Salute 13 Novembre 2019 16:01

Perfusionisti e tecnici cardiologia, Ghitti (A.I.Te.Fep.): «Molte aree scoperte da questa figura, ma siamo risorsa nell’arresto cardiaco»

La professione è entrata nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Noi ci occupiamo di tutto quello che è la parte diagnostica e assistenziale cardiologica. I pacemaker, i defibrillatori, l’ecocardiografia, l’emodinamica. L’altra parte della professione è la parte della perfusione», sottolinea il Presidente dell’Associazione Italiana Tecnici della Fisiopatologia cardiocircolatoria e Perfusione cardiovascolare

Il nome, “Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare”, è lungo e difficile da ricordare. Eppure si tratta di un professionista della sanità che, come scritto sul sito di A.I.Te.Fep., l’associazione maggiormente rappresentativa, è un tecnico che ha “a cuore” la salute dei cittadini nel senso letterale del termine: si occupa della delicata attività della circolazione extracorporea e della diagnostica di cardiologia, emodinamica e di elettrofisiologia. Ora la professione è entrata nella grande famiglia del maxi Ordine TSRM e PSTRP presieduto da Alessandro Beux che ha celebrato a Rimini il primo Congresso nazionale. «Tutta l’area cardiologica in molte parti del nostro territorio è scoperta da queste figure professionali specialistiche e oggi più che mai deve diventare una risorsa nella gestione dello shock cardiogeno e dell’arresto cardiaco» sottolinea a Sanità Informazione il Presidente A.I.Te.Fep Davide Ghitti. Proprio in Italia quest’anno si è svolto il 18esimo Congresso europeo European Congress on Extracorporeal Circulation Technology sulla circolazione extracorporea.

LEGGI ANCHE: CIRCOLAZIONE EXTRA-CORPOREA, A SALERNO IL CONGRESSO EUROPEO. LA PRESIDENTE MASCITELLI: «PERFUSIONISTA LAVORO BELLISSIMO ANCHE SE AD ALTO RISCHIO»

Presidente, con che spirito vi siete approcciati al Congresso?

«Con uno spirito aperto alla multidisciplinarietà. Questo desiderio si è concretizzato ed è stato un traguardo raggiunto. Inoltre, come il presidente Beux ha detto, non solo Ordine, ma siamo già a step avanzati come il Codice etico e la responsabilità che sono degli strumenti fondamentali per la giusta e corretta presenza delle professioni sanitarie all’interno del Servizio sanitario nazionale».

Avete delle rivendicazioni come categoria da sottoporre ai politici?

«Non parlerei di rivendicazioni. I politici devono iniziare a comprendere che la nostra figura professionale, che non è molto nota, già banalmente per la difficoltà nel pronunciare il nome, “Tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare”. Vorrei che i politici comprendessero che questa congiunzione ‘e’ ha unito due competenze specialistiche, la parte del tecnico di cardiologia con la parte della perfusione. Nel comprendere questo potranno capire che tutta l’area cardiologica che in molte parti del nostro territorio è scoperta da queste figure professionali specialistiche oggi più che mai deve diventare una risorsa nella gestione dello shock cardiogeno e dell’arresto cardiaco e solo grazie alla presenza di questi professionisti soprattutto nelle strutture dove non c’è la cardiochirurgia potrà fare la differenza».

Perché il vostro ruolo è così decisivo. Cosa fate nel concreto?

«Facciamo tanto. Nel senso che nella prima parte della dicitura della nostra professione, la fisiopatologia cardiocircolatoria, noi ci occupiamo di tutto quello che è la parte diagnostica e assistenziale cardiologica. I pacemaker, i defibrillatori, l’ecocardiografia, l’emodinamica. Queste sono delle unità operative strategiche all’interno delle aziende sanitarie e sul territorio nazionale. L’altra parte della professione, ma il professionista è uno e unico abilitato all’esercizio della professione, è la parte della perfusione. Fino a qualche tempo fa era limitata al by-pass cardiopolmonare e agli interventi di cardiochirurgia e nei trapianti, oggi invece con il nuovo scenario dell’utilizzo dell’assistenza extracorporea gestisce l’arresto cardiaco e lo strumento diventa fondamentale quale ponte in attesa del trapianto».

Articoli correlati
Medicina territoriale, anche i TFCPC pronti a giocare un ruolo. Scali: «Telemedicina e soccorso emergenziale, ecco cosa possiamo fare»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Salvatore Scali, spiega gli ambiti in cui questo professionista può essere un protagonista della medicina territoriale. E chiarisce: «A volte si ha la percezione che in alcuni nostri ambiti siamo stati un po’ erosi e questo per noi è un grande problema»
Tecnici di Laboratorio, verso il voto per la CdA nazionale. Casalino: «Occorre casa comune dei TSLB dove tutti si devono sentire protagonisti»
Il Presidente della CdA di Roma e Provincia è in campo per le elezioni delle CdA nazionali con la lista “Comunità e competenze TSLB”. Il voto si svolgerà il 26-27-28 settembre. Tra gli obiettivi una rivoluzione nella formazione e la creazione di un corso di laurea magistrale ad indirizzo laboratoristico
#UnGiornoCon | Il podologo: dallo studio al domicilio, sempre a contatto con il paziente
Abbiamo chiesto a Maria Cristina Rufini, podologa iscritta all’AIP, come si svolge la giornata tipo di un podologo libero professionista: «Le patologie variano a seconda della fascia di età. Nel paziente anziano si tratta per lo più di ipercheratosi, di ispessimenti e di unghie onicogrifosi. Mentre nel paziente giovane si interviene sulle unghie incarnite sulle onicogrifosi»
Fragilità, al Forum di Firenze la prima Conferenza Nazionale. Perciballi (TSRM e PSTRP): «Puntiamo a progetti comuni tra professionisti della sanità»
Il 27 novembre va in scena alla Fortezza di Basso il primo evento di questo tipo. Apre una lectio magistralis del professore Paolo Cendon. La referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori del maxi Ordine delle professioni sanitarie: «Obiettivo proporre il Codice Etico Unico delle 19 professioni alle altre federazioni della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»