Salute 25 Novembre 2019

Santobono-Pausillipon, Zampa (Sottosegretario Salute): «Eccellenza del Sistema sanitario da aiutare e sostenere»

Il sottosegretario, nel visitare la struttura napoletana, ha voluto anche portare la propria solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre

«L’Azienda Ospedaliera Santobono Pausillipon rappresenta un’eccellenza del Sistema Sanitario pubblico di assistenza pediatrica che deve essere aiutata e sostenuta, anche attraverso il riconoscimento di IRCCS. Sono rimasta davvero colpita dalla capacità di affrontare contemporaneamente la sfida dell’alta specializzazione e quella dell’emergenza quotidiana. Una sfida che ogni giorno si consuma con numeri di accesso molto alti e grazie a professionalità straordinarie».

Lo ha dichiarato la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, in visita questa mattina al Santobono-Pausillipon di Napoli per approfondire temi e problemi della medicina pediatrica.

«100mila ricoveri l’anno, 400 posti letto, 1.100 dipendenti, 2 presidi ospedalieri e 6 dipartimenti. Numeri che certificano l’unicità di questa struttura dedicata interamente ai bambini e alle loro famiglie, un punto di riferimento nell’assistenza pediatrica sia nel settore dell’emergenza-urgenza che dell’alta complessità, delle cronicità e della riabilitazione intensiva», ha aggiunto Zampa.

LEGGI ANCHE: RETE 5G E SALUTE, IL SOTTOSEGRETARIO ZAMPA: «FIDUCIA IN SCIENZA, NON TRASFORMIAMOLO IN UN NUOVO CASO VACCINI»

«Il colloquio e il confronto di oggi al Santobono, e per i quali ringrazio il Direttore Generale Dottoressa Anna Maria Minicucci e tutti i clinici che hanno partecipato con entusiasmo all’incontro che mi hanno permesso di conoscere meglio il tema, rappresentano l’avvio di un’attività di ascolto che proseguirà nei prossimi mesi, volta a comprendere come meglio sostenere e promuovere l’impegno di quanti sono a contatto con la salute dei bambini».

«Ringrazio in particolare Paolo Siani che ha messo a mia disposizione la propria competenza oltre all’amicizia. Oggi ho voluto anche esprimere la mia solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre. Occorre fare in modo che la legge che tutela quanti lavorano nel mondo della sanità venga al più presto calendarizzata per una rapida approvazione alla Camera. Chi lavora deve poterlo fare in sicurezza e nell’assoluto rispetto della propria integrità fisica e psicologica», ha concluso la Sottosegretaria Zampa.

Articoli correlati
Tifosi del Napoli in piazza per festeggiare la Coppa Italia, Guerra (OMS): «Sciagurati, non ce lo possiamo permettere»
Dura presa di posizione del Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dopo gli assembramenti di ieri
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
Zampa (Sottosegretario Salute): «Riequilibrare poteri tra Stato e regioni. Dissidi vanno a discapito dei cittadini»
Sono tre i punti da cui ripartire dopo l’emergenza Covid. In primis una diversa relazione tra regioni e Stato centrale nella gestione della sanità, con un anche diverso equilibrio di poteri. Non sono una fautrice di un riaccentramento ma sicuramente serve un ripensamento. Purtroppo in questi mesi è andata in scena una contrapposizione tra governo […]
di Sandra Zampa, Sottosegretario di Stato alla Salute
AO dei Colli (Napoli): «Ora non abbassare la guardia»
L’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO) non abbassa la guardia anche con la ripresa delle attività ordinarie. L’Ospedale Cotugno, polo infettivologico del Sud Italia, ha affrontato e affronta l’emergenza Covid in prima linea. Nonostante il numero dei ricoveri sia fortunatamente calato sia nei posti ordinari che di terapia intensiva e sub intensiva, […]
di Azienda Ospedaliera dei Colli
Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?
L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...