Salute 17 Maggio 2021 12:42

Pfizer, il parere del dermatologo: «Meglio evitare filler per almeno un mese»

Dopo che Ema ha segnalato gonfiore anomalo del volto tra i possibili effetti collaterali del vaccino, il dottor Marconi, medico specialista in dermatologia e medicina estetica ha spiegato perché accade e come si può evitare

di Federica Bosco
Pfizer, il parere del dermatologo: «Meglio evitare filler per almeno un mese»

«Il vaccino Pfizer se preso in concomitanza con i filler estetici può causare un gonfiore anomalo al volto, ma nessun pericolo per il paziente e questo spiacevole effetto collaterale si può evitare distanziando vaccino e filler di almeno un mese uno dall’altro». Le parole di Marco Marconi, medico specialista in dermatologia e medicina estetica a pochi giorni dalla dichiarazione di Ema vanno a fugare dubbi e preoccupazioni di quanti hanno effettuato trattamenti estetici ed ora sono in procinto di sottoporsi alla vaccinazione. Per ridurre i rischi di questo effetto collaterale segnalato dalla stessa Ema, l’Agenzia europea del farmaco dopo la riunione del Prac, il comitato di farmacovigilanza, dunque, è sufficiente distanziare i tempi tra il trattamento antirughe e l’inoculazione della dose di Pfizer.

Il rischio esiste, ma si può evitare

«Il filler dermico è una tecnica con la quale si inietta acido ialuronico e può causare edema e gonfiore – spiega Marconi, responsabile dei riparti di dermatologia generale adulti e pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano -. È evidente che ci possa essere una relazione tra il trattamento estetico e la somministrazione del vaccino Pfizer, perché il filler nel viso modifica, anche se temporaneamente, quello che è il microcircolo vascolare e il vaccino può quindi andare ad evidenziare l’edema che il filler ha generato». In sostanza, il vaccino di Pfizer, se preso in concomitanza con dei filler estetici, può portare a un gonfiore anomalo della faccia, perché i trattamenti estetici vanno a interagire con quelli del vaccino scatenando una reazione. «C’è da sottolineare che non esiste alcun rischio per il paziente, anche nel momento in cui l’effetto compare, ma si può evitare. Chi deve sottoporsi al vaccino, quindi, è opportuno che valuti bene i tempi di somministrazione che non siano troppo ravvicinati all’impiego di filler – conclude -. Meglio attendere almeno un mese tra i trattamenti estetici e l’inoculazione del vaccino per non avere spiacevoli effetti collaterali».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...