Salute 25 Giugno 2019

Pensioni, Pagano (Enpam): «Giovani rischiano “bomba previdenziale”. Valutare fondi complementari»

In una lunga intervista Franco Pagano, consigliere Enpam, spiega tutte le possibilità che i medici hanno per costruire quello che chiama un “secondo pilastro” pensionistico e invita soprattutto i giovani a muoversi in questo senso con i fondi complementari

Pensioni, Pagano (Enpam): «Giovani rischiano “bomba previdenziale”. Valutare fondi complementari»

Quali sono le opportunità pensionistiche per i professionisti della sanità? Se ne è parlato al convegno “La previdenza ENPAM del libero professionista” organizzato a Roma in collaborazione con la Federazione dei medici di medicina generale (FIMMG). Proprio l’Enpam, l’ente previdenziale autonomo ha costituito cinque fondi su misura per il mondo medico. «L’ENPAM da sempre ha dato la possibilità a tutti i medici d’Italia di poter integrare, aumentare, la propria pensione con dei contributi che, ovviamente, sono dei contributi regolamentati ma volontari», ha spiegato in una lunga intervista Franco Pagano, consigliere dell’Enpam.

Quali sono le maggiori integrazioni previdenziali che si possono richiedere?

«Si parte dal riscatto degli anni di laurea e delle specializzazioni, fino a un massimo di 10 anni; il riscatto di allineamento, cioè allineare quei contributi, gli anni i cui i contributi sono stati inferiori alla media degli ultimi 3 anni; l’aliquota modulare che è un’altra delle forme che interessano la medicina convenzionata – in cui ad esempio il collega pediatra o il medico di medicina generale volontariamente può versare dall’1 al 5% di contributi sul proprio reddito – ; è possibile anche la ricongiunzione, la totalizzazione, il cumolo contributivo e soprattutto la previdenza complementare. L’Enpam già dal 2007 si è fatta fonte istitutiva per costruire un fondo complementare, cioè quello che è la seconda gamba della previdenza, quella volontaria in cui tutti gli esercenti delle attività sanitarie possono iscriversi. Non solo, ma possono iscrivere anche i familiari fiscalmente a carico».

 Come funziona il riscatto degli anni di laurea?

«Per il riscatto degli anni di laurea è necessario che il medico abbia almeno 10 anni di iscrizione al fondo. Può riscattare gli anni di laurea, tutti e 6 gli anni di laurea più la specializzazione oppure può riscattarne solo in parte. Ovviamente ha un costo che si chiama “costo riserva matematica”, perché ovviamente con quel riscatto va ad aumentare l’anzianità contributiva, necessaria per chi vuole andate in pensione anticipata e l’entità della pensione. Quindi il costo del riscatto serve, da un lato per fargli aumentare la futura pensione e dall’altro, per acquisire il numero di anni di anzianità contributiva che gli permetterebbero nel caso lo decidessero di andare in pensione anticipata, di andare in pensione a 62 anni con 35 anni di contributi riscattati effettivi e ricongiunti 3 anni di laurea».

Lei ha parlato di una bomba previdenziale per i giovani medici; consiglia fondi integrativi?

«Sicuramente i fondi complementari che furono istituiti già dalla Legge Dini. La pensione va costituita da giovani e non negli ultimi anni. Bisogna pensarci da giovani e tutti i giovani a mio avviso dovrebbero costruirsi, a fianco al primo pilastro, cioè la pensione obbligatoria, un secondo pilastro, una pensione facoltativa. Riguardo la previdenza complementare, lo Stato ha, già dal 1995, posto numerose agevolazioni. La più immediata è quella della tassazione, cioè mentre la pensione, sia essa una pensione dell’INPS sia essa una pensione dell’Enpam, è una pensione su cui grava la tassazione secondo le aliquote marginali, perché è un reddito e quindi è giusto che ci sia una tassazione crescente fino ad arrivare al 43%. Bene, la tassazione sulla previdenza complementare è agevolata, massimo del 15% senza addizionali regionali e provinciali, ma per il giovane collega che continua a contribuire, a rimanere in un fondo complementare dopo il 15esimo anno, a partire dal 15esimo anno un abbattimento ulteriore dello 0,30. Per cui il massimo che pagherà di tassazione, quando arriverà alla pensione sarà del 9%. Queste sono solo alcune delle agevolazioni che sono state pensate proprio per incentivare i giovani a costituirsi un secondo pilastro».

Articoli correlati
Enpam, per il 2021 previsto attivo da 470 milioni. Nuovi aiuti Covid-19
«Per tutelare gli iscritti in difficoltà a causa dell’emergenza Covid con misure straordinarie – ha spiegato il presidente Enpam Alberto Oliveti – è stata necessaria una variazione al bilancio di previsione 2020 e un incremento delle risorse stanziate. Tuttavia, anche quest’anno abbiamo mantenuto un saldo positivo: proporremo nuovi interventi per il Covid-19»
Oliveti (Enpam): «Il medico di famiglia sia il primario del suo reparto»
«Il Covid ci lascia un futuro con tante fragilità, che obbligano anche la professione a pensare a quale sarà il proprio ruolo Per questo credo che il medico di famiglia debba diventare e sentirsi il primario del suo reparto di medicina fiduciaria, nell’interesse del cittadino che deve trovare un’assistenza primaria multidisciplinare»
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Enpam, ulteriore proroga: entro il 15 ottobre scelta tra rinvio “breve” e “lungo”
L'opzione "rinvio lungo" è riservata a chi ha avuto un calo di fatturato del 33% e ai neo iscritti, va fatta entro il 15 ottobre 2020. Confermate le scadenze per la Quota B 2020
Enpam va verso un nuovo rinvio dei contributi previdenziali
Un ulteriore rinvio per il pagamento dei contributi previdenziali già sospesi per emergenza Covid. La nuova proposta di Enpam
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli