Salute 22 Maggio 2019

Prevenzione cardiaca, Colivicchi (cardiologo): «Dopo ricovero pazienti non seguono terapie, servono percorsi più sicuri ospedale-territorio»

Il direttore dell’U.O.C di Cardiologia del San Filippo Neri ricorda l’importanza di adottare stili di vita corretti, evitare comportamenti a rischio e aderire alle terapie. Il professor Fedele (Umberto I) svela: «Una percentuale rilevante di pazienti non smette di fumare neanche dopo l’infarto»

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Gli interventi di prevenzione delle malattie cardiovascolari sono rivolti a tutti ma, ancor di più, a chi è già stato colpito da eventi cardiovascolari. Questi pazienti, più degli altri, devono aderire correttamente alle terapie e seguire le raccomandazioni dei cardiologi: avere un’alimentazione sana, svolgere attività fisica, controllare il peso, smettere di fumare.

«Ogni anno 150mila persone in Italia hanno un infarto; questo significa che nel corso della loro vita dovranno curarsi per evitare che questo evento si ripeta e morire per questa patologia – ci spiega Furio Colivicchi, Direttore dell’U.O.C di Cardiologia dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma – . Oggi, abbiamo a disposizione armi molto potenti ed efficaci per risolvere alcuni problemi, garantire la sopravvivenza e una migliore qualità della vita ai nostri pazienti: la terapia farmacologica, la terapia di rivascolarizzazione mediante angioplastica, i bypass aorto-coronarici. Tuttavia – considera con rammarico – ci sono problemi di aderenza alle terapie; alcuni pazienti dopo un ricovero interrompono i trattamenti, non svolgono attività fisica, riprendono a fumare».

LEGGI: ATTACCO DI PANICO, ATTENZIONE AI SINTOMI. LA PSICOTERAPEUTA: «SPESSO CONFUSO CON L’INFARTO»

È necessario uno sforzo congiunto di medici e istituzioni per sensibilizzare e informare i cittadini: «Chiediamo più strumenti normativi e attenzione a livello nazionale e regionale per garantire percorsi più sicuri in uscita dagli ospedali verso il territorio e di ritorno dal territorio verso l’ospedale» sostiene il cardiologo.

Tra gli strumenti che si possono utilizzare per la prevenzione cardiovascolare c’è la telemedicina: «La telemedicina deve essere contestualizzata all’interno di un percorso di cure articolato e che prevede la partecipazione di molte figure: il medico ospedaliero all’inizio del percorso, il cardiologo del territorio quando poi il paziente esce dall’ospedale, il medico di medicina generale che deve garantire la continuità delle cure e gli infermieri che sono molto bravi e molto capaci nell’attività di counseling. Il tutto, accompagnato da controlli a distanza che permettono di sapere quando la sua condizione peggiora e deve tornare in ospedale – sottolinea Colivicchi -. La telemedicina è il futuro da molti punti di vista, ma va garantita all’interno di un percorso che veda degli attori molti formati e forti dal punto di vista delle competenze professionali».

La prevenzione secondaria è d’obbligo per chi è già stato colpito da eventi cardiovascolari «ma anche per quelle categorie di persone considerate al di fuori del rischio: giovani e donne», commenta il professor Francesco Fedele, Direttore Uoc di Cardiologia Policlinico Umberto I che esprime la sua opinione anche su il tabagismo, uno dei maggiori fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, e apre alle sigarette elettroniche. «La mia idea è che queste alternative al fumo di tabacco non sono la strada per smettere – evidenzia -. Il fumo fa male, nella sigaretta c’è la nicotina che dà dipendenza e c’è il tabacco che contiene sostanze cancerogene. La combustione è la cosa più dannosa perché rilascia le sostanze più dannose. Sicuramente il l’obiettivo di cardiologi e oncologi è far smettere di fumare ma osserviamo che una percentuale rilevante di pazienti, anche dopo un evento patologico, non vuole smettere di fumare neanche dopo un counseling psicologico – svela il professore -. In questo caso – conclude – avere delle alternative che riducono il rischio può essere interessante e deve essere preso in considerazione dalla comunità scientifica».

Articoli correlati
Diabete, European Steering Committee: «Migliorare cura dei pazienti con complicanze renali e cardiovascolari»
Presentato il Report “A New Era in Diabetes Care” dello European Steering Committee con delle specifiche “Calls to Action” che i clinici potranno attuare nella loro pratica clinica per far fronte alle sfide che il COVID-19 ha provocato anche nella cura e nell’assistenza al paziente diabetico
Covid-19, come è stata affrontata la pandemia in Cina? I manuali di Wuhan diventano un corso di formazione
Online il corso ECM “Covid-19, l’esperienza cinese: prevenzione, diagnosi e trattamento”. Il responsabile scientifico Paolo Arangio: «Abbiamo tradotto e riadattato i manuali distribuiti nell’ospedale di Wuhan»
Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»
Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali
Infarto, dimezzati accessi in PS per paura contagio da Covid-19. Indolfi (Sic): «Temiamo aumento mortalità per malattie cardiovascolari»
Il monito del presidente della Società Italiana di Cardiologia: «Con sintomi gravi - dolore toracico, sudorazione o difficoltà respiratorie - non bisogna esitare, si deve chiamare subito il 118. Negli ospedali ci sono percorsi dedicati ai cardiopatici, differenziati da quelli per i pazienti affetti da Covid-19»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)