Salute 27 Maggio 2019

Pediatri, appello del SiMPeF: «Adolescenti devono poter scegliere il proprio medico»

L’obiettivo perseguito da sindacato è di riuscire a far approvare norme che permettano ad ogni fanciullo di potersi avvalere del medico che ritenga essere il più adeguato ai propri bisogni

di Federica Bosco

In occasione del trentennale dell’approvazione della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, torna di attualità in ambito sanitario il delicato tema sul medico di famiglia per adolescenti. Secondo le norme in vigore attualmente in Italia infatti i ragazzi, al raggiungimento del quattordicesimo anno di età, sono obbligati ad interrompere il rapporto di fiducia col medico pediatra a prescindere dalla loro volontà. Una costrizione che è stata spesso dibattuta e contestata dalla stessa categoria.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO SIMPEF, MISSAGLIA CONFERMATO PRESIDENTE: «ASSISTENZA PEDIATRICA SIA ALLARGATA AL COMPIMENTO DEL 18° ANNO»

In occasione della prima Assemblea nazionale, che si è svolta sabato 25 maggio a Milano, dopo il rinnovo dello statuto e delle cariche, è partito un appello di SiMPeF, Sindacato Italiano Pediatri di Famiglia, affinché venga rivisto il contratto collettivo su questo tema. «La convenzione delle Nazioni Unite – rimarca il segretario nazionale SiMPeF Rinaldo Missaglia – identifica con chiarezza che il fanciullo, ovvero ogni essere umano con età inferiore ai diciotto anni, ha diritti imprescindibili ovvero di esprimere liberamente la propria opinione su questioni di interesse, tenendola debitamente in considerazione. Ciò è ancora più pressante laddove si tratti della tutela della propria salute. Purtroppo, oggi in Italia gli adolescenti dopo i 14 anni -prosegue il segretario – non hanno il diritto di esprimere liberamente la propria opinione su salute e assistenza medica, essendo obbligati a interrompere il rapporto di fiducia con il pediatra di famiglia a prescindere dalla loro volontà. Come professionisti, ci dichiariamo più che disponibili ad assistere i nostri ragazzi fino al compimento del diciottesimo anno di età, sentendoci responsabilizzati e chiamati in causa quale figura fondamentale per la rispettosa applicazione delle norme, ma anche e soprattutto in qualità di interpreti dello spirito della Convenzione e delle leggi che a questa si ispirano». L’obiettivo perseguito da SIMPeF è di riuscire a tradurre in norme che possano da subito trovare applicazione negli accordi Collettivi Nazionali in via di definizione in modo da permettere ad ogni fanciullo di potersi avvalere del medico, all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, che ritenga essere il più adeguato ai propri bisogni.

Articoli correlati
Bambini post lockdown, lo studio promosso da SIMPE invita all’ottimismo
La survey ha raccolto le risposte di 271 famiglie italiane con figli dai 3 ai 16 anni. E i risultati sono stati sorprendenti
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...