Salute 23 gennaio 2017

Osas può provocare problemi psichiatrici. Familiari (odontoiatra): «Depressione frequente fra pazienti»

Le Apnee Ostruttive del Sonno possono essere la miccia di molte patologie, una fra tutte sbalzi d’umore frequenti e alterazioni psico-fisiche. Sonia Familiari, odontoiatra esperta di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno: «C’è una solido legame fra Osas e sbalzi d’umore»

Quello delle Apnee Ostruttive nel Sonno è un problema che affligge un gran numero di persone portando con sé diversi effetti negativi a carico della salute fisica e mentale del paziente. Questa sintomatologia, che consiste in una riduzione del flusso d’aria alla vie respiratorie durante il sonno, può causare problemi anche alla salute psichica di chi ne soffre. I pazienti affetti da Apnee Ostruttive nel Sonno, infatti, sono più inclini alla depressione. Tuttavia non è ancora stato chiarito se la depressione in questi casi sia una conseguenza primaria della malattia oppure se compaia in conseguenza dei sintomi dell’Osas. Sull’argomento ascoltiamo il parere di Sonia Familiari, odontoiatra tra i principali esperti di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno.

Dottoressa quali sono i rischi per il paziente afflitto da Osas?

«Per quanto riguarda i sintomi delle Apnee Ostruttive del Sonno, la prima manifestazione che può insospettire è chiaramente il russamento. Questo genere di sintomo viene segnalato in genere dal partner di letto del paziente in questione. Gli altri sintomi, che poi sono degli effettivi rischi per la salute, sono problemi cardiovascolari, ictus, malattie metaboliche e endocrinologhe, fino ad arrivare agli sbalzi d’umore. Purtroppo Osas può dare origine anche a problemi psichiatrici, dagli sbalzi d’umore legati all’ipo-ossigenazione notturna cronica fino alla depressione vera e propria. Questa constatazione si è rafforzata negli ultimi anni con una serie di studi analitici proprio sulla connessione esistente fra Apnee Ostruttive del Sonno e problemi psichiatrici».

Nell’ottica della prevenzione, elemento fondamentale per diminuire l’impatto che l’Osas sta avendo sulla collettività, è fondamentale la funzione del medico di base. Il medico generico infatti ha la funzione di sentinella ed è colui che, avendo anche un rapporto maggiormente intenso e più frequente con i pazienti, deve accorgersi del problema e segnalarlo al paziente che poi si deve rivolgere a strutture specializzate.

Quanto è importante il ruolo del medico di base nel segnalare i primi sintomi di Osas?

«Il suo ruolo è fondamentale. Le persone si rivolgono primariamente al medico di base. Certo, mi rendo perfettamente conto che, fare medicina a tutto tondo, non è sicuramente cosa semplice, ma è assolutamente necessario che il medico generico indirizzi i pazienti in un percorso corretto».

Articoli correlati
Il professor Enrico Gherlone è il nuovo rettore dell’Università Vita-Salute San Raffaele. L’intervista a Sanità Informazione
Il professore è stato votato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione dell’università. Ai nostri microfoni evidenziava la necessità di implementare l’offerta di odontoiatria pubblica
Test di ingresso a medicina, ecco com’è andata. Rettori al Governo: «Aumentare posti fino a 15mila»
Solo 100 minuti per rispondere a 60 quesiti: 67mila aspiranti medici alle prese con la temuta prova. A Roma le organizzazioni studentesche hanno esposto striscioni di contestazione. Il rettore del primo ateneo romano: «È uno sforzo possibile aumentare le borse di specializzazione. Un investimento per il Paese»
Siglato l’accordo tra il Gruppo ospedaliero San Donato e Nmc Healthcare
Garantire ai pazienti un livello di assistenza sicuro e di elevata qualità, facilitando la formazione e lo sviluppo del personale medico per ottenere i migliori risultati diagnostici e terapeutici. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato il 26 agosto tra il Gruppo ospedaliero San Donato e BRS Ventures Investment Ltd, capofila di Nmc Healthcare, il più grande […]
Odontoiatri, boom laureati all’estero: sono il 40% dei nuovi iscritti all’Albo
Il Presidente Cao Iandolo: «Dato di cui tenere conto per una corretta programmazione». Tra i motivi quello di aggirare il test d’ingresso o la volontà di fare esperienza fuori dall’Italia
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...