Salute 23 Agosto 2016

Policlinico Gemelli, il cinema per far crescere i medici di domani

Il grande successo del progetto Medicinema raccontato dal referente scientifico dell’iniziativa, professor Celestino Pio Lombardi

Intrattenimento e cura, ma anche crescita professionale. Questi gli obiettivi di Medicinema, un riuscitissimo progetto nato in Inghilterra e poi riproposto in Italia dal 2013 grazie alla dottoressa Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus, che utilizza il cinema all’interno degli ospedali come nuova terapia di sollievo per i pazienti. L’iniziativa è stata positivamente accolta anche a Roma con Francesca Medolago Albani, vicepresidente di MediCinema Italia. Per illustrare il valore di Medicinema e le sue prospettive abbiamo intervistato il professor Celestino Pio Lombardi, chirurgo endocrino del Gemelli e referente scientifico del progetto: «Il cinema può aiutare il paziente a migliorare la sua qualità di vita all’interno dell’ospedale e a guarire».

Professor Lombardi, Medicinema oltre ad essere un momento di distrazione e terapia per il paziente, può anche essere uno strumento per migliorare il rapporto tra medico e paziente?

«La proiezione cinematografica rappresenta sicuramente un aiuto anche per il personale sanitario, sia esso infermieristico o medico, poiché favorisce un’integrazione maggiore, al di là dei rigorosi limiti che una corsia impone fra curante e curato. Il personale viene accolto in modo diverso dal paziente poiché si fa partecipe di uno stesso evento e cioè condivide le emozioni di un film, di una risata o anche di un momento di pathos particolare».

Il cinema può aiutare il medico o l’operatore sanitario a crescere professionalmente?

«L’altro argomento, che è quello della ricerca che abbiamo cominciato a svolgere, è una ricerca rivolta non solo al paziente ma anche a noi stessi. Il cinema ci aiuta a discutere tra noi operatori sanitari di alcune tematiche che riguardano la nostra vita, la nostra attività, la nostra relazione col paziente. Il policlinico Gemelli, all’interno dell’Università Cattolica, ha l’obiettivo di formare futuri medici. Riteniamo quindi che il cinema possa essere un elemento importante poiché permette la condivisione di tematiche e la discussione su alcuni temi particolari per la nostra professione e per la crescita dei nostri studenti».

 

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Con Sail4Parkinson una settimana in barca a vela per ridurre gli effetti della malattia
Modugno (presidente Parkinzone Onlus): «Abbiamo voluto creare un’opportunità di percorso riabilitativo che raramente si prospetta per le persone con Parkinson, facendo vivere ai malati un’esperienza unica con benefici che saranno duraturi nel tempo»
di Federica Bosco
Alzheimer, ora un video racconta il progetto Interceptor per la diagnosi precoce
Presente anche un video messaggio del Ministro della Slaute Grillo. Nello studio saranno valutati dei biomarcatori per stabilire quali siano più sensibili e specifici per predire la conversione del lieve declino cognitivo in demenza di Alzheimer
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone