Salute 26 Gennaio 2017

Paura dei vaccini? La ricerca: è colpa del web. «Ecco come le bufale partono dai social e Google le amplifica»

Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma: «Internet influenza l’opinione pubblica, ecco perché a differenza del passato, oggi i vaccini vengono percepiti con diffidenza». Dal “Bambin Gesù” arriva la guida contro i falsi miti delle vaccinazioni

Da dove nasce la paura dei vaccini? Considerando che in passato le coperture vaccinali hanno salvato migliaia di persone e hanno contribuito a debellare patologie gravissime, ci si chiede il motivo di questo scetticismo da parte di un’ampia fetta dell’opinione pubblica. «La colpa è delle bufale on line» spiega Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma, tra le principali realtà italiane specializzate nelle ricerche di mercato in campo farmaceutico.

«L’influenza di internet, per quanto riguarda i vaccini, è elevatissima. Mi riferisco non solo ai siti ma anche e soprattutto ai social network».

A questo riguardo MediPragma ha stimato un impatto intorno al 15-20% dei social sull’opinione comune in termini di cambiamento dei comportamenti rispetto al passato. « Un dato importante – prosegue Corsaro -. C’è anche da dire un’altra cosa. Rispetto ad altri tipi di situazioni monitorate, di notizie meno rilevanti o di bufale, la dinamica di come si distribuisce o come si evolve la problematica dei vaccini su internet è molto peculiare e diversa da altre situazioni. L’informazione parte dai social network ma viene rimbalzata e amplificata da Google. E quindi dai motori di ricerca. Di contro in altri tipi di patologie, di situazioni e messaggi, l’informazione parte dalle news dei blog e poi viene ripresa dai social network. In questo caso invece è il contrario. E sappiamo quanto oggi sia di spicco la posizione dei social».

A questo proposito, molto interessante l’iniziativa dell’Istituto per la Salute dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma che ha messo a disposizione online il magazine digitale “A Scuola di Salute”. Una guida che spiega in maniera semplice e chiara tutto quello che c’è da sapere sui vaccini e su come tenersi lontano dalle bufale che circolano on line. Infatti lo speciale è stato pensato per smentire una serie di false credenze che alimentano paure infondate. Tra queste, il timore che i vaccini vengano somministrati troppo presto e che siano correlati all’insorgere dell’autismo; in particolare quelli contro morbillo, parotite e rosolia.

Articoli correlati
“Offre l’Italia”, la campagna social di FNOMCeO contro la fuga dei medici all’estero
«Ogni anno, 1500 medici vanno a specializzarsi all’estero. E non tornano. Costano all’Italia oltre 225 milioni», spiega la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO)
Corinaldo, grande successo per il primo Disconnect day d’Italia
Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente […]
Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»
«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale
“Libertà” e “giù le mani dai bambini”, ‘free vax’ in piazza a Roma tra slogan e delusione
A Piazza Santi Apostoli e in Piazza Monte Citorio si sono radunati tutti i contestatori dell’obbligo vaccinale. Preso di mira il virologo Roberto Burioni. In molti delusi da Lega e M5S: «Ad oggi solo parole, vogliamo la fine dell’obbligo vaccinale»
Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»
«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...