Salute 14 Settembre 2020 08:30

Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)

Il presidente di Aaroi-Emac in un’intervista sul Messagero parla di tremila professionisti vacanti, mentre le persone in terapia intensiva aumentano ancora

Posti in più in terapia intensiva, ma mancano gli anestesisti. La denuncia di Vergallo (Aaroi-Emac)

Il numero di malati in terapia intensiva continua ad aumentare. Ora l’Italia ha toccato soglia 164 ricoverati, in un giorno 14 in più. I posti letto sono stati aumentati negli scorsi mesi, per far fronte a una seconda ondata, ma il numero dei professionisti potrebbe non essere sufficiente. La denuncia arriva dal presidente dell’Aaroi-Emac Alessandro Vergallo, in un’intervista su “Il Messagero“. «In terapia intensiva al momento su un totale di 18 mila anestesisti rianimatori – informa – ne mancano ancora tremila tra pubblico e privato» per ottenere un numero sufficiente.

Un avvertimento più che un allarme per ora, ma Vergallo ribadisce la necessità di monitorare la situazione. Per ora negli ospedali la situazione è ancora sotto controllo, «a parte l’ospedale di Cagliari, per la particolare situazione in Sardegna». Le carenze di personale sono state risolte con «l’assunzione straordinaria dei colleghi specializzandi degli ultimi due anni». Mille professionisti in più che non coprono però quei tremila cui fa riferimento Vergallo. «A lungo termine i posti di specialità sono stati aumentati, ma è un risultato che vedremo nei prossimi cinque anni», aggiunge.

IN TERAPIA INTENSIVA SI MUORE MENO?

Non è un problema che riguarda solo l’Italia quello della terapia intensiva e del numero di anestesisti e rianimatori. All’estero Vergallo riferisce una carenza ancora maggiore, causata da definizioni di ruolo meno stringenti. Il lato positivo resta che attualmente un malato di Covid-19 in terapia intensiva è curato “meglio” rispetto a marzo. «Abbiamo conoscenze e strumenti conoscitivi in più che ci aiutano nelle diagnosi – spiega – e ci consentono di sapere quali farmaci sono efficaci per trattare i sintomi». Anche se una terapia non esiste ancora.

Sulla potenza del virus è molto netto: «I casi in terapia intensiva non sono meno gravi in sé, cambia il risultato perché risentono di una diagnosi molto più precoce e di strategie terapeutiche più affinate».

 

Articoli correlati
«Per il 118 servono le competenze di medici e infermieri ospedalieri». Vergallo (Aaroi-Emac) spiega le ragioni della Carta di Riva del Garda
«L’estromissione degli ospedalieri dall’emergenza-urgenza extra ospedaliera è scandalosa», spiega il Presidente degli anestesisti rianimatori, che chiede la revisione del DM 70 per aumentare i mezzi di soccorso demedicalizzati
di Francesco Torre
Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»
Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118
Sanità, De Poli (Udc): «Governo intervenga su carenza medici e anestesisti, valutare specializzandi in corsia per fronteggiare emergenza»
«L’allarme sulla carenza di medici e anestesisti lanciato dal presidente Domenico Crisarà, presidente dell’Ordine dei medici di Padova, è l’ennesimo SOS che arriva dal mondo di chi lavora nelle corsie. Da anni questa denuncia è rimasta inascoltata e oggi ne paghiamo le conseguenze. La pandemia ha messo in evidenza ciò che noi, purtroppo, denunciamo da […]
Carenza medici Anestesisti Rianimatori e di PS, AAROI-EMAC: «Risposte concrete, non fantasiose»
Carenza di medici di Pronto Soccorso e Anestesisti Rianimatori, è questione nota. Evitare facili escamotage e favorire attività aggiuntive dei professionisti disponibili, incrementando remunerazioni è la richiesta di AAROI-EMAC
Al Sant’Andrea di Roma terapia intensiva Covid aperta alle visite dei parenti. In 6 mesi nessun contagio
La direttrice: «L’apertura è stata graduale, ora ogni paziente può ricevere due visite a settimana. Una scelta dalla quale hanno tratto beneficio non solo i pazienti e i loro familiari, ma anche i medici e il personale sanitario sgravati da un enorme carico emotivo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?