Salute 14 Settembre 2020 08:30

Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)

Il presidente di Aaroi-Emac in un’intervista sul Messagero parla di tremila professionisti vacanti, mentre le persone in terapia intensiva aumentano ancora

Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)

Il numero di malati in terapia intensiva continua ad aumentare. Ora l’Italia ha toccato soglia 164 ricoverati, in un giorno 14 in più. I posti letto sono stati aumentati negli scorsi mesi, per far fronte a una seconda ondata, ma il numero dei professionisti potrebbe non essere sufficiente. La denuncia arriva dal presidente dell’Aaroi-Emac Alessandro Vergallo, in un’intervista su “Il Messagero“. «In terapia intensiva al momento su un totale di 18 mila anestesisti rianimatori – informa – ne mancano ancora tremila tra pubblico e privato» per ottenere un numero sufficiente.

Un avvertimento più che un allarme per ora, ma Vergallo ribadisce la necessità di monitorare la situazione. Per ora negli ospedali la situazione è ancora sotto controllo, «a parte l’ospedale di Cagliari, per la particolare situazione in Sardegna». Le carenze di personale sono state risolte con «l’assunzione straordinaria dei colleghi specializzandi degli ultimi due anni». Mille professionisti in più che non coprono però quei tremila cui fa riferimento Vergallo. «A lungo termine i posti di specialità sono stati aumentati, ma è un risultato che vedremo nei prossimi cinque anni», aggiunge.

IN TERAPIA INTENSIVA SI MUORE MENO?

Non è un problema che riguarda solo l’Italia quello della terapia intensiva e del numero di anestesisti e rianimatori. All’estero Vergallo riferisce una carenza ancora maggiore, causata da definizioni di ruolo meno stringenti. Il lato positivo resta che attualmente un malato di Covid-19 in terapia intensiva è curato “meglio” rispetto a marzo. «Abbiamo conoscenze e strumenti conoscitivi in più che ci aiutano nelle diagnosi – spiega – e ci consentono di sapere quali farmaci sono efficaci per trattare i sintomi». Anche se una terapia non esiste ancora.

Sulla potenza del virus è molto netto: «I casi in terapia intensiva non sono meno gravi in sé, cambia il risultato perché risentono di una diagnosi molto più precoce e di strategie terapeutiche più affinate».

 

Articoli correlati
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
Covid-19, Vergallo (Aaroi-Emac): «Nelle festività misure troppo blande. Con crisi Governo non sappiamo più con chi parlare»
Il Presidente dell’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica fa un quadro della situazione attuale, che comunque «fa riferimento a circa 3 settimane fa». E in prospettiva: «Non ce la sentiamo di essere allarmisti ma dobbiamo cercare di capire come fare per superare l’inverno»
Legge di Bilancio, per la sanità si è fatto abbastanza? Parlano i sindacati
Palermo (Anaao): «Fondo sanitario riportato a livelli più consoni». Vergallo (Aaroi-Emac): «Bene aumento indennità di esclusività». Cimo-Fesmed: «Temiamo per il futuro della sanità»
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
La Svizzera ha finito i posti in terapia intensiva, chiesto intervento dell’esercito
Dalla Ssmi svizzera la richiesta ai pazienti di rendere subito note le disposizioni sull'interruzione eventuale di cure salvavita in terapia intensiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...