’anno è legato al Covid-19

Il ministero della Salute suggerisce la lettura dei bollettini sulle ondate di calore in Italia agli anziani e ai soggetti fragili. Monitorano 27 città italiane e possono essere consultati anche tramite app

Immagine articolo

Ci attende un’estate particolarmente calda e secca. Per questo motivo, il Servizio Sanitario deve essere preparato per affrontare possibili emergenze sanitarie associate alle ondate di calore. E considerata l’epidemia Covid-19 ancora in corso, le attività di prevenzione sono ancor più rilevanti rispetto agli anni passati. È già partita, quindi, la pubblicazione dei bollettini sulle ondate di calore in Italia e l’aggiornamento del Piano nazionale della prevenzione degli effetti del caldo sulla salute del ministero della Salute. Attività che quest’anno sono state rimodulate per tener conto non solo della prevenzione del rischio ondate di calore, ma anche del rischio associato al Covid-19 e dell’impatto sulla popolazione e sul sistema sanitario.

IL PIANO OPERATIVO NAZIONALE PER LA PREVENZIONE DELLE ONDATE DI CALORE

I BOLLETTINI SULLE ONDATE DI CALORE

I bollettini, elaborati dal Dipartimento di Epidemiologia SSR Regione Lazio, nell’ambito del Sistema operativo nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute, coordinato dal ministero della salute, sono pubblicati, dal lunedì al venerdì, a partire da metà maggio fino a metà settembre.

«Il sistema operativo – si legge nella nota del ministero – è dislocato in 27 città italiane e consente di individuare, giornalmente, per ogni specifica area urbana, le condizioni meteo-climatiche a rischio per la salute, soprattutto dei soggetti vulnerabili: anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza». I bollettini sono consultabili sul portale  del Ministero e attraverso la APP Caldo e Salute. Inoltre, per prevenire le conseguenze negative del caldo estivo sulla salute, il ministero fornisce ai cittadini anche la possibilità di scaricare «numerosi opuscoli relativi alle ondate di calore, rivolti alla popolazione generale e agli operatori del settore (medici, personale delle strutture per gli anziani, personale che assiste gli anziani)».

Studi epidemiologici hanno infatti evidenziato che molte delle condizioni croniche, diabete, la BPCO, le malattie cardiovascolari, l’insufficienza renale, associate ad un maggior rischio di decesso durante le ondate di calore, sono anche condizioni associate ad una maggiore suscettibilità al Covid-19. Anche le patologie autoimmuni e oncologiche sono associate ad un quadro clinico più grave. «Questi sottogruppi di popolazione devono essere oggetto di specifici interventi di prevenzione, come la sorveglianza domiciliare effettuata dai medici di base – specifica il Piano -. In periodo epidemico, pur rispettando le indicazioni a tutela della salute, volte a ridurre il rischio di contagio, è importante garantire la continuità delle cure e il monitoraggio periodico di questi sottogruppi».

SISTEMA RAPIDO DI SORVEGLIANZA DELLA MORTALITÀ GIORNALIERA

Il sistema è utilizzato anche per il monitoraggio dell’impatto dell’epidemia: i dati vengono trasmessi dagli uffici di stato civile dei Comuni e tempestivamente elaborati e sintetizzati in un bollettino di sorveglianza settimanale pubblicato sul portale ministeriale. Il monitoraggio tempestivo dei dati permetterà quindi di evidenziare sia picchi della mortalità in risposta alle ondate di calore che di potenziali incrementi di mortalità più prolungati in relazione al Covid-19. Inoltre, in presenza di ondate di calore, verrà effettuata una valutazione tempestiva dell’impatto sulla mortalità nelle città italiane in risposta all’evento estremo.

SURVEY DI RISPOSTA LOCALI

Verrà condotta una survey online che consentirà di raccogliere, in ogni regione (ASL/Comune), le modalità attraverso cui verrà integrato il piano di prevenzione ondate calore locale, con le attività di sorveglianza della popolazione, in particolare per i sottogruppi di popolazione fragile e dove possibile anche con la rimodulazione delle attività in risposta all’epidemia di Covid-19. La survey
consentirà di raccogliere informazioni anche su numeri verdi dedicati, materiale informativo per la prevenzione per la popolazione e gli operatori socio-sanitari.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
La Fase 3 e l’aumento delle psicopatologie: l’importanza di medici e farmacisti
di Giacomo Cicalini, Farmacista
di Giacomo Cicalini, Direzione Tecnica Cofardis SpA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»