Salute 20 Giugno 2017

Piaghe e ferite difficili: la rivoluzione della luce. Bellini e Klox presentano il primo sistema biofotonico

Dopo l’Epivir, il farmaco che ha trasformato la lotta all’AIDS, il Professor Francesco Bellini, Presidente di Klox Technologies, presenta a Roma un sistema rivoluzionario in grado di rimarginare piaghe e ferite gravi aperte da anni. E annuncia: «Apriremo ad Ascoli il centro di produzione mondiale»

Una lampada e un gel per curare piaghe e ferite gravi che non si rimarginano da anni. Sembra una tecnologia uscita direttamente da una puntata della serie tv Star Trek, e invece questo nuovo sistema biofotonico è stato appena presentato a Roma nella Sala Zuccari del Senato. LumiHeal, questo il suo nome, è un’innovazione «che sta cambiando e cambierà per sempre il modo di trattare questi danni – spiega ai microfoni di Sanità Informazione il Professor Francesco Bellini, Presidente di Klox Technologies, l’azienda che ha sviluppato il sistema – e permetterà, con la drastica riduzione dei tempi di guarigione, una cospicua riduzione dei costi di ospedalizzazione per le strutture sanitarie».

Andando nel dettaglio tecnico, il sistema è composto da un gel topico arricchito con molecole fluorescenti (cromofori) che fungono da foto-convertitori quando sono esposti ad una lampada multi LED. Nel procedimento viene sfruttata la combinazione tra la potenza della luce, la sua fluorescenza e l’ossigeno: illuminando determinati cromofori si innesca una cascata di reazioni biologiche a livello molecolare che ripristinano e riavviano il processo di guarigione delle ferite: «La tecnologia è tale che fra un paio di anni – chiarisce ancora Bellini – i pazienti potrebbero essere in grado di curarsi direttamente da casa, perché si tratta di un sistema molto semplice e alla portata di chiunque: tutto quel che c’è da fare è applicare il gel sulla ferita, illuminarla per cinque minuti e ripetere la procedura giorno per giorno. È tutto molto semplice e i costi sono veramente molto bassi, specialmente se paragonati a quelli di altri trattamenti in uso oggi. Per non parlare dei tempi di guarigione che vengono abbattuti».

In questo senso, i risultati finali degli studi effettuati e i casi clinici già affrontati dimostrano che il sistema biofotonico è facile e sicuro da utilizzare e ha un impatto positivo sulla riduzione del dolore e sul rischio di infezioni. Ha dunque tutte le carte in regola per poter diventare un’opzione ottimale per il trattamento e la gestione di lesioni di difficile guarigione e ferite croniche, che costituiscono il 4% dei costi totali del Servizio Sanitario Nazionale.

L’ideatore del sistema, insieme al suo team di Klox Technologies, è il Professor Francesco Bellini, protagonista di una storia personale che ha i contorni della leggenda. Nato ad Ascoli Piceno, Bellini all’età di 20 anni si è trasferito in Canada, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in chimica organica e dato il via alla sua brillante carriera: detentore di circa 30 tra brevetti e co-brevetti, ha collaborato alla fondazione dell’azienda farmaceutica BioChem Pharma, che ha immesso sul mercato il prodotto antivirale Epivir, il più utilizzato per combattere l’AIDS. Nel 2005 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e nel novembre 2012 ha ricevuto la laurea honoris causa in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche dalla Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute dell’Università di Camerino. Dal 1987 ad oggi ha ricevuto, in tutto il mondo, un totale di 27 tra onorificenze e premi legati alle sue attività in materia di imprenditorialità, ricerca scientifica ed economia. Ora tutte le sue energie in campo scientifico sono indirizzate alla biofotonica, ma la sua mente è già impegnata sulle prossime ricerche e i progetti in cantiere non finiscono qui: «Abbiamo delle società – ammette Bellini – che si occupano di studiare e combattere patologie come la tosse, i problemi alla vista e l’Alzheimer».

Bellini, nel corso della sua vita professionale, si è dunque contraddistinto per l’impegno nella ricerca e nell’innovazione farmaceutica ed è stato il primo a capire le potenzialità del sistema biofotonico, inizialmente pensato per la cura di bocca e denti: «Qualche tempo fa – spiega ancora Bellini – alcuni specialisti mi hanno convinto a fare ricerca e ad investire in questo tipo di tecnologia che, fino ad allora, veniva utilizzata solo per sbiancare i denti. L’abbiamo sviluppata e oggi possiamo utilizzare LumiHeal per trattare le piaghe e le ferite difficili. Quando ho visto i risultati dei primi trial su pazienti vittime di incidenti, a letto da molto tempo e impossibilitati a muoversi, non ci potevo credere: avevano ferite che non si rimarginavano da anni e grazie a questo sistema siamo riusciti a rimarginarle tra il 70 e l’80 per cento. Le potenzialità sono enormi: dai risultati che il prodotto ha ottenuto nei casi in cui è stato utilizzato su persone vittime di ustioni, possiamo dire che fa veramente dei miracoli…».

La sua lunga esperienza in Canada gli permette di giudicare con maggiore neutralità il sistema sanitario italiano, che definisce «un buon sistema, perché è accessibile a tutti. Ci si lamenta della sua lentezza, ma in Canada, che molti reputano il sistema sanitario migliore, bisogna comunque aspettare parecchio tempo…». Nonostante il suo forte legame con il paese nordamericano, Bellini ha sempre mantenuto un grande attaccamento alla sua terra d’origine, in cui, in questi anni, sta cercando di veicolare iniziative e investimenti: di recente è diventato il Presidente dell’Ascoli Picchio FC (la squadra di calcio della città che gioca in Serie B) e produce vino in quelle terre con la Cantina Domodimonti. Forte anche la sua preoccupazione per gli effetti dei recenti terremoti che hanno colpito Ascoli e le Marche: «Era una zona fiorente, ora non lo è più. Ecco perché ho promesso che, se questo progetto continuerà ad avere successo, farò anche qualcosa di bello per la comunità. In questo momento la produzione del gel per il LumiHeal è fatta da terzi, ma se tutto funziona come deve, apriremo un centro proprio ad Ascoli e impianteremo qui la produzione mondiale. Ne ho parlato al consiglio di amministrazione e ai miei dirigenti e siamo tutti d’accordo. L’apertura dell’impianto produttivo darebbe lavoro ai ricercatori e alle tante persone di questo territorio che sono in difficoltà».

Articoli correlati
L’impatto del Covid su chi convive con l’Hiv e il rischio di recrudescenze causate dalla chiusura dei centri. L’appello di Anlaids
Riaprire ambulatori e centri community based, garantire continuità assistenziale e diagnosi e non dimenticare la prevenzione. La vicepresidente Anlaids Valeria Calvino: «Per Hiv la strada del vaccino è ancora lunga, i più fragili sono i primi a perdersi»
di Gloria Frezza
OMS: «In Africa i morti per AIDS potrebbero raddoppiare. 500mila persone a rischio a causa del Covid-19»
La sospensione dei servizi e delle terapie antiretrovirali per i malati di AIDS provocata dalla pandemia da Covid-19 potrebbe causare la morte di oltre 500mila persone nell’Africa subsahariana tra il 2020 ed il 2021. L’allarme arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’UNAIDS, per i quali gli effetti della pandemia potrebbero portare le lancette della lotta […]
Aids, 770mila decessi nel 2018 nel mondo, 100mila bambini. Msf: «Servono test diagnostici rapidi»
I dati contenuti nel rapporto 'Non c'è tempo da perdere' della Ong su 15 Paesi dell'Africa. L’organizzazione segnala anche il problema dell’interruzione delle cure
HIV, torna la speranza di un vaccino. Sileri (Vice Ministro Salute): «Sarebbe rivoluzione del secolo. Diagnosi precoce fondamentale»
A Roma convegno per fare il punto su diffusione, cura e prospettive della lotta all’HIV. Lazzarin (San Raffaele): «La prova dell’efficacia del nuovo vaccino la potremo avere solo a studio concluso. La complessità e variabilità dei processi di risposta immune innescati da HIV (linfociti B, linfociti T, cellule accessorie) nel singolo individuo lasciano purtroppo margini di imprevedibilità»
HIV, nel 25% dei casi stimati il virus provoca disturbi di tipo cognitivo. In 2 casi su 3 di tipo asintomatico
Oltre 100 specialisti provenienti da Stati Uniti e Europa a Roma per l’8°edizione di NeuroHIV, International Meeting on HIV Infection of the Central Nervous System. «Secondo studi recenti una persona con HIV su quattro mostra deficit di tipo cognitivo; anche se in due casi su tre, grazie all’effetto delle terapie, si tratta di disturbi di tipo asintomatico», spiega il Prof. Andrea Antinori, Direttore Malattie Infettive dell'IIRCCS INMI Spallanzani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 22 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...