Salute 18 Agosto 2021 16:22

Papa Francesco ai popoli: «Vaccinarsi è un atto d’amore»

In un videomessaggio il Pontefice si è rivolto al mondo intero ribadendo la necessità di vaccinarsi per il bene di tutti. Il ministro Speranza e Anelli (FNOMCEO) lo hanno ringraziato

Papa Francesco ai popoli: «Vaccinarsi è un atto d’amore»

«Con spirito fraterno, mi unisco a questo messaggio di speranza in un futuro più luminoso. Grazie a Dio e al lavoro di molti, oggi abbiamo vaccini per proteggerci dal Covid-19. Questi danno la speranza di porre fine alla pandemia, ma solo se sono disponibili per tutti e se collaboriamo gli uni con gli altri». Il videomessaggio di Papa Francesco prende ancora una volta posizione a favore del vaccino in un videomessaggio diretto ai popoli.

«Vaccinarsi, con vaccini autorizzati dalle autorità competenti, è un atto di amore – prosegue il Pontefice -. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto di amore. Amore per sé stessi, amore per familiari e amici, amore per tutti i popoli».

«Vaccinarci – aggiunge Bergoglio – è un modo semplice ma profondo di promuovere il bene comune e di prenderci cura gli uni degli altri, specialmente dei più vulnerabili. Chiedo a Dio che ognuno possa contribuire con il suo piccolo granello di sabbia, il suo piccolo gesto di amore. Per quanto piccolo sia, l’amore è sempre grande. Contribuire con questi piccoli gesti per un futuro migliore. Che Dio vi benedica e grazie!».

Il ringraziamento di Speranza e Anelli

Un amore che «è anche sociale e politico, c’è amore sociale e amore politico, è universale, sempre traboccante di piccoli gesti di carità personale capaci di trasformare e migliorare le società». “Grazie Papa Francesco” lo ringrazia immediatamente il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Al ministro ha fatto eco anche il presidente degli Ordini dei Medici (FNOMCEO) Filippo Anelli. «Grazie Papa Francesco per le parole semplici e profonde: è vero, vaccinarsi è un atto d’amore, verso se stessi, verso il prossimo e verso tutti i popoli». «I virus non hanno confini – sottolinea – e si diffondono e mutano, più rapidamente se esistono popolazioni in gran parte non vaccinate. È per questo che, sia per ragioni etiche, sia per ragioni di politica sanitaria, è necessaria una campagna che raggiunga tutti i popoli».

«Chiediamo dunque all’Europa – rilancia Anelli – un’azione forte, per vaccinare anche i Paesi che non sono nelle condizioni di produrre o comprare grandi quantità di vaccini. Penso alla liberazione dei brevetti, certo, ma anche ad aderire alle sollecitazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità e destinare una parte delle dosi già acquistate in vista del booster ai Paesi più poveri, somministrando la terza dose, per ora e dopo le opportune valutazioni epidemiologiche, solo ai soggetti fragili o più esposti al virus. Solo così – conclude il presidente FNOMCEO – riusciremo a vaccinare il mondo, proteggendoci tutti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
ReiThera, Tiramani (Lega): «Speranza batti un colpo, mille persone ingannate due volte»
«Il 6 agosto è ormai dietro l’angolo e nelle stanze del ministro Speranza tutto tace sul Green pass per le mille persone che si sono offerte per fare la sperimentazione sul vaccino ReiThera. Ci sono mille persone in agitazione perché devono programmare le loro attività, ma non possono avere il Green Pass. La sperimentazione di […]
Covid-19, il Comitato bioetica: «Sul vaccino decide adolescente, non genitore»
«La sua volontà prevale». Nel caso rifiuti l'iniezione, «va informato ma non obbligato»
Settimana Mondiale Allattamento, UNICEF-OMS: «Agisce come primo vaccino, proteggendo i bambini da malattie dell’infanzia»
L'UNICEF e l'OMS raccomandano l'allattamento esclusivo per i primi sei mesi di vita, a partire dalla prima ora dalla nascita. «Offre una potente linea di difesa da tutte le forme di malnutrizione infantile, che comprende ritardi nella crescita e obesità»
Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»
«Dateci la possibilità di vaccinare i ragazzi – spiega il presidente della Federazione italiana medici pediatri a Sanità Informazione - ce la metteremo tutta non appena avremo disponibilità di dosi nei nostri studi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco