Salute 1 Dicembre 2021 15:38

Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere

Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»

Può un libro stimolare la prevenzione andrologica, che nel nostro Paese è parecchio sottovalutata dagli uomini? A dare a questi le informazioni, le conoscenze e i consigli necessari per una vita tranquilla e in salute ci pensa “Wikipene”, un libro che vuole essere un manuale d’istruzioni pronto all’uso per chiunque voglia approfondire l’argomento. Ed è proprio questa l’idea di base che ha spinto Nicola Mondaini (Professore associato di Urologia) e Patrizia Prezioso (professionista della comunicazione) a scrivere a quattro mani un volume che si rivolge, grazie anche al suo linguaggio semplice e diretto ma comunque scientificamente ineccepibile, a uomini di tutte le età, ma anche alle donne che vogliono seguire con maggior consapevolezza un figlio, un padre o un compagno. La pubblicazione di “Wikipene” è stata anche l’occasione per parlare del problema della poca prevenzione maschile in una conferenza che si è tenuta in Senato.

Mondaini: «Questo libro nasce per colmare un vuoto»

«Questo libro nasce per andare a colmare un vuoto, quello della conoscenza degli organi genitali maschili. L’uomo è tendenzialmente all’oscuro di ciò che riguarda il suo apparato genitale. E quindi è nata l’idea di scrivere un libro per dare agli uomini le informazioni di cui ha bisogno», spiega il professore Nicola Mondaini, che sottolinea come l’idea di scrivere il libro a quattro mani con una donna non sia stata un caso: «Gli uomini sono spesso spinti a sottoporsi ad una visita da una figura femminile, che può essere la madre, una compagna o semplicemente un’amica. Nel libro – continua – si parla di tutte le patologie, in maniera scientifica ma estremamente leggera», ed è per questo che «può essere letto a qualsiasi età, dai 14 ai 90 anni».

Prezioso: «Il libro è solo l’inizio di un progetto più strutturato»

«Con Wikipene abbiamo lavorato molto sul linguaggio – spiega Patrizia Prezioso –, in modo da trovare un modo di esprimerci che potesse arrivare ad un target trasversale, formato da uomini, donne, anziani e giovani. Abbiamo anche inserito una parte che potesse suscitare empatia, e quindi ricca di aneddoti e racconti di pazienti». Il nucleo del lavoro è stato dunque quello della ricerca di parole e termini semplici e alla portata di tutti che potessero dare «informazioni comprensibili anche su argomenti scientifici». Perché alla base di tutto ci deve essere una «corretta formazione», in quanto solo partendo da questa «si può arrivare ad una prevenzione». Il libro però non sarà un lavoro isolato, in quanto «è necessario ora collaborare con istituzioni, associazioni di settore o di pazienti e società scientifiche per ampliare la portata di questo progetto e fare in modo che si sviluppi davvero un cambiamento culturale».

Parente: «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»

La conferenza in Senato è stata fortemente voluta dalla senatrice Annamaria Parente, presidente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama: «La prevenzione andrologica è molto trascurata», ha detto la senatrice ai nostri microfoni. Secondo gli ultimi dati, infatti, «un ragazzo su tre può avere problemi andrologici. Magari si tratta di situazioni non gravi ma questo dato è abbastanza allarmante». Ma cosa può fare la politica per migliorare la situazione? «Nell’immediato – risponde Parente –, dobbiamo portare risorse per abbattere le liste d’attesa e consentire alle persone di fare più screening. In generale, poi, il Pnrr prevede un grande progetto di prevenzione, a partire proprio da quella andrologica e urologica che, come abbiamo visto, è attualmente molto trascurata».

Mirabella: «Leggendo il libro si capisce che c’è molto su cui riflettere»

A moderare gli interventi c’era Michele Mirabella (storico volto della trasmissione televisiva “Elisir”, programma dedicato alla medicina in onda su RaiTre). Mirabella non nasconde «di esser stato tentato, in un primo momento, da un facile umorismo». Umorismo che è poi scomparso una volta letto il libro: «Ho capito che c’è davvero poco da ridere. Anzi, c’è da riflettere», in quanto «si tratta di un volume che parla di una parte del corpo sempre molto citata in vari modi ma di cui ci si occupa male a livello scientifico. E non parlo dei medici ma dei possibili pazienti». Pazienti che «si spazientiscono quando sentono parlare di quella parte del corpo. Ebbene, sbagliano. Bisogna fare una riflessione generale – suggerisce Mirabella – su quanto sia importante occuparsi di tutte le parti del corpo, lasciando perdere facili umorismi o sciatterie goliardiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2, nasce il registro italiano dei portatori
Assegnata a Francesca Doyle giovane studentessa di biologia la prima borsa di studio in ricordo di Fabiana Gregori socia fondatrice dell’associazione aBRCAdabra che per prima ha avuto l’intuizione di mappare i soggetti con queste caratteristiche. Il registro nazionale sarà seguito dai medici: Alberta Ferrari del Policlinico San Matteo di Pavia, Domenica Lorusso del Policlinico Gemelli di Roma e Matteo Lambertini del San Martino di Genova
Gonfi e stanchi, dieta detox contro la “sindrome post-abbuffate”
Da Serena Missori endocrinologa, nutrizionista e docente della serie Ecm “Gusto è Salute” di Consulcesi consigli utili per rimettersi in carreggiata dopo gli eccessi natalizi
«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks
Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre
«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano
La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 gennaio, sono 362.588.865 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.627.080 i decessi. Ad oggi, oltre 9,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre