Salute 12 Gennaio 2022 16:08

Pregliasco: «Quarta dose? Solo per pochi e con vaccino a mRna»

«Probabilmente una quarta dose – dice Pregliasco – verrà somministrata ai soggetti fragili. Mentre il resto della popolazione si fermerà alla terza». Per la somministrazione numero quattro, vaccini mRna ma anche Novavax

Pregliasco: «Quarta dose? Solo per pochi e con vaccino a mRna»

Quarta dose sì o quarta dose no? Ora è questo il dilemma. Mentre in molti paesi sono già iniziate le somministrazioni del secondo booster ai soggetti “superfragili” – come negli Usa, in Isralele, in Cile – il dibattito è ancora molto acceso in Europa e in Italia. «Il problema principale è che abbiamo pochi dati sulla durata della protezione della terza dose, per cui è difficile prendere una decisione ora sull’opportunità o meno di fare una quarta dose», dice Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano. «Sappiamo che la seconda dose ci protegge dalla malattia grave, ma che dopo 4 mesi la protezione dal contagio inizia a calare, specialmente ora che la variante Omicron sta diventando predominante. Sulla terza dose – continua – siamo ancora in attesa di capire che succederà».

Secondo booster potrebbe non essere una strategia sostenibile

In realtà, la questione è un grande punto interrogativo sia a livello europeo che mondiale. L’Agenzia europea dei medicinali e l’Organizzazione mondiale della sanità non hanno ancora dato indicazioni chiare in merito. Pfizer ha quasi ultimato il suo nuovo vaccino aggiornato, cioè un vaccino adattato sulla variante omicron. L’Ema ha dichiarato che tra aprile maggio potrebbe dare la sua autorizzazione, ma non ha dato indicazioni su chi lo dovrà o potrà fare. Anzi ha specificato che il dibattito è acceso sul secondo booster e che probabilmente una quarta dose potrebbe non essere una strategia sostenibile da seguire. «Probabilmente una quarta dose – dice Pregliasco – verrà somministrata ai soggetti fragili. Mentre il resto della popolazione si fermerà alla terza». Guardando al futuro la vaccinazione contro Covid-19 potrebbe diventare fra quelle annuali raccomandate sempre ai soggetti fragili. «Quando passeremo alla fase di endemia – sottolinea Pregliasco – è molto probabile che i fragili faranno il vaccino anti-Covid ogni anno così come fanno il vaccino contro l’influenza».

Vaccino a mRNA anche per quarta dose

Quale sarà invece il vaccino per il secondo richiamo è piuttosto facile prevederlo. «Quasi sicuramente vaccini a mRNA, gli unici di cui al momento disponiamo», dice Pregliasco. «Saranno quelli che usiamo oggi o, come annunciato da Pfizer, vaccini ‘aggiornati’, ma basati sulla stessa tecnologia. A questi – continua – potrebbe aggiungersi quello di Novavax, che sfrutta una tecnologia diversa da quelli a mRNA, e quindi continuare con la strategia della vaccinazione eterologa che sta funzionando bene». Siamo dunque ancora nel campo delle ipotesi. «Prima di prendere qualsiasi decisione bisognerà continuare a monitorare l’evoluzione del virus e della sua diffusione», dice Pregliasco. «Quindi è probabile che continueremo a procedere per gradi, seguendo di volta in volta le evidenze scientifiche», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Israele testa già la quarta dose e intanto acquista il farmaco Pfizer contro Covid
Un'infermiera e un medico dell'ospedale Sheba i primi due israeliani a ricevere la quarta dose di vaccino anti-Covid: è partita la sperimentazione clinica su 150 dipendenti per verificare l'efficacia di un doppio booster prima di proporlo alla popolazione generale
Vaccini, Cisl medici Lazio: «Grave rimanere senza la seconda dose da somministrare agli operatori sanitari»
I ritardi di Pfizer nella distribuzione delle dosi del vaccino anti Covid in Italia rischia di influire negativamente sull’andamento della campagna vaccinale. «Sarebbe estremamente grave – evidenzia la Cisl Medici Lazio in un comunicato – se gli operatori sanitari che si sono sottoposti alla prima iniezione del vaccino anti COVID dovessero rimanere senza la seconda […]
Fecondazione eterologa, al Niguarda di Milano la prima banca dei gameti d’Italia
Regione Lombardia ha investito due milioni di euro. Il direttore della banca Michele Bini: «È pensata per consentire alle persone con sterilità assoluta di diventare genitori»
di Federica Bosco
Eterologa, il 95% degli embrioni e dei gameti arriva dall’estero. Dal 29 aprile si rischia stop a importazione
Benigna (specialista in riproduzione assistita): «Dal 2014, in Italia, è possibile ricorrere all’ovodonazione eterologa femminile. In linea teorica è consentito donare i propri ovociti in maniera assolutamente gratuita ed altruistica, ma mancano le Linee Guida del Ministero» | LEGGI LO SPECIALE PMA
di Isabella Faggiano
San Benedetto, Ministero Salute chiede il ritiro di un lotto di acqua contaminata
Il Ministero della Salute ha comunicato l’immediato richiamo del lotto 23LB8137E delle bottigliette da mezzo litro di acqua minerale naturale Fonte Primavera con data di scadenza al 16/11/2019. Il motivo della segnalazione è il rischio clinico per la “presenza consistente di contaminanti idrocarburici come: xilene, etilbenzene, trimetilbenzene e toluene“. Il richiamo del Ministero riguarda solo il lotto indicato, imbottigliato “presso lo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre