Salute 20 Gennaio 2015 20:04

Personale sanitario in calo, dall’e-learning la chiave per rimediare al deficit 

I dati di uno studio condotto dall’Imperial College di Londra dimostrano che la formazione a distanza è più efficace e veloce di quella tradizionale

Personale sanitario in calo, dall’e-learning la chiave per rimediare al deficit 

E’ un dato allarmante – e in crescita – quello registrato dall’OMS in un recente rapporto sul deficit di personale sanitario nel mondo: più di 7,2 milioni di unità mancherebbero all’appello. Una cifra – se non si corre ai ripari – destinata ad aumentare.

Alle possibili soluzioni hanno pensato i ricercatori dell’Imperial College di Londra, ed ecco le conclusioni cui sono giunti: secondo gli esperti inglesi, la chiave giusta per formare in tempi record nuovo personale sanitario la forniscono le nuove tecnologie attraverso l’e-learning, vale a dire l’apprendimento a distanza, realizzato con l’ausilio di mezzi e strumenti elettronici. E’ il sistema della FAD, adottato con successo anche nel nostro Paese per garantire, in modo pratico e innovativo, l’adempimento dell’Educazione Continua in Medicina. Ma non è tutto.

Il documento stilato dall’Imperial College, infatti, illumina non solo sulla possibilità, per medici e infermieri, di ricevere un’adeguata formazione anche a centinaia di chilometri di distanza dalle aule universitarie, ma sul fatto che questo metodo di apprendimento risulti addirittura più efficace di quello tradizionale.  Una conclusione a cui i ricercatori britannici sono giunti analizzando la letteratura scientifica sul tema ‘efficacia dell’e-learning nell’istruzione di base del personale sanitario’, considerando sia gli studi che valutavano l’apprendimento a distanza online, cioè quello richiedente una connessione internet, sia quello offline, con materiali caricati su CD o penne USB.

Il suggerimento degli autori, a fini formativi, è di integrare i due sistemi – tradizionale ed elettronico – a seconda delle esigenze e con cognizione di causa. “I programmi di e-learning – commenta Josip Car, uno degli autori dello studio – hanno la potenzialità di risolvere il problema cronico della carenza di personale sanitario, facilitando l’accesso all’istruzione universitaria, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove il fabbisogno di professionisti della salute è maggiore. Per questo – conclude – sarebbe importante investire di più nelle tecnologie di informazione e comunicazione, anche nelle università”.

Articoli correlati
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...