Salute 23 agosto 2016

Policlinico Gemelli, il cinema per far crescere i medici di domani

Il grande successo del progetto Medicinema raccontato dal referente scientifico dell’iniziativa, professor Celestino Pio Lombardi

Intrattenimento e cura, ma anche crescita professionale. Questi gli obiettivi di Medicinema, un riuscitissimo progetto nato in Inghilterra e poi riproposto in Italia dal 2013 grazie alla dottoressa Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus, che utilizza il cinema all’interno degli ospedali come nuova terapia di sollievo per i pazienti. L’iniziativa è stata positivamente accolta anche a Roma con Francesca Medolago Albani, vicepresidente di MediCinema Italia. Per illustrare il valore di Medicinema e le sue prospettive abbiamo intervistato il professor Celestino Pio Lombardi, chirurgo endocrino del Gemelli e referente scientifico del progetto: «Il cinema può aiutare il paziente a migliorare la sua qualità di vita all’interno dell’ospedale e a guarire».

Professor Lombardi, Medicinema oltre ad essere un momento di distrazione e terapia per il paziente, può anche essere uno strumento per migliorare il rapporto tra medico e paziente?

«La proiezione cinematografica rappresenta sicuramente un aiuto anche per il personale sanitario, sia esso infermieristico o medico, poiché favorisce un’integrazione maggiore, al di là dei rigorosi limiti che una corsia impone fra curante e curato. Il personale viene accolto in modo diverso dal paziente poiché si fa partecipe di uno stesso evento e cioè condivide le emozioni di un film, di una risata o anche di un momento di pathos particolare».

Il cinema può aiutare il medico o l’operatore sanitario a crescere professionalmente?

«L’altro argomento, che è quello della ricerca che abbiamo cominciato a svolgere, è una ricerca rivolta non solo al paziente ma anche a noi stessi. Il cinema ci aiuta a discutere tra noi operatori sanitari di alcune tematiche che riguardano la nostra vita, la nostra attività, la nostra relazione col paziente. Il policlinico Gemelli, all’interno dell’Università Cattolica, ha l’obiettivo di formare futuri medici. Riteniamo quindi che il cinema possa essere un elemento importante poiché permette la condivisione di tematiche e la discussione su alcuni temi particolari per la nostra professione e per la crescita dei nostri studenti».

 

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila