Salute 14 Maggio 2019

Chiacchierata con il Premio Nobel John Gurdon: «Clonare gli esseri umani è inutile, così come i dilemmi etici…»

ESCLUSIVA | Abbiamo incontrato il Premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia John Gurdon al Festival della Scienza Medica di Bologna. Nel 1962 ha scoperto che la specializzazione cellulare è un processo reversibile, per cui, ad esempio, le cellule della pelle possono essere ‘trasformate’ in cellule degli occhi e combattere la maculopatia. Fu anche grazie ai suoi esperimenti che nacque la pecora Dolly

Erano passati esattamente 50 anni dal giorno in cui John Gurdon aveva scoperto che la specializzazione cellulare è un processo reversibile. È squillato il telefono ed era un giornalista italiano che gli chiedeva un commento sul Premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia che gli era appena stato conferito. Stoccolma in realtà non aveva ancora preso la decisione e il collega probabilmente ha tirato a indovinare, ma è stata la prima persona a parlare a Sir Gurdon di Nobel. Cosa si prova in quel momento? «Ti rendi conto di essere fortunato, perché altre persone hanno pensato che i tuoi esperimenti fossero interessanti e importanti. A volte serve tempo per capirlo».

All’epoca dell’esperimento che poi gli valse il Premio aveva 29 anni: provò che il nucleo di una cellula adulta dell’intestino di una rana poteva tornare immatura e indifferenziata ed essere riprogrammata in una cellula uovo, da cui è nato un girino. Qualche anno prima un insegnante di Biologia gli aveva detto che non sarebbe mai diventato uno scienziato, e quando lo incontriamo a Bologna, dove ha partecipato al Festival della Scienza Medica, non riesce a trattenere un risolino di soddisfazione quando gli chiediamo cosa vorrebbe dirgli, a quell’insegnante: «Non era un bravo professore. Avrebbe dovuto vedere cosa interessava ai ragazzi e investire del tempo su quello. Invece ci parlava solo delle cose che si ricordava, e alcune erano anche sbagliate…».

Oggi Sir John Gurdon ha 86 anni, assomiglia al Principe Filippo, dirige un centro di ricerca dell’Università di Cambridge che porta il suo nome e ha quella capacità di spiegare con estrema chiarezza e semplicità argomenti complessi che solo le grandi menti hanno.

«Come tutti gli scienziati dovrebbero fare, sono partito da una semplice domanda – ci racconta poco prima della sua lectio magistralis dal titolo ‘Passato, presente e futuro della riprogrammazione nucleare’ -. Tutti i tipi di cellule contengono gli stessi geni o no? Una volta provato che la risposta è affermativa, le cose sono evolute e ho avuto modo di conoscere il valore di quella risposta, che ci ha condotto alla sostituzione delle cellule. Una cosa che potrebbe essere molto utile per le persone».

LEGGI ANCHE: GIAPPONE, CELLULE STAMINALI PER RIPRISTINARE LE CORNEE DANNEGGIATE

In un futuro prossimo, danni cerebrali e cardiaci e malattie ora senza cura potrebbero beneficiare del trapianto genetico nucleare con cui è possibile riprogrammare cellule adulte; ma grandi progressi si stanno registrando soprattutto in campo oculistico e nella lotta alla maculopatia: «Basterebbe – è presto detto – prendere delle cellule dalla pelle e trasformarle in cellule dell’occhio che potrebbero sostituire quelle malate».

Ma dall’esperimento sulle rane a clonare un essere vivente il passo è stato più breve del previsto. Nel 1997 la pecora Dolly veniva mostrata a tutto il mondo, ma Sir Gurdon sottolinea più volte che «la clonazione è stato il bioprodotto del mio esperimento, non era il mio obiettivo. La clonazione segue la stessa procedura, ma è un qualcosa di diverso rispetto alla domanda da cui sono partito».

Impossibile, a questo punto, non parlare della possibilità di clonare un essere umano. «Credo che alla fine riusciremo a fare qualunque cosa – commenta il Premio Nobel – ma non penso che vorremo. Ci sono ottime ragioni per non farlo. Quella che viene chiamata clonazione riproduttiva non serve a nulla negli uomini, non avrebbe alcun vantaggio».

Il punto di vista di Sir Gurdon è, ovviamente, scientifico; ma quando si affrontano temi di questo tipo il dibattito etico è inevitabile. Dilemmi e problemi che il Nobel ritiene «inutili» e «senza valore»: «È solo una questione di percezione dell’opinione pubblica, che deve essere cambiata. Non capisco proprio – conclude Sir John Gurdon – cosa si intenda per problemi etici». Si alza, ci ringrazia, ci saluta e torna nella sua stanza d’albergo: «Devo controllare che la mia presentazione per la lectio magistralis sia scritta correttamente in inglese. Non vorrei fare figuracce».

LEGGI ANCHE: AUTOLOGA SOLIDALE, DIFFERENZE IN UE SULLA CONSERVAZIONE DELLE STAMINALI DEL CORDONE. TOTTA (FUTURA): «MODELLO IBRIDO PUBBLICO-PRIVATO IL MIGLIORE, ITALIA COLGA OCCASIONE»

Articoli correlati
Le cellule staminali nella lotta alla Sclerosi Multipla: una realtà
La notizia dei giorni scorsi riprende lo studio iniziato lo scorso anno e terminato il 20 maggio con le dimissioni dell’ultimo paziente trattato: la sperimentazione di Fase I sull’utilizzo delle cellule staminali cerebrali umane in pazienti con sclerosi multipla condotta dal dottor Angelo Vescovi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è conclusa. E nessuno […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Staminali da cordone ombelicale e Covid-19
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Staminali cordonali, a Napoli una giornata di confronto sui grandi temi etici e biomedici del settore
Un corso di formazione per esplorare le nuove opportunità terapeutiche e i risultati dei più recenti trial clinici
Anemia di Fanconi, le storie di Antonella e Cameron: «Le cellule staminali emopoietiche ci hanno salvato la vita»
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Come funziona la donazione di midollo osseo? Lo abbiamo scoperto visitando i laboratori del Galliera di Genova
Il capoluogo ligure ospita il Registro italiano di donatori di midollo osseo e il laboratorio di istocompatibilità connesso. La direttrice Nicoletta Sacchi: «Cerchiamo donatori sani tra i 18 e i 35 anni. Fatevi avanti, potreste salvare la vita di malati di leucemia e non solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco