Salute 1 Aprile 2019

Congresso SIMPeF, Missaglia confermato presidente: «Assistenza pediatrica sia allargata al compimento del 18° anno di età»

A Milano si è svolto il settimo congresso Sindacato Medici Pediatri di Famiglia. Il Presidente a Sanità Informazione: «C’è necessità di formare professionisti adeguati a risolvere le questioni emergenti da un punto di vista sanitario, soprattutto in una età di confine adolescenziale dove l’assistenza potrebbe diventare la cosiddetta terra di nessuno»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Con la conferma di Rinaldo Missaglia alla guida di SiMPeF, il Sindacato Medici Pediatri di Famiglia, si è concluso il 7° Congresso nazionale del sindacato dei medici pediatri tenutosi a Milano il 29 e 30 marzo che ha visto la partecipazione di 320 medici chirurghi e 30 infermieri professionali. Alla manifestazione, che ha posto al centro del dibattito novità e conferme in pediatria, si è parlato di problemi legati a nutrizione, disturbi del sonno, asma e problematiche psicosociali degli adolescenti.

«Notiamo esserci la necessità di formare professionisti adeguati a risolvere le questioni emergenti da un punto di vista sanitario, soprattutto in una età di confine adolescenziale – ammette Rinaldo Missaglia al termine del 7° Congresso dei medici pediatri di famiglia – dove l’assistenza potrebbe diventare la cosiddetta terra di nessuno, nel senso che appunto i ragazzi quattordicenni che arrivano al termine della loro assistenza con i pediatri, devono rivolgersi al medico di medicina generale, medico per certi versi sconosciuto alle loro famiglie».

LEGGI ANCHE: IL PARADOSSO DI VANZAGO: 1600 BAMBINI E NESSUN PEDIATRA. IL SINDACO: «CURE A RISCHIO PER CHI NON PUO’ SPOSTARSI»

Cosa si può fare dunque per colmare il gap nella cosiddetta età di confine adolescenziale?

«Dall’impegno che SiMPeF mette rispetto a questi temi, deriva di conseguenza quella che è una rivendicazione di tipo professionale che i pediatri vanno a fare. In particolare, vorrebbero che la possibilità di usufruire dell’assistenza pediatrica, fosse in qualche modo allargata al compimento del 18° anno di età. Questo tra l’altro in osservanza a quello che risulta essere una legge dello Stato».

Dunque, mentre in Italia si lamenta una carenza di medici, dall’altra si vorrebbe alzare l’età dell’assistenza pediatrica ai 18 anni, due facce della stessa medaglia che necessitano di una regolamentazione per fare chiarezza nella categoria…

«Per il 50% i medici pediatri di famiglia sono un po’ datati, quindi nei prossimi anni potrebbe esserci un calo assoluto di professionisti che possano svolgere l’attività, ecco perché in qualche modo le Regioni stanno rivendicando rispetto al ministero la possibilità di formare in proprio dei professionisti e degli specialisti, nella fattispecie pediatri, anche per contrastare ed intercettare quella che potrebbe diventare una problematica. Tra l’altro quello che avviene in altri paesi, senza citare gli Stati Uniti d’America, ma anche in altre realtà dove il pediatra, soprattutto se collegato in forme associative con altri colleghi, può censire ed assistere un numero che può aumentare rispetto a quello attuale. Da questo punto di vista anche quella che è una riforma che oggi si è fermata, intendo quella di favorire l’aiuto ambulatoriale sia di tipo infermieristico che segretariale, è una buona cosa se ripresa e resa disponibile per tutti i pediatri italiani ed i loro assistiti».

 

 

Articoli correlati
Abusi sui minori, maglia nera per il Sud Italia. Gasparini (Federico II): «Fondamentale ruolo dei pediatri, sì a formazione specifica»
In Campania la prevenzione ai maltrattamenti entra nei Livelli Essenziali di Assistenza. La presa in carico passerà dal Comune alla ASL
Carenza medici, De Poli (Udc): «Serve riforma della formazione, Governo agisca»
Il senatore dell'Unione di Centro sottolinea: «È impensabile programmare di formare 10 laureati in Medicina e poi finanziare le borse di specializzazione solo per 5 di loro. Si crea un imbuto formativo che sta strozzando il nostro sistema»
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Specialisti ambulatoriali, la Campania è senza Accordo Integrativo Regionale. Peperoni (Sumai): «Campani hanno poche strutture di riferimento»
Il Vice Presidente nazionale Sumai sottolinea: «In mancanza di un Accordo Integrativo - spiega - resta difficile far lavorare al meglio questi specialisti». Il segretario campano Buoninconti aggiunge: «Manca volontà di investire sul territorio, auspichiamo fine del Commissariamento ed equa ridistribuzione dei fondi»
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone